Archivio dell'autore: Roberta Cirimbelli

Centro fumetto Andrea Pazienza

A scuola di fumetto. Fumettisti… si diventa! Corsi 2017-18

avatar

Postato da
il

Come ogni anno, il Centro Fumetto Andrea Pazienza di Cremona propone una serie di corsi destinati a chi sogna di realizzare un fumetto.

Le lezioni, destinate a bambini, ragazzi e adulti, saranno curate da professionisti di ottimo livello e affronteranno vari aspetti dell’arte di creare fumetti.

I percorsi per l’anno 2017-18 prevedono numerose novità.

Non solo disegno, quindi, ma anche sceneggiatura e scrittura, colorazione digitale e molto altro.

Per maggiori informazioni:
Sito del Centro Fumetto Andrea Pazienza
Informazioni sui corsi 2017-18

Leggi tutto ►

Shinkai Makoto

The voices of a distant star

Giappone, 2003
avatar

Postato da
il

Dove sono? Non capisco!
Ah, è vero! Ormai non faccio più parte di questo mondo.

Noboru Terao e Mikako Nagamine sono due studenti di liceo giapponesi. Ad unirli c’è un’amicizia che si sta trasformando in qualcosa di più profondo.

Mikako viene, tuttavia, arruolata per combattere i Tarsians, alieni che sono comparsi nel sistema solare, minacciando la sicurezza della Terra.

Una volta a bordo della nave spaziale Lysithea può comunicare con Noboru solo con e-mail.
I suoi messaggi, però, ad ogni spostamento attraverso lo spazio della nave che si sta allontanando dalla Terra, impiegano più tempo a raggiungere Noboru. Tanto che, mentre per Mikako trascorrono solo pochi giorni, per Noboru sono passati anni.

Fino all’ultimo salto di otto anni luce.

La Mikako quindicenne si trova, quindi, a lanciare il suo ultimo prezioso messaggio ad un Noboru ormai ventiquattrenne che non ha saputo andare avanti e dimenticare questa ragazza che gli parla dallo spazio.

The voices of a distant star è un brevissimo ma intenso film che parla di come la distanza fisica da una persona amata non possa mai tradursi del tutto in un distacco emotivo.

Ti é piaciuto questo film? Allora guarda anche…
Quando c’era Marnie- Hiromasa Yonebayashi
Another Earth- Mike Cahill
L’attacco dei giganti- Tetsurō Araki

…e leggi anche…
Il gioco di Ender- Orson Scott Card
La quinta onda- Rick Yancey
Ogni giorno- David Levithan

the-voices-of-a-distant-star

Regia: Shinkai Makoto
Sceneggiatura: Shinkai Makoto
Musiche: Tenmon
Fotografia: Shinkai Makoto
Durata: 25′

Leggi tutto ►

IX Biennale di Soncino. A Marco

avatar

Postato da
il

Ogni edizione si arricchisce di nuove idee, nuovi luoghi e nuovi volti consolidando ed ampliando al tempo stesso, un circuito cittadino sempre più atteso e stimato.
(http://www.quartiere3.org)

Ci sono situazioni nelle quali la sinergia tra diversi fattori crea piccoli gioielli.

Uno di questi è la Biennale di Soncino. A Marco: un ottimo gruppo di artisti, la volontà di ricordare nel migliore dei modi un amico che non c’è più, un’ambientazione suggestiva e tante persone che hanno voglia di scoprire forme di espressione sorprendenti e inaspettate.

La nona edizione ospita un numero considerevole di artisti provenienti da tutto il mondo, raccolti in un percorso ben studiato che attraversa tutto il paese passando per case, parchi, strade del centro storico, senza tralasciare alcuni dei luoghi più caratteristici di Soncino: la rocca e il Museo della Stampa.

