Veronica Rossi

Never sky

Sonzogno, 2012, 350 p.
avatar

Postato da
il

Magia. Questa era la parola che venne in mente ad Aria. Una parola antica, propria di un tempo in cui le illusioni ingannavano la gente. Si avvicinò, attratta dalle sfumature d’oro e d’ambra delle fiamme. Dal costante mutamento della loro forma. Il fumo era l’odore più intenso che avesse mai sentito. Le faceva tirare la pelle sulle braccia. Notò come le foglie bruciando si arricciassero e si annerissero, per poi dissolversi. Era qualcosa di sbagliato.

 
Aria è sempre vissuta in una biosfera con, come unica distrazione, dei reami virtuali nei quali tutto sembra quasi (ma non del tutto) reale. Nel suo mondo anche la semplice esperienza di vedere per la prima volta un vero fuoco può essere tanto sconvolgente da portare alla follia. Ed è proprio quello che accade ad un gruppo di suoi coetanei. Ingiustamente incolpata di avere istigato gli altri ragazzi ed aver causato la morte dell’amica Paisley, Aria viene abbandonata nel mondo esterno alla biosfera, un luogo in cui è possibile morire in mille modi diversi o trasformarsi in uno di quei selvaggi di cui ha spesso sentito parlare. L’unica via di fuga sembra essere quella di ritrovare sua madre, trasferitasi in un’altra biosfera per portare a termine degli studi scientifici. Veronica Rossi è una promettente autrice che, con questa sua prima opera, dimostra di poter stare al passo con altri più noti scrittori fantasy come la Suzanne Collins di Hunger games.
 
Guarda il booktrailer.
 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Hunger games- Suzanne Collins
Beauty- Scott Westerfeld
 
…guarda anche
Matrix- Andy e Lana Wachowski
 
…e ascolta anche
Computer god- Black Sabbath

Torna a ► leggo