Richard Matheson

Io Sono Leggenda

Fanucci, 2005, 203 pg
avatar

Postato da
il

Quattro e un quarto.
Quattro e mezzo.
Un quarto alle cinque.
Entro un’ora sarebbero stati di nuovo intorno alla casa, quei luridi bastardi.
Appena la luce fosse calata.

Ci sono libri che non si scrivono con le parole, ma con le sensazioni, le paure, le emozioni e la disperazione di cui è capace e di cui è preda l’uomo messo alle strette da eventi che mai avrebbe immaginato di vivere e, soprattutto, di vivere in prima (e in sola …) persona.
Io sono leggenda è uno di questi: lo senti scorrere nelle vene, con quella narrazione sincopata, a tratti cupa come i paesaggi urbani post apocalittici che descrive, a tratti introspettiva nell’accostarsi al protagonista Robert, quasi ad affiancarlo, a confortarlo ed aiutarlo a capire perché a lui (e solo a lui) non è toccata la stessa sorte di tutta l’umanità.
Robert Matheson non da scampo alcuno: muove paure e fantasmi della ragione che hanno influenzato schiere di scrittori (uno su tutti: Stephen King), paure e fantasmi dell’unico nemico che l’uomo dovrebbe temere e aver timore di non riuscire a sconfiggere.
Sé stesso.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Altri regni – Richard Matheson
Cose preziose – Stephen King

… e ascolta anche
My Name Is Robert Neville – James Newton Howard
Ameno – Era

… e guarda anche
Under the Dome
Io sono leggenda – Francis Lawrence

Torna a ► leggo