Per informazioni:
Sito
Facebook
Instagram

Leggi tutto ►

Foo Fighters

Sonic Highways

Roswell, RCA- 2014
avatar

Postato da
il

Nothing left within, I’ve been mined
Hell and back again, subterranean
I’ve been digging in down inside
I will start again, subterranean
But the truth is so unkind
What do you know, how low the sky
(Subterranean)

Sonic Highways è una mappa musicale attraverso otto città degli Stati Uniti (Chicago, Austin, Nashville, Los Angeles, Seattle, New Orleans, Washington e New York).

L’album fa parte di un progetto, ideato da Dave Grohl, che comprende una serie di documentari, ciascuno dedicato ad un singolo luogo, significativo per la nascita della musica americana di oggi.

In ogni città, è stato scelto uno studio di registrazione, visto come luogo privilegiato di scoperta e, quindi, di memoria, dei lavori dei più significativi artisti degli scorsi decenni.

Il racconto prende forma da ricordi personali di artisti, produttori ecc. e degli stessi membri dei Foo Fighters.

Dall’esperienza fatta in questo viaggio, nascono le otto canzoni dell’album.
In ognuna di esse, si possono ritrovare dettagli raccolti nelle interviste fatte.
Tuttavia, il semplice ascolto dell’album in sé, a prescindere dalla visione dei documentari, non sminuisce affatto i brani che sembrano, anzi, acquisire sempre più fascino man mano che li si ascolta.

Sonic Higways è, senza dubbio, soprattutto una dichiarazione d’amore per la musica, un racconto di come, in certi momenti, incontrare l’opera di un determinato artista ci possa letteralmente cambiare la vita.

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche…
One by One- Foo Fighters

…leggi anche…
Blues, Jazz, Rock, Pop- Ernesto Assante
Alta fedeltà- Nick Hornby

…e guarda anche…
That’s live. Live in Cesena 2016- Rockin’1000
Almost Famous (Quasi famosi)- Cameron Crowe
I love Radio Rock- Richard Curtis

Leggi tutto ►

Elizabeth Jane Howard

La saga dei Cazalet. Gli anni della leggerezza

Fazi, 2015, 606 p.
avatar

Postato da
il

Era la sua vita, ed ecco come la sprecava: i minuti passavano e tutto quello che faceva era respirare e invecchiare. E se per tutto il resto della sua esistenza avesse continuato a non succedere niente?

Nella Gran Bretagna del 1937, la Seconda Guerra Mondiale è alle porte. Gli inglesi percepiscono il pericolo incombente di un attacco diretto alla loro nazione o, forse, addirittura di un tentativo di conquista.

La famiglia Cazalet, guidata dal magnate del legno William, soprannominato il Generale per i suoi modi autoritari, si prepara a vivere l’ennesima estate nella casa di campagna.

A dare vita alla dimora, saranno le vicende dei discendenti della casata: i figli Hugh ed Edward che, dopo aver combattuto durante la Prima Guerra Mondiale riportando ciascuno le proprie ferite tanto fisiche quanto psicologiche, assistono il padre nella gestione degli affari; Rupert, ancora legato al sogno di diventare un pittore, nonostante gli obblighi verso la giovanissima moglie e i due figli avuti dal primo matrimonio lo costringano a scegliere una professione che non ama e Rachel che vive ancora nella casa dei genitori ed è sopraffatta dal senso del dovere.

Con loro abitano la grande casa figli, mogli, cognate e nipoti. Ciascuno di loro porta con sé un fardello di segreti, di cose non dette, di aspirazioni o di sogni infranti.

La minaccia di un conflitto e la paura per una possibile invasione tedesca rompono l’abituale quiete delle vacanze. Le gite al mare lasciano il posto alla preoccupazione per chi dovrà partire in guerra e al timore per la propria incolumità.

Elizabeth Jane Howard, con il suo stile elegantissimo, racconta una saga famigliare nella quale non viene tralasciato il punto di vista di nessuno, dandoci un ritratto veritiero delle dinamiche create dalla convivenza dei membri della famiglia.

