Archivio tag: animazione

Bob Persichetti, Peter Ramsey, Rodney Rothman

Spider-Man – Un nuovo universo

USA, 2018
avatar

Postato da
il

Ricorda, ciò che ti rende diverso è ciò che ti rende Spider-Man!

Un film avvincente e bellissimo!
Vi si racconta la stupefacente avventura di Miles Morales, adolescente di origine portoricana che, mentre si addentra nei cunicoli della città di New York, viene accidentalmente morso da un ragno radioattivo. Da quel momento Miles viene catapultato in una realtà parallela, trovandosi a vestire i panni di Spider-Man!
Il padre di Miles – ignaro della doppia vita del figlio – sogna per lui un futuro migliore del proprio. Per questo lo iscrive ad una scuola di prim’ordine dove Miles stenta però ad ambientarsi.
Si trova invece a proprio agio con lo zio Aaron, con il quale condivide la passione per l’arte e la vita di strada.
Nelle vicende del film, Miles fa i conti con tutti i dubbi e le incertezze del suo essere adolescente, cui fa però da contraltare la responsabilità di affrontare criminali antagonisti, personaggi oscuri determinati a far trionfare la malvagità sul Bene.

Una pellicola di grandissima qualità, in cui mai si ha la sensazione del “già visto”.
La grafica è spettacolare ed assolutamente originale. La storia – tratta dall’omonimo fumetto del 2011 – è talmente bella da lasciare in più occasioni senza fiato.
La colonna sonora, evocativa, poetica, a tratti esaltante, rispecchia fedelmente la trama e le emozioni della visione.

Locandina Spider-Man Un nuovo universo

Ti è piaciuto questo film? Allora vedi anche
Spider-Man: Homecoming – Jon Watts
Avengers. Infinity War – Anthony e Joe Russo
X-Men – Bryan Singer
Logan. The Wolverine – James Mangold

ed ascolta anche la colonna sonora del film

Leggi tutto ►

Phil Johnston, Rich Moore

Ralph spacca Internet

UK, 2018
avatar

Postato da
il

Wifi o… si dice Waifi?

Ralph spacca Internet è il seguito del riuscitissimo film del 2012 Ralph Spaccatutto. In questa nuova avventura Ralph e la sua amica Vanellope dovranno andare in Internet per cercare un pezzo di ricambio per riparare un videogioco della loro sala giochi. Ma per due personaggi videoludici degli anni ’80 Internet è un mondo completamente diverso! Incontreranno tanti personaggi che noi conosciamo benissimo, come le principesse Disney, i supereroi Marvel e gli Stormtrooper di Guerre Stellari.
Dovranno fare anche i conti con i piccoli dettagli del Web che noi tutti conosciamo, come i siti Google o Ebay, o le pubblicità ingannevoli che sbucano da ogni dove.

Un mondo che noi conosciamo bene, dove non faremo fatica a scorgere piccoli divertenti particolari che vediamo tutti i giorni. Il tutto visto però dal punto di vista dei due protagonisti, che risulteranno divertentissimi per gli adulti e molto educativi per i più piccoli; un film che è una sorta di guida su cosa fare e non fare su Internet.

reee

Se ti è piaciuto guarda anche: Ready Player One – Steven Spielberg
leggi anche: Quindici giorni senza rete – Rigal-Goulard Sophie
ascolta anche: Take on Me – A-HA

Leggi tutto ►

Raphael Bob-Waksberg

Bojack Horseman

2014-in corso, USA
avatar

Postato da
il

Poi è più facile. Ogni giorno diventa più facile. Ma devi farlo tutti i giorni. Questo è difficile. Poi diventa più facile.

In una Hollywood in cui animali antropomorfi e umani convivono, BoJack Horseman è una star della sitcom degli anni novanta Horsin’ Around; non è però riuscito a rimanere sulla cresta dell’onda dopo la chiusura della serie, e pianifica quindi di rinnovare la sua fama attraverso un’autobiografia scritta dalla ghostwriter Diane Nguyen. BoJack deve inoltre contendersi con altri svariati personaggi, tra i quali la gatta Princess Carolyn, sua agente nonché sua fidanzata, il suo strambo coinquilino Todd e Mr. Peanutbutter, un labrador attore sua nemesi e fidanzato di Diane.

