Jostein Gaarder

La ragazza delle arance

Longanesi, 2004, 193 p.
avatar

Postato da
il

Compresi subito che c’era qualcosa di assolutamente speciale in lei, qualcosa di insondabilmente magico e incantevole.
Notai inoltre il modo in cui mi osservava, come se in un certo senso mi avesse scelto fra tutte le persone che si erano riversate sul tram; era successo nel giro di un secondo, quasi come se fossimo già uniti in una specie di alleanza segreta.

 
Georg ha conosciuto poco suo padre Jan, morto quando lui era ancora piccolo. Quando viene ritrovata una sua lettera, scritta durante la malattia, Georg non si aspetta di ritrovarsi a leggere il lungo racconto di un amore, nato quando suo padre era giovane, per una misteriosa ragazza incontrata per caso su un tram di Oslo. In una serie infinita di incontri più o meno casuali, Jan riesce a conquistare quello che sarà l’amore della sua vita.
La ragazza delle arance è il racconto di come l’amore (per una misteriosa ragazza incontrata in modo inaspettato, per il proprio padre o per il proprio figlio) sia un legame che travalica il tempo e lo spazio, destinato a durare nonostante tutto.
 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Un giorno- David Nicholls
L’anno di noi due- David Gilmour
 
…e guarda anche
(500) giorni insieme- Marc Webb

Torna a ► leggo