Il racconto, dichiaratamente autobiografico fin nei minimi dettagli (l’autrice era figlia di un ricco mercante di legname e la sua vita viene ripercorsa dal personaggio di Louise), prosegue nei successivi quattro libri dedicati ai Cazalet (Il tempo dell’attesa, Confusione, Allontanasi e All Changes, non ancora edito in Italia).

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
L’ombra del silenzio- Kate Morton
Mi chiamo Lucy Barton- Elizabeth Strout
I segreti di Heap House- Edward Carey

…e guarda anche…
Espiazione-Joe Wright
Downton Abbey- Julian Fellows
Gosford Park- Robert Altman

Leggi tutto ►

Sarah Gavron

Suffragette

Gran Bretagna, 2015
avatar

Postato da
il

Non sottovalutate mai il potere che abbiamo di essere artefici del nostro destino.

Maud Watts è un giovane donna inglese che si trova, quasi suo malgrado, coinvolta nel movimento delle suffragette, coloro che hanno lottato per decenni per far sì che anche alle donne inglesi fosse concesso il diritto di voto.
Maud ha una vita ordinaria, segnata da un lavoro massacrante ma anche dall’amore per il marito e per il figlio George.
Nel suo modo di vivere, però, c’è tanta rassegnazione verso quanto non va come dovrebbe, come il suo datore di lavoro che si sente in diritto di molestare le sue dipendenti.

Anche se Maud si è rassegnata alla sua condizione, l’incontro con alcune delle persone che portano avanti la lotta per i diritti delle donne, cambia completamente il suo modo di pensare e le fa comprendere di non essere la sola a sentire che le cose dovrebbero andare in modo differente.

Una volta intrapresa la strada della consapevolezza, tornare indietro sarà impossibile, anche quando il prezzo da pagare sarà altissimo. Maud viene arrestata, allontanata dal suo bambino, ripudiata dal marito e licenziata.
Ma è proprio quando non si ha più nulla da perdere che si può rischiare fino in fondo, senza timori.

Suffragette non si limita a raccontare la lotta per il diritto al voto delle donne inglesi ma porta lo spettatore in un mondo di possibilità negate, di frustrazione di fronte all’impossibilità di poter decidere del proprio destino e di consapevolezza di dover subire, senza la possibilità di ribellarsi, quanto deciso dagli uomini.
Le donne raccontate sono disposte a proseguire la propria battaglia fino alla morte.
Le loro azioni sono state fondamentali perché venissero riconosciuti alcuni dei diritti che noi oggi diamo per scontati. Dobbiamo ringraziarle tutte per essersi impegnate a rendere il mondo migliore di come è stato loro lasciato.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…
Il diritto di contare- Theodore Melfi
Mustang- Deniz Gamze Ergüven
E ora dove andiamo?- Nadine Labaki

… leggi anche…
La randagia- Valeria Montaldi
Siria mon amour- Amani El Nasif- Cristina Obber
Miss Charity- Marie-Aude Murail

suffragette-sarah-gavron

Regia: Sarah Gavron
Sceneggiatura: Abi Morgan
Musiche: Alexandre Desplat
Fotografia: Eduard Grau
Durata: 106′

Interpreti e personaggi
Carey Mulligan: Maud Watts
Anne- Marie Duff: Violet Miller
Ben Whishaw: Sonny Watts
Helena Bonham Cater: Edith Ellyn
Natalie Press: Emily Wilding Davison
Maryl Streep: Emmeline Pankhurst
Brendan Gleeson: Arthur Steed

Leggi tutto ►

Brescia Photo Festival- Mostre

avatar

Postato da
il

Se sai aspettare le persone si dimenticano della tua macchina fotografica e la loro anima esce allo scoperto. Steve McCurry

Il Brescia Photo Festival accoglie, tra le altre attività, diverse esposizioni che riuniscono alcuni degli scatti che hanno fatto la storia della fotografia.
Tra queste, spiccano Steve McCurry- Leggere, Magnum’s First e Magnum. La première fois.

