Marie-Aude Murail

Oh, boy!

Giunti, 2008, 187 p.
avatar

Postato da
il

Bart si sedette in poltrona e i due fratelli si guardarono. Li unì il medesimo sorriso, un misto di tenerezza e ironia.
“Grazie di tutto” disse Siméon.
“Grazie per il resto”.
Grazie di essere entrato nella mia vita senza avvisare. Grazie di averne cambiato il corso e di aver cambiato me stesso. Ma siccome tutto questo non si confessa quando si è il fratello maggiore, Bart non aggiunse nulla.

 
I Morlevent sono rimasti in tre dopo che la mamma è morta. Siméon e Morgane, 14 e 8 anni, sono intelligentissimi ma brutti. Venise ha 5 anni ed è tanto bella quanto stupida. I tre fratelli hanno perso tutto e non possono accettare di venire divisi e affidati a famiglie o istituti diversi. Per questo è assolutamente necessario trovare gli altri due Morlevent: Josiane, ricca dottoressa a cui manca solo una figlia per avere una vita perfetta e Bart che non ha un lavoro, cambia compagno ogni notte e sembra più interessato ai videogiochi che all’educazione dei fratellini. Josiane e Bart si odiano e il rischio è che l’affidamento dei fratelli diventi l’ennesimo gioco di forza tra i due. Oh, boy! è il racconto di una famiglia insolita che ha l’ironia come unica arma per difendersi dalle grandi prove che la vita la porta ad affrontare.
 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Elogio alla bruttezza-Loredana Frescura
…e guarda anche
Little Miss Sunshine– Jonathan Dayton, Valerie Faris

Torna a ► leggo