Chiara Panzuti

Absence – Il gioco dei quattro

Fazi Editore, 2017
avatar

Postato da
il

Si arriva al punto in cui sei sul ciglio del tuo limite e lo devi superare.

Una storia in bilico tra realtà e mistero: tra ciò che può essere e ciò che invece non potrebbe, ma è.

Faith, Jared, Scott e Christabel vivono vite diverse, senza alcun punto di congiunzione: non sono amici, nemmeno si conoscono. Eppure all’improvviso le loro esistenze vengono sconvolte da un evento inspiegabile, che li catapulta nel peggiore degli incubi: diventano completamente invisibili al resto del mondo, famiglie comprese.
Alcuni indizi lasciano intendere che non si tratti di autosuggestione, nè di un terribile scherzo del destino. La loro scomparsa è frutto di un disegno ben architettato, ma da chi e perchè? Ed è possibile sottrarvisi in qualche modo?
I quattro ragazzi si rendono conto che solo insieme possono sperare di uscire da questa situazione angosciante.

Il romanzo di Chiara Panzuti – ben scritto – ha un grande pregio: riesce a proporre in una appassionante storia di fantascienza temi profondi ed intensi.
Nel susseguirsi degli eventi infatti l’autrice lascia spazio alle riflessioni dei protagonisti: ragazzi in cerca di una propria identità, spesso sopraffatti dal timore dell’abbandono, desiderosi di vivere in un mondo che non si fermi alle apparenze, che sappia cogliere le diversità ed i bisogni di ciascuno.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche
Resta anche domani – Gayle Forman
Ogni giorno – David Levithan
Schegge di me – Tahereh Mafi

e guarda anche
Cloud Atlas – Lana Wachowski
Dark – Baran Bo Odar

Leggi tutto ►

Non la solita reading challenge!

Extra Reading: A Challenge!

avatar

Postato da
il

Extra Reading: A Challenge! è il nostro modo per accompagnarvi lungo il 2018!

E’ una gara con voi stessi attraverso undici tematiche che spaziano dalla fantascienza al racconto storico.

Per rispettare lo spirito del nostro blog, non ci limitiamo a proporvi di leggere libri ma vi invitiamo anche ad ascoltare album e vedere film!

E quale miglior modo per fare le vostre scelte se non viaggiare tra le pagine di ExtratimeBlog? Noi abbiamo selezionato alcuni titoli ma potete trovare molte altre proposte tra le nostre recensioni!

reading-challenge-locandina

Un libro/album/film che parli di universi paralleli

ad esempio…
Il ragazzo dei mondi infiniti- Neil Gaiman- Michael Reaves
Reckless. Lo specchio dei mondi- Cornelia Funke
Labyrinth. Dove tutto é possibile- Jim Henson
Silver- Kerstin Gier
La sposa cadavere- Tim Burton, Mike Johnson
La casa per bambini speciali di Miss Peregrine- Ransom Riggs
Constantine- Francis Lawrence
Coraline e la porta magica- Henry Selick

Un libro/album/film con un colore nel titolo

ad esempio…
Rosso il sangue- Salla Simukka
Kind of Blue- Miles Davis
Cuore nero- Dean Koontz
Cappuccetto rosso sangue- Catherine Hardwicke
Regina rossa- Victoria Aveyard
Sofia si veste sempre di nero- Paolo Cognetti
Il rosso e il blu- Giuseppe Piccioni
Back in Black- ACϟDC
Porco Rosso- Hayao Miyazaki

Un libro/album/film pubblicato nel tuo anno (o decennio) di nascita

Un libro o un film il cui protagonista sia dotato di super poteri o non sia umano

ad esempio…
I doni- Ursula K. Le Guin
Logan. The Wolverine- James Mangold
Iron Man- Jon Favreau
X-Men- Bryan Singer
Ogni giorno- David Levithan
Paul- Greg Mottola
Shiver- Maggie Stiefvater
The Hunt- Andrew Fukuda
La fata delle tenebre- Holly Black

Un libro o un film ambientato in un’epoca diversa dalla tua (nel passato o nel futuro)

ad esempio…
Le porte di fuoco – Steven Pressfield
Gli occhi di Venezia – Alessandro Barbero
After earth- M. Night Shyamalan
L’uomo che veniva da Messina – Silvana La Spina
L’ultima dei Neanderthal – Claire Cameron
Orphan Black- Graeme Manson, John Fawcett
Le belle cece – Andrea Vitali
La masseria delle allodole – Antonia Arslan
Miss Charity – Marie-Aude Murail
Sleep with the beast- The National
Pirate – Celia Rees
Io Busketo – Sergio Costanzo