Steve McCurry- Leggere
Si tratta di una raccolta di immagini davvero sorprendente.
Accolti dai meravigliosi colori, tipici della fotografia di McCurry, si viene trascinati in un mondo di lettori, ripresi nelle situazioni e nei luoghi più disparati.
La mostra è corredata da una serie di citazioni dedicate all’amore per i libri, tratte da brani letterari di celebri autori (le frasi sono state selezionate da Roberto Cotroneo).

Magnum’s First
Gli scatti qui raccolti, che erano stati esposti nella prima mostra del gruppo Magnum “Gesicht der Zeit”, presentata tra il giugno 1955 e il febbraio 1956 in cinque città austriache, hanno una storia singolare: sono stati ritrovati in una una cantina di Innsbruck nel 2006.
In seguito al restauro, vengono proposti ai visitatori con l’ordine esatto che era stato ideato per la mostra originale.

Magnum. La premiére fois
…ciascuno dei 20 selezionatissimi fotografi di Magnum è presente con quel gruppo di immagini, quel preciso reportage che segna appunto il magico momento in cui l’abile fotografo si è evoluto a vero artista. Da abile coleottero a magnifica farfalla.

Ciascun artista presente racconta attraverso le immagine e le parole la sua Première fois, rivelando la ragione che lo ha portato a individuare esattamente quelle immagini o non altre.” (tratto da bresciaphotofestival.it)

Si possono trovare maggiori informazioni sulle mostre legate al Brescia Photo Festival, sul sito ad esse dedicato.

Ti è piaciuta questa mostra? Allora leggi anche…
Il mondo di Steve McCurry- A cura di Gianni Riotta

Leggi tutto ►

Fabio Geda

Anime scalze

Einaudi, 2017, 224 p.
avatar

Postato da
il

Avrei voluto saltare sul cofano di una macchina e farla esplodere; dare una spallata a un palazzo e mandare in frantumi le finestre; attaccare briga con qualcuno e pestarlo a sangue. Avrei voluto essere quel tipo di persona. Ma io non sono così. Piuttosto, io sono quello che per prima cosa si sente in colpa e pensa che se la faccenda è andata male sia a causa sua. Quello che ti passa accanto con le mani in tasca e lo sguardo sull’asfalto. Lo schizzo d’acqua che subito s’asciuga.

Ercole vive in una famiglia anomala: poco tempo dopo la morte di sua nonna, la mamma è scappata per non tornare più. La stessa cosa accade con il nonno, che , però, ha sempre pensato a se stesso più che alla persone che vivono con lui.

Nonostante Ercole e sua sorella Asia siano costretti ad imparare ad arrangiarsi, non perdono mai l’amore e il rispetto per un papà in grado di fare da collante tra i pezzi della loro vita. Lui stesso è alle prese con lavoretti più o meno legali e spesso scompare. Ma i suoi figli sanno che tornerà da loro.

I due fratelli hanno un certezza: devono stare assieme. Per questo fanno in modo che nessuno si accorga che sono loro a mandare avanti la casa, scansando assistenti sociali e le temibili “persone di buon cuore”, sempre pronte ad aiutare gli altri senza chiedere quali siano i veri desideri di chi incappa in loro.

Due eventi stravolgono la routine così difficilmente costruita: Ercole si innamora di Viola e Asia decide di andare a vivere con il suo fidanzato.

