Archivio tag: battiato

La Tarma

Antitarma

Qui Base Luna, 2014
avatar

Postato da
il

Ho tanti fiori neri nella testa che non mi fanno dormire, non lasciarmi con loro, non lasciarmi con loro.

Marta Ascari, 23 anni, cantante e musicista di Reggio Emilia, in arte “La Tarma”, ha realizzato un album denso, orecchiabile e multicolore.
Si rimane piacevolmente sorpresi dalla maturità nello stile e nella voce dell’artista, che ricorda in qualche modo le sonorita’ di Alice ed Antonella Ruggiero.
I testi sono particolari, introversi e magnetici, accompagnati da sperimentazioni sonore pop ed elettroniche: pennellate di luce e colore, che trasmettono una sensazione piacevole quasi sottopelle.
L’album si apre con “Il Sosia”,   risveglio violento da un sogno. “Icastica” a tratti ricorda, nella ricercatezza del testo, lo stile di Battiato. “Zenone” e’ un pezzo magnetico, catalizzato da energia. “Cuore D’Argento” accentua il suono pop sperimentale.
Ogni canzone è diversa: l’artista si diverte a mescolare parole e suoni rendendo questo album speciale e da scoprire.
La Tarma osserva la realtà con occhi d’insetto. Il suo sguardo é fisiologicamente differente.
Per saperne di più su La Tarma

Ti è piaciuto questo album?
e leggi anche Il sosia – Fedor Dostoevskj

Leggi tutto ►

Carla Cucchiarelli

Ho ucciso Bambi

0111Edizioni, 2012, 154 pp.
avatar

Postato da
il

Voglio sparare a tutti quelli che mi hanno fatto del male. Però adesso che sono qui, in questo letto, sola, non saprei più dire davvero perchè Alessandro mi ha fatto del male. Oddio, forse sono io che ho le idee confuse. E non ho più amici. Voglio dire non ho più amici vivi.

“Ho ucciso Bambi” racconta, sotto forma di diario, la storia di due ragazze di un liceo romano, Silvia e Debora, che decidono di compiere una strage a scuola.  Ne programmano ogni dettaglio nel corso di lunghi pomeriggi a casa, devastate da droga e alcol, totalmente abbandonate a se stesse da famiglie inesistenti. La strage viene compiuta, quattro compagni di classe ed una prof vengono uccisi. Una delle ragazze, Silvia, sopravvive alla sparatoria con la polizia, finisce in stato di coma irreversibile,  e proprio in questa angosciante condizione  rivede la propria vita e si racconta. La storia e’ inventata, ma appare  quasi reale grazie alla grande  capacita’ dell’autrice di delineare psicologicamente la personalita’ delle ragazze e dei compagni di classe e di riportare eventi e riflessioni in modo crudo e del tutto verosimile. E’ una storia di bullismo, di adulti assenti ed incapaci di cogliere segnali e richieste di aiuto: e’ un libro sulla “banalita’” del male. Soprattutto e’ un libro molto equilibrato, che indaga sulle dinamiche dei gesti estremi, senza tuttavia mai giungere a giustificarli.

Ti e’ piaciuto questo libro? Allora leggi anche Kill all enemies – Melvine Burgess

… vedi anche
Bowling a Columbine – Michel Moore
Elephant – Gus Van Sant

ed ascolta anche
La cura – Franco Battiato
Hai un momento Dio? – Luciano Ligabue
Who killed Bambi? – Sex Pistols
Fata Morgana – Litfiba

Leggi tutto ►