Un libro o un film ambientato in un’epoca o in un mondo in cui non vorresti mai vivere

ad esempio…
Storia di una ladra di libri – Markus Zusak
In Time- Andrew Niccol
La peste – Albert Camus
Chaos. La guerra- Patrick Ness
Il cuore coraggioso di Irena – Daniela Palumbo
L’ultimo lenzuolo bianco. L’inferno e il cuore dell’Afghanistan- Farhad Bitani
Immagina di essere in guerra – Janne Teller
Bunker Diary- Kevin Brooks
Il cerchio- Dave Eggers
La masseria delle allodole- Antonia Arslan

Un libro o un film il cui protagonista debba affrontare una sfida difficile (ambientato nel mondo reale)

ad esempio…
Tartarughe all’infinito – John Green
Eppure cadiamo felici – Enrico Galiano
Melody – Sharon M. Draper
Quello che gli altri non vedono – Virginia Mac Gregor
Due o tre cose che avrei dovuto dirti – Joyce Carol Oates
Mi chiamo Chuck – Aaron Karo
Vuoti di memoria – Hervé Jaouen
La custode di mia sorella – Jodi Picoult
Il cuore sulla fronte – Loredana Frescura
Sirena mezzo pesante in movimento – Barbara Garlaschelli
Colpa delle stelle – John Green
Valeana – Martita Faldin
Borderline – Valentina Colombani

Un libro da cui sono stati tratti film o serie tv

ad esempio…
Le cronache del ghiaccio e del fuoco- George R. R. Martin
Tredici- Jay Asher
Resta anche domani- Gayle Forman
Colpa delle stelle- John Green
La quinta onda- Rick Yancey
Il domani che verrà- John Marsden
Hunger games- Suzanne Collins

Un libro o un film che parli di razzismo

ad esempio…
Il ragazzo nuovo- Tracy Chevalier
Io sono la neve- Elisabeth Laban
Niente da dichiarare?- Dany Boon

Un libro o un film con un personaggio lbgt

ad esempio…
Smalltown Boy- Marco Campogiani
Milk- Gus Van Sant
Hozier- Hozier
The Imitation Game- Morten Tyldum
Luna- Julie Anne Peters

Un libro o un film che parli di amore per la musica

ad esempio…
La comparsa- Abraham B. Yehoshua
La La Land- Damien Chazelle
La vita accanto- Mariapia Veladiano
Naked- Kevin Brooks
Non so- Lorenzo Licalzi
Whiplash- Damien Chazelle
Tutti i battiti del mio cuore- Jacques Audiard
Frank- Lenny Abrahamson

Leggi tutto ►

Matt Ross

Capitan Fantastic

2016, Usa, Good Film
avatar

Postato da
il

“Ho fatto un errore bellissimo ma un errore. E io lo sapevo…”

Ben e la moglie hanno scelto di crescere i loro sei figli lontano dalla città e dalla società, nel cuore di una foresta del Nord America. Sotto la guida costante del padre, i ragazzi, tra i cinque e i diciassette anni, passano le giornate allenandosi fisicamente e intellettualmente: cacciano per procurarsi il cibo, studiano le scienze e le lingue straniere, si confrontano sulle conquiste scientifiche e le ultime teorie in campo matematico,  sui capolavori della letteratura e sulle conquiste della Storia. Suonano, cantano, festeggiano il compleanno di Noam Chomsky e rifiutano il Natale e la società dei consumi. Ma sarà la morte della madre a gettare la famiglia in pasto al mondo reale mettendo in discussione un modello utopico così estremo e spingendo tutti  verso radicali cambiamenti.

Questa commedia agrodolce si regge sulla magistrale interpretazione di Viggo Mortensen  e George MacKay che interpreta il primogenito Bodevan, ormai pronto per il college. Queste due anime incarnano perfettamente il conflitto che l’educazione del domani sarà costretta a sostenere per mantenere i giovani liberi e autonomi rispetto alla società dei consumi, senza però farli rinunciare alla vita reale che non è, appunto, solo competizione o scontro ma anche incontro con l’altro e le sue realtà. E il padre Ben incarna perfettamente la contraddizione che si genera nella figura paterna che ha assunto su di sé il ruolo di educatore e anche di padre finendo poi per diventare un dittatore con il quale è impossibile dialogare senza scivolare in slogan o criptiche parlate in esperanto per non farsi scoprire. Capitan fantastic è appunto l’incarnazione del super eroe (il padre) che non riesce a sostenere il peso della realtà e della verità stessa che la vita sia un enorme compromesso con la nostra libertà e quella degli altri per mantenere una società più giusta e solidale.

