Archivio tag: anime

Hideaki Anno

Neon Genesis Evangelion

Giappone, 1995-1996
avatar

Postato da
il

Le persone non sono in grado di comprendere appieno il proprio prossimo. Ciascuno di noi è in parte oscuro persino a se stesso. Riuscire a comprendersi al cento per cento è sempre impossibile. È per questo che le persone si sforzano costantemente nel tentativo di conoscere se stessi e gli altri. Ed è proprio questo a rendere la vita tanto interessante.

Shinji è uno dei ragazzi prescelti per guidare i giganteschi mecha denominati Eva, l’unico strumento di difesa dell’umanità contro gli Angeli, entità comparse in seguito ad un evento catastrofico che ha quasi causato la distruzione del mondo.

A guidare il progetto Eva c’è proprio il padre di Shinji che, però, non dimostra alcun affetto o alcuna stima per il figlio, nemmeno quando questi affronta pericoli potenzialmente mortali a bordo del suo Eva. La sua nuova famiglia diventano, quindi, la sua tutrice il Capitano Misato Katsuragi e, soprattutto, gli altri due piloti con cui condivide l’onere di guidare gli Eva: Rei Ayanami e Asuka Sōryū Langley.

I tre protagonisti sono giovani eroi del tutto reali nel loro desiderio di autoconservazione e nella loro paura di fallire.

Al di là dell’intreccio della trama, la serie è ricca di riferimenti filosofici e religiosi e riflessioni sull’io, sul ruolo che l’individuo ha nella società e sulle tendenze autodistruttive che sembrano indissolubilmente legate alla natura umana.

Su Neon Genesis Evangelion è stato detto tutto e il contrario di tutto. Non si può negare che la serie sia tanto articolata e complessa da dare vita a numerose interpretazioni. Certamente un ruolo chiave viene giocato dalla sofferta ricerca del proprio io che i diversi personaggi affrontano, ciascuno a suo modo, nel corso degli episodi.

Ti è piaciuta questa serie? Allora guarda anche…
The Voices of a Distant Star- Shinkai Makoto
L’attacco dei giganti- Tetsuro Araki
Rogue One. A Star Wars Story- Gareth Edwards

…leggi anche…
Il gioco di Ender- Orson Scott Card
I doni- Ursula LeGuin
Il domani che verrà- John Marsden

neon-genesis-evangelion

Regia: Hideaki Anno- Kazuya Tsurumaki
Fotografia: Yoichi Kuroda- Yoichi Kurato
Direzione artistica della serie: Hiroshi Kato
Musiche: Shiro Sagisu
Durata: 26 edpisodi

Leggi tutto ►

Andrea Destro

Hokuto No Ken – Ken il Guerriero

Iacobelli, 2010, 125 pg
avatar

Postato da
il

Siamo alla fine del Ventesimo Secolo. Il mondo intero è sconvolto dalle esplosioni atomiche. Sulla faccia della terra gli oceani erano scomparsi e le pianure avevano l’aspetto di desolati deserti. Tuttavia la razza umana era sopravvissuta…

Ho colpito un tuo punto segreto di pressione.
Ti restano 10 secondi di vita.

Ken il Guerriero.
A buon diritto il manga che ha segnato la fine degli anni ’80 in Italia e non solo.
Ideato da Buronson e Tetsuo Hara, arrivò in Italia nel 1987 e da allora è stato continuamente replicato ed è divenuto un cult.
Ma chi è Ken? È uno dei sopravvissuti all’olocausto atomico, belloccio (un misto fra Mel Gibson e Sylvester Stallone): ma questo è niente. È l’ultimo discendente della Divina Scuola di Hokuto, arte marziale dalle potentissime e micidiali mosse e difende i deboli come nella migliore tradizione giapponese, intrisa di onore e di simbolismi legati al bushido.
Il libro di Andrea Destro non si limita a raccontare la vicenda: analizza i 152 episodi della serie televisiva, i film derivati, i prequel, i sequel. Descrive accuratamente i molti personaggi della saga: chi sono, il loro peso nelle vicende, le loro caratteristiche morali e di combattimento.
In altre parole: siamo di fronte ad una piccola bibbia di un fenomeno che non si è mai fermato. Una piacevole scoperta per chi non lo conosce oppure un ripercorrere appassionato di ricordi.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Ken il guerriero – Buronson & Tetsuo Hara
Ken il guerriero – Buronson & Tetsuo Hara (La Trilogia)
Le bizzarre avventure di JoJo – Hirohiko Araki

…e ascolta anche
Spectra – Ken Il Guerriero
TOM★CAT – Tough Boy
TOM★CAT – Love Song
Spectra – Ken Il Guerriero (Live @ Mantova Comics & Games)

… e guarda anche
Ken il guerriero – Serie Televisiva
Ken il guerriero
Ken il guerriero – La Leggenda di Hokuto
Ken il guerriero – La Trilogia
La serie di Mad Max

Leggi tutto ►

Shinji Aramaki

Capitan Harlock

Gaippone, 2013
avatar

Postato da
il

A volte bisogna affidarsi a qualcosa anche se si sa che è una semplice illusione.

In ogni essere vivente è racchiuso il segreto dell’eternità.

