Archivio tag: angie thomas

Mare di libri 2018

avatar

Postato da
il

Mare di Libri è il primo festival di letteratura in Italia dedicato unicamente agli adolescenti.
È una manifestazione all’insegna del divertimento culturale, un appuntamento annuale per tutti i ragazzi che amano i libri e la lettura e che hanno voglia di condividere le loro passioni con altri coetanei.
(maredilibri.it)

Il festival Mare di libri è un appuntamento unico per chi ama i libri e la lettura.

Nato da un’idea delle librarie della libreria Viale dei Ciliegi 17 di Rimini, prende ogni anno vita grazie ad un gruppo di ragazzi che si occupano al 100% dell’organizzazione.

Il programma dell’undicesima edizione, che si terrà a Rimini dal 15 al 17 giugno, è, come di consueto, ricchissimo: incontri con autori ed editori, laboratori, spettacoli. Non mancherà l’evento conclusivo del concorso Ciak, si legge!, dedicato ai giovani autori di booktrailer.

Ad aggiungere importanza all’edizione 2018, è la presentazione in anteprima del libro Ci piace leggere!, scritto dagli stessi volontari che si occupano del festival e nato con la “speranza di costruire un dialogo diretto che scardini ogni pregiudizio sui ragazzi e la lettura.”

In perfetto stile Mare di libri è l’organizzazione dell’omonimo premio letterario, ovviamente dedicato alla letteratura per adolescenti e nato “per offrire un’occasione di incontro tra le varie realtà del libro – scrittori, editori e lettori – in cui però siano questi ultimi a occupare la posizione di privilegio, a sedere in giuria e a scegliere il vincitore.”

Per l’edizione 2018, la cinquina finale dei libri in gara è composta da:

Buio di Patrick Bard
The Hate U Give di Angie Thomas
Io e te come un romanzo di Cath Crowley
La natura della grazia di William Kent Krueger
Tartarughe all’infinito di John Green

Per maggiori informazioni:
Sito del Festival
Facebook
Instagram
Twitter
Youtube

Leggi tutto ►

Caro prof, io quest’estate leggo mastro Don Gesualdo. Tu, in cambio, leggi…2018

avatar

Postato da
il

Articolo di Roberta Cirimbelli e Elena Severgnini

Ci sono libri imprescindibili, libri che ognuno dovrebbe leggere almeno una volta nella vita.

Gli stessi libri, però, se affrontati con lo stato d’animo sbagliato o in un momento non adeguato della proprio vita, possono perdere tutta la propria bellezza.

E cosa fa perdere loro ogni fascino più del divenire letture obbligate?

Anche per il 2018, proponiamo la nostra bibliografia alternativa alle letture estive date dalla scuola.

Se i ragazzi, anche quest’estate, dovranno affrontare Se questo è un uomo, I Malavoglia e La coscienza di Zeno, chiediamo ai loro insegnanti di provare a mettersi in gioco anche loro con le letture estive, con qualcuno dei libri qui elencati.

L’intento di questa sfida è quello di trasformare l’estate in un un momento in cui insegnanti e studenti possano scambiarsi consigli di lettura, magari partendo proprio da una selezione di ciò che abbiamo consigliato nell’ultimo anno (romanzi di vari generi, saggi, graphic novel).

L’ultima dei Neanderthal- Claire Cameron
Una voce di piombo e oro – K.L. Going
Il ragazzo nuovo- Tracy Chevalier
Il grido del lupo- Melvin Burgess
Apple e rain – Sarah Crossan
Mary e il mostro- Lita Judge
Cercare mondi- Guido Tonelli
Un anno senza te- Luca Vanzella, Giopota
The Hate U Give- Angie Thomas
L’ora di pietra- Margherita Oggero
Da dove la vita è perfetta- Silvia Avallone
Your name.- Shinkai Makoto
Absence- Chiara Panzuti
Ti darò il sole- Jandy Nelson

Leggi tutto ►

Angie Thomas

The hate U give – Il coraggio della verità

Giunti, 2017
avatar

Postato da
il

A volte si fa tutto nel modo giusto e va male lo stesso. L’importante è non smettere mai di fare la cosa giusta.

Città statunitense, sobborghi neri poveri.
Khalil vive con la madre, tossicodipendente, legata al capo di una gang locale. Starr invece frequenta una scuola bianca, in un quartiere tranquillo: i suoi genitori hanno scelto di darle un’opportunità in più.

Starr e Khalil sono amici dall’infanzia. Una sera mentre tornano da una festa, un’auto della polizia li ferma per un controllo. L’agente (bianco) chiede loro i documenti.
Starr sa come comportarsi. Quando aveva dodici anni i suoi genitori gliel’hanno insegnato: “Se ti ferma la polizia, Starr, devi fare tutto quello che ti dicono. Tieni le mani bene in vista. Non fare movimenti bruschi. Parla solo se interpellata”.
Anche Khalil dovrebbe saperlo, ma commette un errore: mentre l’agente controlla i documenti, si gira verso Starr per tranquillizzarla.
In un attimo la tragedia: l’agente estrae la pistola, spara e lo uccide, davanti agli occhi terrorizzati ed increduli di Starr.

Fin da subito è evidente la colpevolezza del poliziotto: Khalil in quel momento non rappresentava un pericolo, la reazione non era giustificata.
Eppure l’opinione pubblica, i giornali, le televisioni – fomentate dal pregiudizio contro i neri – si schierano dalla parte del poliziotto e quello che avrebbe dovuto essere un processo per omicidio si trasforma in una condanna per la vittima.
Si insinuano dubbi sul fatto che Khalil fosse uno spacciatore: si denigra la sua reputazione, si deresponsabilizza l’agente.
Starr ora deve decidere se testimoniare: ha la famiglia accanto, ma è una scelta che deve condurre da sola, un percorso che la porterà a riscoprire la propria identità.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche
Il canto del silenzio – Maya Angelou
Autobiografia di Malcolm X

ascolta anche Thug Life – Volume 1 (Tupac)

e guarda anche
Malcolm X – Spike Lee

Leggi tutto ►