Tra scene esilaranti e momenti drammatici affiorano anche le ottime interpretazioni recitative dell’intero cast.

Se ti è piaciuto guarda anche:
Into the Wild – Sean Penn

Ascolta anche:

Eddie Vedder – Water On The Road (full concert)

Leggi anche:
I padroni dell’umanità – Noam Chomsky

capitan-fantastic

Genere: drammatico, commedia

Regia: Matt Ross

Sceneggiatura: Matt Ross

Distribuzione: Good Films

Fotografia: Stéphane Fontaine

Montaggio: Joseph Krings

Musiche: Alex Somers

Cast: Viggo Mortensen, George MacKay,  Samantha Isler,  Annalise Basso, Steve Zahn, Kathryn Hahn, Frank Langella,  Ann Dowd, Missi Pyle, Erin Moriarty

Leggi tutto ►

Brian Yorkey

Thirteen Reasons Why

2017, Netflix
avatar

Postato da
il

Spero tu sia pronto, perché sto per raccontarti la storia della mia vita. Ad esser più precisi, del perché la mia vita è finita. Se stai ascoltando queste registrazioni, allora tu sei uno dei motivi.

Tredici come le ragioni da esplorare per comprendere il gesto di Hannah, protagonista di questa potente serie tv targata Netflix. Hannah decide di suicidarsi ma prima incide sette cassette, side a e b, ovvero tredici nastri in cui narra le ragioni che l’hanno spinta a perdere ogni speranza nel futuro. Ogni cassetta è dedicata ad una persona che inconsapevolmente ha reso la vita di questa giovane un peso insostenibile. I nastri arrivano ai destinatari in ordine rigoroso tramite il passaparola; sorvegliato dal fedelissimo Tony. Sarà Clay, forse l’unico amico di Hannah, a inseguire la verità in sella alla sua bicicletta accompagnandoci dentro i segreti, i dolori e i piccoli tentativi di umanità andati ormai in fumo.
Tratta dal best seller di Jay Asher e adattata per il piccolo schermo da Brian Yorkey, la serie ricalca fedelmente il romanzo, ma amplia la narrazione perfezionandone la trama e coinvolgendo più personaggi, non soltanto quelli di Clay e Hannah Baker ma anche tutti i ragazzi che sembrano avere un peso irrilevante nella narrazione romanzesca. Justin deve fare i conti con una madre assente e alle prese con la dipendenza, Jessica affoga i suoi problemi nell’alcol e negli eccessi, Alex è fragile e subisce la pressione dell’essere il figlio di un poliziotto, Courtney non sa come rivelare ai suoi papà di essere omosessuale, Marcus non vuole ammettere i suoi errori, Zach deve fare i conti con un’immagine da mantenere fin troppo perfetta. Se il libro è un romanzo sulle conseguenze del bullismo, la serie tv invece arriva ad assumere persino i toni di un thriller psicologico, con un crescendo di tensione per la storia di Hannah e per i segreti che via via vengono svelati.
Siamo davanti a un prodotto potente, non perfetto, ma sicuramente di enorme pregio. Non è solo una serie sulle conseguenze devastanti del bullismo, sulla violazione della privacy e l’uso delle persone come oggetti privi di ogni significato. E’ soprattutto una serie sull’ascolto, sulla pazienza, sul provare a capire l’altro, sul superare i nostri preconcetti e i nostri giudizi per lasciare che una persona ci possa raccontare cosa l’attraversa. E’ una serie sulla speranza, sulla poesia dei piccoli momenti in cui siamo davvero in sintonia con chi ci comprende e sul coraggio che dobbiamo esprimere per difendere quell’istante di verità da forze esterne così sinistre quanto umane e basse.
Gli attori dimostrano una buona tenuta e grandissima colonna sonora.