La grande particolarità di questa serie animata, che la rende una delle cose più interessanti in circolazione, è il modo in cui tratta temi delicati, uno su tutti la depressione. Infatti Bojack vive la sua vita in modo autodistruttivo, narcisistico e disperato, seppur con molto rimpianto. La sua voglia di cambiare la propria vita in meglio si scontra con i suoi problemi personali, il passato traumatico e le difficoltà che incontra quotidianamente. E ogni tanto, quando si impegna davvero, le cose vanno meglio: alcune puntate sono davvero delle bombe di emozioni contrastanti: prima triste, poi sei felice per quello che gli capita, ma infine il macigno di problemi si scarica addosso al protagonista, facendolo sprofondare nella depressione più assoluta. Ma la felicità e la salvezza sono dietro l’angolo.
Proprio per questo è facilissimo immedesimarsi nei difetti e nelle paure di Bojack. Difetti e paure umane che condividiamo tutti. Sembra che al posto del cavallo ci siamo noi. Ma, appunto, la felicità è dietro l’angolo. Bisogna avere la forza di fare quel piccolo passo per conquistarla.

Una serie che tutti dovrebbero guardare per avere l’interpretazione più onesta e sincera della depressione, senza filtri o scappatoie. E di come si può guarirne.

CAUSA BLACK HUMOR, TEMATICHE ADULTE, ALCOOL E DROGHE LA SERIE È VIETATA AI MINORI DI 16 ANNI

bojack

Doppiatori:
BoJack Horseman: Will Arnett
Princess Carolyn: Amy Sedaris
Diane Nguyen: Alison Brie
Mr. Peanutbutter: Paul F. Tompkins
Todd Chavez: Aaron Paul

Se ti è piaciuta guarda anche: Rick and Morty – Justin Roiland, Dan Harmon
leggi anche: Ragioni per continuare a vivere: Haig Matt

Leggi tutto ►

Hideaki Anno

Neon Genesis Evangelion

Giappone, 1995-1996
avatar

Postato da
il

Le persone non sono in grado di comprendere appieno il proprio prossimo. Ciascuno di noi è in parte oscuro persino a se stesso. Riuscire a comprendersi al cento per cento è sempre impossibile. È per questo che le persone si sforzano costantemente nel tentativo di conoscere se stessi e gli altri. Ed è proprio questo a rendere la vita tanto interessante.

Shinji è uno dei ragazzi prescelti per guidare i giganteschi mecha denominati Eva, l’unico strumento di difesa dell’umanità contro gli Angeli, entità comparse in seguito ad un evento catastrofico che ha quasi causato la distruzione del mondo.

A guidare il progetto Eva c’è proprio il padre di Shinji che, però, non dimostra alcun affetto o alcuna stima per il figlio, nemmeno quando questi affronta pericoli potenzialmente mortali a bordo del suo Eva. La sua nuova famiglia diventano, quindi, la sua tutrice il Capitano Misato Katsuragi e, soprattutto, gli altri due piloti con cui condivide l’onere di guidare gli Eva: Rei Ayanami e Asuka Sōryū Langley.

I tre protagonisti sono giovani eroi del tutto reali nel loro desiderio di autoconservazione e nella loro paura di fallire.

Al di là dell’intreccio della trama, la serie è ricca di riferimenti filosofici e religiosi e riflessioni sull’io, sul ruolo che l’individuo ha nella società e sulle tendenze autodistruttive che sembrano indissolubilmente legate alla natura umana.

Su Neon Genesis Evangelion è stato detto tutto e il contrario di tutto. Non si può negare che la serie sia tanto articolata e complessa da dare vita a numerose interpretazioni. Certamente un ruolo chiave viene giocato dalla sofferta ricerca del proprio io che i diversi personaggi affrontano, ciascuno a suo modo, nel corso degli episodi.

