Archivio tag: ben affleck

Evanescence

Fallen

2003, Wind-Up Records
avatar

Postato da
il

How can you see into my eyes, like open doors
Leading you down into my core
Where I’ve become so numb, without a soul
My spirit’s sleeping somewhere cold
Until you find it there and lead it back home

Fallen è l’album che ha fatto conoscere gli Evanescence a livello internazionale ed è tutt’ora il disco di maggior successo del gruppo, tanto che, nonostante fosse stato preceduto dall’album Origin, è  stato considerato come  il vero e proprio esordio della band.

Il disco stato un vero e proprio fenomeno generazionale: la sua sonorità gotica e l’atmosfera malinconica che lo attraversano si accompagnano a testi curati che esplorano tematiche profonde come il dolore, la paura e l’oscurità.

Il disco si apre con Going under, ultima canzone scritta nell’album e pensata inizialmente come primo singolo, poi uscito per secondo. Bring me to life (assieme ad My immortal) fu inserito nella colonna sonora del film Daredavil interpretato da Ben Affleck. Everybody’s fool racconta di come alcune persone si facciano ammaliare dalla vita mostrata nel mondo dello spettacolo,  My Immortal parla di uno spirito che vada dopo la morte, Haunted ha come tema centrale il racconto di una bambina rinchiusa in un castello, mentre Hello fu scritta per celebrare la memoria della sorella della cantante. L’album si chiude con Tourniquet che tratta la tematica del suicidio.

 Ascolta tre canzoni dell’album:
Bring me to life
My immortal
Everybody’s Fool

Ti è piaciuto questo album?
Allora ascolta anche:
Epica, The Best of
Skunk Anansie, You’ll follow me down

E guarda anche:
Cristophe Gans, La bella e la bestia
Mark Steven Johnson, Daredavil

E leggi anche:
Licia Troisi, Pandora
Simon Rowd, Drow
Lauren Kate, Fallen

Leggi tutto ►

Ben Affleck

Argo

USA, 2012
avatar

Postato da
il

Quindi tu vuoi venire a Hollywood e far finta che stai lavorando a un grande progetto senza realizzarlo, giusto? Allora hai scelto il posto giusto!

Nella trama pare non possa esserci spazio per imprevisti o colpi di scena, eppure dal primo minuto ci si trova catapultati in una realtà in cui l’angoscia, il ritmo frenetico, la suspence lasciano lo spettatore quasi senza respiro.
Il film racconta la nota vicenda dell’assalto all’ambasciata americana a Teheran, all’indomani della cacciata dello Scià e dell’avvento del governo dell’ayatollah Khomeini. Siamo nel Novembre 1979 e gli Stati Uniti diventano bersaglio del nuovo governo e dell’odio popolare avendo offerto asilo allo Scià in fuga.
Solo un gruppo di sei impiegati dell’ambasciata riesce a scappare all’assalto, evitando così la cattura da parte della folla inferocita e si salva grazie alla disponibilità dell’ambasciatore canadese, che offre loro rifugio.
La CIA deve elaborare un piano per far uscire dal paese i sei impiegati e si rivolge a Tony Mendez, specializzato in azioni di infiltrazione e liberazione di ostaggi, il quale elaborerà un piano assolutamente incredibile ed audace.
La vicenda narrata è realmente accaduta: il film si permette qualche “adattamento”, ma resta sostanzialmente fedele ai fatti.
E soprattutto ha il grande merito di riuscire a mantenere ritmi sempre tesi.
Una prova di regia (e di recitazione) senza dubbio di alto livello per Ben Affleck, da non perdere.
 
Ti è piaciuto questo film? Allora leggi anche Viaggio di nozze a Teheran – Azadeh Moaveni
 
e guarda anche Persepolis – Satrapi, Parronnaud

 

Locandina del film Argo

 

Regia: Ben Affleck
Sceneggiatura: Chris Terrio
Musiche: Alexandre Desplat
Durata: 120′
 
Interpreti e personaggi principali:
Ben Affleck: Tony Mendez
John Goodman: John Chambers
Alan Arkin: Lester Siegel
Bryan Cranston: Jack O’Donnell

Leggi tutto ►