Se ti è piaciuto leggi anche il libro da cui è tratto: 13 di Jay Asher
Due o tre cose che avrei dovuto dirti,  J.C. Oates 

Guarda anche:

R.J.Culter, Resta anche domani 

Ascolta la colonna sonora della serie:

tredici_serie_tv

 

Genere: Drammatico
Ideatore: Brian Yorkey
Cast: Dylan Minnette , Katherine Langford , Christian Navarro, Alisha Boe, Brandon Flynn, Justin Prentice, Miles Heizer, Ross Butler, Devin Druid, Amy Hargreaves, Derek Luke, Kate Walsh

Leggi tutto ►

R. J. Cutler

Resta anche domani

USA, 2014
avatar

Postato da
il

Non è stupefacente come la vita vada in un certo modo e poi, in un istante, cambi tutto? All’improvviso.

Un istante qualsiasi di una giornata qualsiasi.
Una piccola distrazione.
E la vita di un’intera famiglia viene stravolta.

Mia Hall, appassionata di musica classica, si è sempre sentita fuori posto nella sua famiglia di rockettari.
Nonostante carattere e interessi siano opposti a quelli dei suoi genitori e del suo fratellino, l’amore profondo che permea la sua casa le permette di vivere un’esistenza serena e senza conflitti.

La sua vita non potrebbe essere più tranquilla, ora che è presa dal suo incredibile fidanzato e in attesa di sapere se è stata ammessa alla prestigiosa scuola di musica Julliard.

In un giorno di inaspettata vacanza da scuola (chiusa per il rischio di nevicate), la famiglia Hall è vittima di un gravissimo incidente stradale.

Mia si risveglia in una sorta di limbo: vede se stessa ferita e portata in ospedale, ma nessuno percepisce la sua presenza. I suoi genitori sono morti e il suo fratellino è in condizioni gravissime.

Sospesa tra la vita e la morte, spetterà a lei decidere se le ragioni per svegliarsi saranno più forti delle perdite che ha subito.

Resta anche domani è tratto dal bel romanzo di Gayle Forman, di cui riprende fedelmente trama e atmosfere. Il racconto è arricchito dall’ottima colonna sonora che rende la musica uno dei protagonisti della storia.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…
Colpa delle stelle- Josh Boone
Amabili resti- Peter Jackson
Cloro- Lamberto Sanfelice

…e leggi anche…
Raccontami di un giorno perfetto- Jennifer Niven
Tokyo Blues. Norwegian Wood- Haruki Murakami
Io e te all’alba- Sanne Munk Jensen e Glenn Ringtved
Noi siamo grandi come la vita- Ava Dellaira
Tredici- Jay Asher
I kill giants- Joe Kelly- JM Ken Niimura

Resta anche domani-R. J. Cutler

Regia: R. J. Cutler
Sceneggiatura: Shauna Cross
Soggetto: Gayle Forman
Musiche: Heitor Preira
Durata: 106′

Interpreti e personaggi
Chloe Grace Moretz: Mia Hall
Mireille Enos: Kat Hall
Jamie Blackley: Adam
Joshua Leonard: Danny Hall
Liana Liberato: Kim

Leggi tutto ►

Stuart Beattie

Il domani che verrà- The tomorrow series

Australia, 2010
avatar

Postato da
il

L’unica nostra certezza era che, per il momento, eravamo liberi.
Ma non avevamo fatto niente per guadagnarci quella libertà.

Almeno non ancora.

Ellie e Corrie, amiche da sempre, decidono di partire con alcuni amici per un fine settimana nella selvaggia natura australiana.
Al ritorno, i ragazzi trovano le loro case abbandonate.
I genitori sono scomparsi.
La televisione, internet e le linee telefoniche sono fuori uso.
Mentre si trovavano lontani, un esercito straniero ha invaso l’Australia, nel tentativo di trovare nuove terre in cui insediare la propria popolazione.
Non resta altro da fare che cercare di trovare un rifugio sicuro, in cui fuggire agli invasori. Ma salvarsi non sembra essere sufficiente: i ragazzi decidono di combattere.
Il domani che verrà- The tomorrow series è la trasposizione cinematografica dell’ottimo omonimo romanzo di John Marsden.
Nel film, così come nel libro, il desiderio di avventura dei protagonisti sfocia nella consapevolezza di dover fare qualcosa in prima persona per riprendere le fila della propria vita.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…
Maze runner. Il labirinto- Wes Ball
Divergent- Neil Burger