Ti è piaciuta questa serie? Allora guarda anche…
The Voices of a Distant Star- Shinkai Makoto
L’attacco dei giganti- Tetsuro Araki
Rogue One. A Star Wars Story- Gareth Edwards

…leggi anche…
Il gioco di Ender- Orson Scott Card
I doni- Ursula LeGuin
Il domani che verrà- John Marsden

neon-genesis-evangelion

Regia: Hideaki Anno- Kazuya Tsurumaki
Fotografia: Yoichi Kuroda- Yoichi Kurato
Direzione artistica della serie: Hiroshi Kato
Musiche: Shiro Sagisu
Durata: 26 edpisodi

Leggi tutto ►

Shinkai Makoto

The voices of a distant star

Giappone, 2003
avatar

Postato da
il

Dove sono? Non capisco!
Ah, è vero! Ormai non faccio più parte di questo mondo.

Noboru Terao e Mikako Nagamine sono due studenti di liceo giapponesi. Ad unirli c’è un’amicizia che si sta trasformando in qualcosa di più profondo.

Mikako viene, tuttavia, arruolata per combattere i Tarsians, alieni che sono comparsi nel sistema solare, minacciando la sicurezza della Terra.

Una volta a bordo della nave spaziale Lysithea può comunicare con Noboru solo con e-mail.
I suoi messaggi, però, ad ogni spostamento attraverso lo spazio della nave che si sta allontanando dalla Terra, impiegano più tempo a raggiungere Noboru. Tanto che, mentre per Mikako trascorrono solo pochi giorni, per Noboru sono passati anni.

Fino all’ultimo salto di otto anni luce.

La Mikako quindicenne si trova, quindi, a lanciare il suo ultimo prezioso messaggio ad un Noboru ormai ventiquattrenne che non ha saputo andare avanti e dimenticare questa ragazza che gli parla dallo spazio.

The voices of a distant star è un brevissimo ma intenso film che parla di come la distanza fisica da una persona amata non possa mai tradursi del tutto in un distacco emotivo.

Ti é piaciuto questo film? Allora guarda anche…
Quando c’era Marnie- Hiromasa Yonebayashi
Another Earth- Mike Cahill
L’attacco dei giganti- Tetsurō Araki

…e leggi anche…
Il gioco di Ender- Orson Scott Card
La quinta onda- Rick Yancey
Ogni giorno- David Levithan

the-voices-of-a-distant-star

Regia: Shinkai Makoto
Sceneggiatura: Shinkai Makoto
Musiche: Tenmon
Fotografia: Shinkai Makoto
Durata: 25′

Leggi tutto ►

Byron Howard, Rich Moore, Jared Bush

Zootropolis

USA, 2016
avatar

Postato da
il

- Non si e’ mai visto un coniglio poliziotto!
- Vorrà dire che sarò la prima perche’ io voglio rendere il mondo un posto migliore.
- Tesoro, bisogna fare le cose con calma, una carota alla volta!

Judy è una dolcissima coniglietta-poliziotto, determinata a rendere il mondo un posto migliore. Persegue questa sua missione con tenacia e convinzione. Alla prima esperienza viene inviata a Zootropolis, città idilliaca, in cui animali di ogni razza paiono convivere pacificamente.
Nick vive lì: è una volpe e – come tale – furbo, inaffidabile, infido. O almeno così sembrerebbe. Insieme si trovano coinvolti nell’indagine sulla scomparsa di alcuni pericolosi animali. Da qui si sviluppano avventure e colpi di scena, in più punti davvero esilaranti. Sullo sfondo una serie di personaggi perfettamente caratterizzati, indimenticabili e spassosi.

“Zootropolis” è un film che invita ad andare oltre ai luoghi comuni, alle apparenze ed ai pregiudizi. Esorta a guardare alla sostanza delle cose. Insegna che non ci sono animali (leggi: esseri umani) intrinsecamente cattivi. Esistono individui, ciascuno dei quali con proprie prerogative e speranze. Invita a non cadere nella logica della paura dell’altro, a non delegare il compito di migliorare ciò che non piace. Ci parla di amicizia ed autodeterminazione, coraggio ed armonia.

Ti è piaciuto questo film? Allora vedi anche
Monsters & Co – Pete Docter, Lee Unkrich, David Silverman
Robots – Chris Wedge

zootropolis

Regia: Byron Howard, Rich Moore, Jared Bush
Sceneggiatura: Jared Bush, Phil Johnston, Byron Howard, Jared Bush
Musiche: Harry Gregson-Williams, John Powell, Michael Giacchin
Durata: 108′

 

 

Leggi tutto ►

Shinji Aramaki

Capitan Harlock

Gaippone, 2013
avatar

Postato da
il

A volte bisogna affidarsi a qualcosa anche se si sa che è una semplice illusione.