Ercole, che non sa bene come gestire le emozioni che provoca in lui ciò che gli sta accadendo, decide di partire alla ricerca di quello che ormai è diventato quasi un fantasma: la mamma che non vede più da quasi dieci anni.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Il seggio vacante- J. K. Rowling
Kill all enemies- Melvin Burgess
Io e te all’alba- Sanne Munk Jensen, Glenn Ringtved
Pink lady- Benedetta Bonfiglioli
Un elefante nella stanza- Susan Kreller

…guarda anche
Foxfire- Laurent Cantet
Città di carta- Jake Schreier
Thirteen Reasons Why- Brian Yorkey

Leggi tutto ►

Rob Marshall

Into the woods

2014, USA
avatar

Postato da
il

Don’t you know what’s out there in the world?
Someone has to shield you from the world.
Stay with me.
Princes wait there in the world, it’s true.
Princes, yes, but wolves and humans, too.

Il musical Into the woods è la più classica delle fiabe.
I personaggi di molti dei racconti tradizionali che tutti noi conosciamo si ritrovano coinvolti nella medesima avventura.
Un fornaio e sua moglie, che desiderano più di ogni altra cosa avere un figlio, scoprono di essere vittime di una maledizione.
Il fornaio è il fratello di Raperonzolo, affidata alla strega che abitava accanto alla casa dei suoi genitori, colpevoli di aver rubato dal suo orto.
Per liberarsi dal sortilegio che ancora pesa sulla sua famiglia, è necessario che l’uomo trovi quattro oggetti per la strega.

Attorno a questo racconto, ruotano numerose altre storie.
Cenerentola fugge ogni notte dal ballo del re, non per il rischio che l’incanto della fata madrina svanisca a mezzanotte, ma perché è presa da mille dubbi sul principe. Questo, in effetti, alla fine si rivela un vero mascalzone.
Cappuccetto Rosso è una ragazzina ingorda che sfrutta la storia della nonna malata per procurarsi dei dolci.
Jack è convito che la mucca che deve vendere per sfamare se stesso e sua madre sia, in realtà, la sua migliore amica.

E’ proprio quando la fiaba sembra essere arrivata ad un finale (ovviamente felice), che inizia la vera sfida, grazie alla quale tutti dovranno rivelare il proprio vero carattere e la propria forza.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…
Maleficent- Robert Stromberg
Biancaneve- Tarsem Singh
Frozen- Chris Buck, Jennifer Lee
Alice in wonderland- Tim Burton
La bella e la bestia- Christophe Gans

… e leggi anche…
Stardust- Neil Gaiman
Reckless- Lo specchio dei mondi- Cornelia Funke

Into the woods- Rob Marshall

Regia: Rob Marshall
Sceneggiatura: James Lapine
Basato sul musical di: Stephen Sondheim- James Lapine
Montaggio: Wyatt Smith
Fotografia: Dion Beebe
Costumi: Colleen Atwood
Durata: 125′

Interpreti e personaggi
Anna Kendrick: Cenerentola
Daniel Huttlestone: Jack
James Corden: Il fornaio
Emily Blunt: La moglie del fornaio
Tracy Ullman: La mamma di Jack
Lilla Crawford: Cappuccetto Rosso
Meryl Streep: La strega
Chris Pine: Il principe
Johnny Deep: Il lupo

Leggi tutto ►

Caro prof, io quest’estate leggo Mastro Don Gesualdo. Tu, in cambio, leggi… 2017

avatar

Postato da
il

Lo scorso anno abbiamo proposto una sfida ai prof. di italiano e alle loro liste di letture consigliate per le vacanze estive.

Visto che il nostro lavoro non si ferma mai, dall’estate scorsa abbiamo avuto modo di scoprire tante altre storie che pensiamo valga la pena conoscere.

Ecco, quindi, la nostra lista di letture estive per il 2017!

Fai finta che io non ci sia – Meg Rosoff
Rosso il sangue- Salla Simukka
Ombre sulla sabbia- Aidan Chambers
La filosofia di Topolino- Giulio Giorello
Il cuore coraggioso di Irena - Daniela Palumbo
Melody – Sharon M. Draper
La regola dei pesci – Giorgio Scianna
Di uomini e di bestie – Ana Paula Maia
A volte ritorno – John Niven
Nikita – Carlo Lucarelli

Leggi tutto ►