…leggi anche…
Immagina di essere in guerra- Janne Teller
Hunger games- Suzanne Collins
La bomba- Todd Strasser
YA- Roberto Recchioni
Berlin- Fabio Geda e Marco Magnone

…e ascolta anche…
The Pretender- Foo Fighters
Muse- Uprising

Il domani che verrà- Stuart Beattie

Regia: Stuart Beattie
Soggetto: John Marsden
Sceneggiatura: Stuart Beattie
Durata: 100′

Interpreti e personaggi
Caitlin Stasey: Ellie Linton
Rachel Hurd-Wood: Corrie Mackenzie
Lincoln Lewis: Kevin Holmes
Deniz Akdeniz: Homer Yannos
Phoebe Tonkin: Fiona Maxwell
Chris Pang: Lee Takkam
Ashleigh Cummings: Robyn Mathers

Leggi tutto ►

Ava Dellaira

Noi siamo grandi come la vita

Sperling & Kupfer, 2014
avatar

Postato da
il

Invece nessuno può salvarci. Non da noi stessi. Ci addormentiamo sulle colline ai piedi delle montagne, e arriva il lupo. E speriamo che qualcuno ci svegli. O che lo cacci via. O che lo ammazzi.
Ma poi ti rendi conto che il lupo è dentro di te, ed è allora che ne hai la piena consapevolezza: non puoi sfuggirgli. E nessuno di quelli che ti amano può ucciderlo, perchè è parte di te. Vedono la tua faccia impressa su di lui. E non sparano.

Laurel ha quindici anni e sulle spalle il peso di una storia familiare tutt’altro che semplice, segnata dalla morte dell’amatissima sorella, May, e dalla fuga della madre all’indomani della tragedia.
Una vita fatta di ricordi, segreti e sensi di colpa, che passa attraverso emozioni profonde e drammatiche, con un ritmo lento e pacato, per nulla eclatante. Pare quasi che la sofferenza si insinui nella quotidianità di Laurel piano piano, in punta di piedi. E che lei si lasci trasportare dal fluire degli eventi senza opporvisi, quasi una resistenza passiva.
Eppure in Laurel piano piano qualcosa cambia: è l’inarrestabile soffio della vita, che si manifesta regalandole amicizie ed amore, sentimenti ed emozioni intense. L’intima sofferenza di Laurel pare quindi quasi compensata e finalmente riesce a fare i conti con i propri conflitti irrisolti.
In questo bel romanzo epistolare, Ava Dellaira dà voce alle discrete richieste di aiuto di chi ancora giovane è segnato dalla vita ed insegna che si può passare attraverso il dolore, riaffacciandosi al mondo e costruendo con passi cauti, ma determinati, il proprio futuro.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche
Ragazzo da parete – Stephen Chbosky
Le vergini suicide – Jeffrey Eugenides
L’eleganza del riccio – Muriel Barbery
Tredici – Jay Asher
La pioggia prima che cada – Jonathan Coe
Amy Winehouse Fino alla morte
Graffi in paradiso – La vita e i tempi di Janis Joplin
Kurt Cobain – Più pesante del cielo

… vedi anche
Noi siamo infinito – Stephen Chbosky
Donnie Darko – Richard Kelly
Il cavaliere oscuro – Christopher Nolan
Stand by me Ricordo di un’estate – Rob Reiner
Bright Star – Jane Campion
Amelia – Mira Nair

ed ascolta anche
Back to black – Amy Winehouse
In utero – Nirvana
Nevermind – Nirvana
The Doors – The Doors
Half Moon – Janis Joplin

 

Leggi tutto ►

Joe Kelly- JM Ken Niimura

I kill giants

Bao Publishing, 2015
avatar

Postato da
il

Trovo i giganti.
Do la caccia ai giganti.
Uccido i giganti.

Mostri e giganti possono essere, forse, più semplici da affrontare e sconfiggere di certe quotidianità. Così è per Barbara Thorson e i suoi fratelli che affrontano, ciascuno a suo modo la malattia della mamma.

Barbara sa alla perfezione come affrontare e sconfiggere i giganti e custodisce il magico martello Coveleski, costruito con il solo scopo di distruggere queste creature.
Quello che non riesce a fare è parlare dei propri sentimenti e dei propri problemi quotidiani. Per questo, non ha amici e viene presa costantemente di mira da un gruppo di ragazze della sua scuola.
A Barbara non importa perché nulla potrà essere peggio dell’orrore che si nasconde nella camera al primo piano della sua casa, la camera della mamma.