In ogni essere vivente è racchiuso il segreto dell’eternità.

Una Terra inabitabile, l’umanità costretta a vivere sparsa nell’universo e una società potentissima, la Coalizione Gaia, che governa tutto e tutti. Questo il mondo descritto nel film di Shinji Aramaki.
Capitan Harlock è nato con il manga di Leiji Matsumoto alla fine degli anni ’70 ed è divenuto un personaggio iconico grazie alla fortunata serie animata.
Quest’ultima trasposizione unisce al fascino della storia originale, una grande forza visiva.
L’Harlock di Aramaki è un pirata misterioso, in lotta con il potere dominante e disposto a tutto pur di dare all’umanità, colpevole di aver distrutto il proprio pianeta, una possibilità di redimersi.
A contrapporsi a lui, è il personaggio di Yama, spia della Coalizione Gaia, infiltrata nell’equipaggio della nave comandata da Harlock, la leggendaria Arcadia.
I due, accomunati dal desiderio di comportarsi in modo corretto e giusto, si scontrano, si sfidano ed, infine, arrivano a capirsi, in un’ultima scena che richiama alla memoria la conclusione della serie animata Alexander.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…
Star Trek- J.J. Abrams
Elysium- Neill Blomkamp
Alexander- Cronache di guerra di Alessandro il Grande- Yoshinori Kanemori

…e leggi anche
Il gioco di Ender- Orson Scott Card

Capitan Harlock- Shinji Aramaki

 

Regia : Shinji Aramaki
Sceneggiatura : Kiyoto TakeuchiHarutoshi Fukui
Durata: 115’

Interpreti e personaggi principali:
Shun Oguri : Capitano Harlock
Haruma Miura : Logan
Yu Aoi : Mimay
Arata Furuta : Yulian
Ayano Fukuda : Torisan
Toshiyuki Morikawa : Ezra

Leggi tutto ►

Valeria Arnaldi

Hayao Miyazaki- Il mondo incantato

Ultra, 2014, 154 p.
avatar

Postato da
il

“Una città che la gente desideri visitare. Un cielo nel quale la gente voglia volare. Un rifugio segreto che noi stessi vorremmo. E un mondo edificante, senza problemi e agitazioni. Una volta la terra era un bel posto. Facciamo un film così.”

I film di Hayao Miyazaki sono capolavori entrati nella storia del cinema. Nel 2013, il regista ha annunciato che Si alza il vento, uscito nelle sale italiane lo scorso settembre, sarebbe stato il suo ultimo film.
E’ proprio partendo dal vento, protagonista di questo ultimo lavoro oltre che uno dei temi caratteristici delle opere di Miyazaki, che Valeria Arnaldi ce lo racconta.
Con la passione delle vera fan, l’autrice parla della vita e delle opere del regista, della sua infanzia e della guerra che lo ha così profondamente segnato, delle prime esperienze come disegnatore, fino ad arrivare ai suoi lavori più noti, di cui vengono presentati spunti e curiosità interessanti.
Miyazaki, nella sua carriera, ha saputo creare mondi fantastici, sfidando l’idea che l’animazione fosse destinata ai soli bambini.
Il suo talento è celebrato dalla Arnaldi anche con la presentazione dei suoi possibili successori, degli omaggi a lui dedicati in film e serie televisive e degli artisti che a lui si sono ispirati (una di questi, Truc Duyen, ha realizzato l’opera riprodotta sulla copertina del libro).

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Nausicaa della valle del vento- Hayao Miyazaki

…e guarda anche
La collina dei papaveri- Goro Miyazaki
Wolf Children- Mamoru Hosoda

Leggi tutto ►

Takashi Miike

Yattaman – Il Film

Giappone, 2009 (Edizione Italiana 2011)
avatar

Postato da
il

Finché ci saranno gli Yattaman, l’ingiustizia nel mondo non trionferà!

Le cattive azioni sono divertenti.