Una Terra inabitabile, l’umanità costretta a vivere sparsa nell’universo e una società potentissima, la Coalizione Gaia, che governa tutto e tutti. Questo il mondo descritto nel film di Shinji Aramaki.
Capitan Harlock è nato con il manga di Leiji Matsumoto alla fine degli anni ’70 ed è divenuto un personaggio iconico grazie alla fortunata serie animata.
Quest’ultima trasposizione unisce al fascino della storia originale, una grande forza visiva.
L’Harlock di Aramaki è un pirata misterioso, in lotta con il potere dominante e disposto a tutto pur di dare all’umanità, colpevole di aver distrutto il proprio pianeta, una possibilità di redimersi.
A contrapporsi a lui, è il personaggio di Yama, spia della Coalizione Gaia, infiltrata nell’equipaggio della nave comandata da Harlock, la leggendaria Arcadia.
I due, accomunati dal desiderio di comportarsi in modo corretto e giusto, si scontrano, si sfidano ed, infine, arrivano a capirsi, in un’ultima scena che richiama alla memoria la conclusione della serie animata Alexander.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…
Star Trek- J.J. Abrams
Elysium- Neill Blomkamp
Alexander- Cronache di guerra di Alessandro il Grande- Yoshinori Kanemori

…e leggi anche
Il gioco di Ender- Orson Scott Card

Capitan Harlock- Shinji Aramaki

 

Regia : Shinji Aramaki
Sceneggiatura : Kiyoto TakeuchiHarutoshi Fukui
Durata: 115’

Interpreti e personaggi principali:
Shun Oguri : Capitano Harlock
Haruma Miura : Logan
Yu Aoi : Mimay
Arata Furuta : Yulian
Ayano Fukuda : Torisan
Toshiyuki Morikawa : Ezra

Leggi tutto ►

Takashi Miike

Yattaman – Il Film

Giappone, 2009 (Edizione Italiana 2011)
avatar

Postato da
il

Finché ci saranno gli Yattaman, l’ingiustizia nel mondo non trionferà!

Le cattive azioni sono divertenti.

È chiaro il messaggio in Yattaman – Il Film: l’unica cosa da fare quando il mondo è minacciato è chiudersi in laboratorio e costruire robot per contrastare i cattivi…
Cattivi? Beh insomma, si, il Trio Drombo è “cattivo”, anche se Miss Dronio sembra più occupata a cercare marito, Boyakki sembra più occupato ad essere il suo spasimante respinto e Tonzula fa sempre i lavori pesanti che gli altri due non fanno.
Comunque meglio non sottovalutarli: Ganchan e Janet lo sanno bene e, mascherati da Yatta 1 e Yatta 2, si oppongono alle malefatte del trio, sempre alla ricerca della Pietra Dokrostone per conto del misterioso Dokrobei.
È un film dedicato innanzitutto ai ragazzi 30/35enni che sono cresciuti nei mitici anni ’80 a pane e cartoni animati giapponesi: ineccepibile la scenografia, sgargiante ed estrosa, e uno sviluppo della vicenda che intreccia scene d’azione perfette ad altrettanto perfette scene demenziali. In definitiva è un anime diventato reale? Anche, e ancora di più è un omaggio a tutta la cultura manga e ai suoi estimatori (e sono tanti).
Che altro dire se non … YATTA YATTA YATTAMAAAN!!!

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Pacific Rim di Guillermo Del Toro
Hellboy di Guillermo Del Toro

…e leggi anche …
Mazinga nostalgia: storia, valori e linguaggi della Goldrake generation di Marco Pellitteri
Storia dell’animazione giapponese di Guido Tavassi

… e ascolta anche …
Yattaman – Sigla serie anni ‘80
Trio Drombo – Film’s Theme Song
Jeeg Robot D’acciaio – Sigla serie anni ’80

Yattaman - Il Film_Locandina

Regia : Takashi Miike
Sceneggiatura : Masashi Sogo
Fotografia : Hideo Yamamoto
Musica : Ikuro Fujiwara
Durata: 111’

Interpreti e personaggi principali:
Sho Sakurai : Ganchan
Saki Fukuda : Janet
Kyoko Fukada : Miss Dronio
Kendo Kobayashi : Tonzula
Katsuhisa Namase : Boyaki
Anri Okamoto : Shoko Kaieda

 

Leggi tutto ►

Satoshi Kon

Paprika

Giappone, 2006
avatar

Postato da
il

Un’invenzione rivoluzionaria, la DC-Mini: l’idea geniale di uno scienziato mai cresciuto, Tokita, e della dottoressa Atsuko Chiba, permetterà agli psicologi di entrare nei sogni dei pazienti e offrire un adeguato trattamento ai loro disturbi.
Ma prima ancora che vengano immessi sul mercato, alcuni esemplari di Dc-Mini scompaiono dai laboratori e il ladro che ne entra in possesso inizia a rivelare il potenziale devastante del congegno, sconvolgendo dapprima le vite dei protagonisti e poi la realtà stessa, con il folle scopo di renderla una cosa sola con i sogni.
Come un’Alice attraverso lo schermo, in cui lo schermo siamo noi spettatori, il film di Satoshi Kon riflette a profondità abissali sulla capacità illusoria del cinema, piegando i generi cinematografici e i loro ritmi (thriller, giallo, sci-fi) ai propri scopi come pareti di edifici immaginari, in un’opera in cui le infinite rifrazioni della trama sono riflesse come in un prisma e per cui non è eccessivo scomodare il termine capolavoro.
 
Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Millennium Actress – Satoshi Kon
Inception – Christopher Nolan
L’Arte del Sogno – Michel Gondry
La città incantata – Hayao Miyazaki
 
…e ascolta anche
Asobi Seksu – Trails
Nine Inch Nails – Wish
Gutevolk – Picnic
 
Locandina di Paprika, film di Satoshi Kon
Regia: Satoshi Kon
Soggetto: Yasutaka Tsutsui
Sceneggiatura: Seishi Minakami, Satoshi Kon
Art director: Nobutaka Ike
Animatori: Masashi Ando
Fotografia: Michiya Katou
Montaggio: Takeshi Seyama
Musiche: Susumu Hirasawa
Durata: 90′

Leggi tutto ►