I due mondi di Barbara (quello reale e quello in cui attende i giganti) sono destinati ad incontrarsi, in uno scontro epico che solo lei è preparata ad affrontare.

I kill giants è una delle graphic novel più delicate e struggenti pubblicate negli ultimi anni. Un vero inno alla fantasia e al suo potere di rendere accettabile anche la peggiore delle realtà.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Colpa delle stelle- John Green
Resta anche domani- Gayle Forman

Leggi tutto ►

Gayle Forman

Resta anche domani

Mondadori, 2009, 246 p.
avatar

Postato da
il

Il fragore è stato tremendo. Una sinfonia di cigolii, un coro di schianti, un’aria di esplosioni e, per finire, il sordo frusciare del metallo tra il fogliame. Poi il silenzio, tranne un suono: le note della sonata numero 3 per violoncello di Beethoven. Incredibilmente l’autoradio è rimasta attaccata alla batteria, così Beethoven continua a diffondersi nella quiete irreale di questa mattina di febbraio.

Mia è una diciassettenne come tante. Ha un fidanzato con cui condivide l’amore per la musica, dei genitori che hanno da poco accettato l’idea di comportarsi da adulti e un adorabile fratellino. Una viaggio in macchina verso la casa dei nonni, in un giorno d’inverno, segna la fine del suo mondo. L’automobile della sua famiglia viene coinvolta in un incidente. I suoi genitori restano subito uccisi e lei si trova, staccata dal suo corpo, ad assistere ai tentavi dei medici di salvarle la vita. Ma l’unica persona che può decidere del suo destino è proprio lei stessa. Le ragioni per restare saranno più forti del dolore per la perdita della sua famiglia?

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
E finalmente ti dirò addio- Lauren Oliver
Colpa delle stelle- John Green
Ogni giorno- David Levithan

…e guarda anche
Amabili resti- Peter Jackson

Prendi in prestito questo libro su MediaLibraryOnLine e, se non sai di cosa stiamo parlando, corri nella biblioteca più vicina a casa tua per scoprirlo!

Leggi tutto ►

Ben Affleck

Argo

USA, 2012
avatar

Postato da
il

Quindi tu vuoi venire a Hollywood e far finta che stai lavorando a un grande progetto senza realizzarlo, giusto? Allora hai scelto il posto giusto!

Nella trama pare non possa esserci spazio per imprevisti o colpi di scena, eppure dal primo minuto ci si trova catapultati in una realtà in cui l’angoscia, il ritmo frenetico, la suspence lasciano lo spettatore quasi senza respiro.
Il film racconta la nota vicenda dell’assalto all’ambasciata americana a Teheran, all’indomani della cacciata dello Scià e dell’avvento del governo dell’ayatollah Khomeini. Siamo nel Novembre 1979 e gli Stati Uniti diventano bersaglio del nuovo governo e dell’odio popolare avendo offerto asilo allo Scià in fuga.
Solo un gruppo di sei impiegati dell’ambasciata riesce a scappare all’assalto, evitando così la cattura da parte della folla inferocita e si salva grazie alla disponibilità dell’ambasciatore canadese, che offre loro rifugio.
La CIA deve elaborare un piano per far uscire dal paese i sei impiegati e si rivolge a Tony Mendez, specializzato in azioni di infiltrazione e liberazione di ostaggi, il quale elaborerà un piano assolutamente incredibile ed audace.
La vicenda narrata è realmente accaduta: il film si permette qualche “adattamento”, ma resta sostanzialmente fedele ai fatti.
E soprattutto ha il grande merito di riuscire a mantenere ritmi sempre tesi.
Una prova di regia (e di recitazione) senza dubbio di alto livello per Ben Affleck, da non perdere.
 
Ti è piaciuto questo film? Allora leggi anche Viaggio di nozze a Teheran – Azadeh Moaveni
 
e guarda anche Persepolis – Satrapi, Parronnaud

 

Locandina del film Argo

 

Regia: Ben Affleck
Sceneggiatura: Chris Terrio
Musiche: Alexandre Desplat
Durata: 120′
 
Interpreti e personaggi principali:
Ben Affleck: Tony Mendez
John Goodman: John Chambers
Alan Arkin: Lester Siegel
Bryan Cranston: Jack O’Donnell

Leggi tutto ►