È chiaro il messaggio in Yattaman – Il Film: l’unica cosa da fare quando il mondo è minacciato è chiudersi in laboratorio e costruire robot per contrastare i cattivi…
Cattivi? Beh insomma, si, il Trio Drombo è “cattivo”, anche se Miss Dronio sembra più occupata a cercare marito, Boyakki sembra più occupato ad essere il suo spasimante respinto e Tonzula fa sempre i lavori pesanti che gli altri due non fanno.
Comunque meglio non sottovalutarli: Ganchan e Janet lo sanno bene e, mascherati da Yatta 1 e Yatta 2, si oppongono alle malefatte del trio, sempre alla ricerca della Pietra Dokrostone per conto del misterioso Dokrobei.
È un film dedicato innanzitutto ai ragazzi 30/35enni che sono cresciuti nei mitici anni ’80 a pane e cartoni animati giapponesi: ineccepibile la scenografia, sgargiante ed estrosa, e uno sviluppo della vicenda che intreccia scene d’azione perfette ad altrettanto perfette scene demenziali. In definitiva è un anime diventato reale? Anche, e ancora di più è un omaggio a tutta la cultura manga e ai suoi estimatori (e sono tanti).
Che altro dire se non … YATTA YATTA YATTAMAAAN!!!

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Pacific Rim di Guillermo Del Toro
Hellboy di Guillermo Del Toro

…e leggi anche …
Mazinga nostalgia: storia, valori e linguaggi della Goldrake generation di Marco Pellitteri
Storia dell’animazione giapponese di Guido Tavassi

… e ascolta anche …
Yattaman – Sigla serie anni ‘80
Trio Drombo – Film’s Theme Song
Jeeg Robot D’acciaio – Sigla serie anni ’80

Yattaman - Il Film_Locandina

Regia : Takashi Miike
Sceneggiatura : Masashi Sogo
Fotografia : Hideo Yamamoto
Musica : Ikuro Fujiwara
Durata: 111’

Interpreti e personaggi principali:
Sho Sakurai : Ganchan
Saki Fukuda : Janet
Kyoko Fukada : Miss Dronio
Kendo Kobayashi : Tonzula
Katsuhisa Namase : Boyaki
Anri Okamoto : Shoko Kaieda

 

Leggi tutto ►

Chris Buck, Jennifer Lee

Frozen

USA, 2013
avatar

Postato da
il

Sì, lo so, come il sole tramonterò,
perché poi all’alba sorgerò!
Ecco qua, la tempesta che non si fermerà.
Da oggi il destino appartiene a me.

Elsa ed Anna sono figlie dei regnanti di Arendelle, fiabesca comunità nascosta tra i fiordi. Elsa fin da piccola manifesta lo straordinario potere di trasformare ogni cosa in ghiaccio e gioca con la sorella a dar vita a magnifiche creature e divertenti pupazzi di neve. Tuttavia questo talento innato si trasforma ben presto per lei in un incubo: un giorno infatti per disattenzione mette seriamente in pericolo la vita di Anna.
Da quel momento Elsa si isolerà completamente dalla famiglia, vivendo da reclusa, in balia della terrificante consapevolezza di poter essere un pericolo per le persone che ama.

Il delicato tratteggio del personaggio di Elsa si sofferma abilmente sui suoi molti contrasti, rendendola in realtà una figura profondamente umana. Elsa è fragile ed inerme di fronte alle emozioni, annichilita nel tentativo di soffocarle, convinta di meritarsi una vita di privazioni; ma è anche profondamente orgogliosa, austera nella propria regalità, cosciente delle proprie capacità, dei propri doveri, della propria indipendenza.

Frozen è il classico film che può essere letto a diversi livelli, a seconda dell’età, delle esperienze, dell’indole di chi lo guarda: storia di avventure e magia, amicizia ed amore per i più piccoli; storia di rinunce e sofferenza, riscatto e rinascita agli occhi dei più grandi.

Ti è piaciuto questo film? Allora vedi anche
Rapunzel – Nathan Greno, Byron Howard
Ribelle The brave – Mark Andrews
…leggi anche La regina delle nevi – Andersen
ed ascolta anche
All’alba sorgerò – Serena Autieri (colonna sonora in italiano)
Let it go – Idine Menzel (colonna sonora in inglese)

frozen

Regia: Chris Buck, Jennifer Lee
Sceneggiatura: Jennifer Lee
Musiche: Robert Lopez – Kristen Anderson Lopez
Durata:100′

Leggi tutto ►