Archivio tag: chemical brothers

Royksopp

Melody A.M.

Wall of Sound, 2001
avatar

Postato da
il

Poor Leno
Where you’ll be I’ll go
Where you’ll be I’ll know
Where you’ll be I’ll find you

Melody A.M. è stato edito un po’ di anni fa, ma nella scena downbeat resta una pietra miliare.
L’Europa del Nord da sempre grandi soddisfazioni in campo musicale e i Röyksopp non sono da meno: le loro composizioni sono familiari, ascoltate ed apprezzate dai frequentatori di club alla moda fino a chi mai si sarebbe avvicinato a qualsivoglia tipo di musica elettronica.
Il pregio dei nostri beniamini è da sempre quello di rendere la musica house (ok, dicendo così si generalizza parecchio, ma rende l’idea) fruibile ed accessibile a tutti: suono tranquillizzante, perfino languido a tratti, accogliente come il divano di casa un sabato pomeriggio di nullafacenza che ha in Poor Leno l’emblema. Quasi una ninna-nanna perfino sofisticata a tratti, questo brano tende ad un purezza ed un andamento musicale piacevolissimo, ben espresso anche dal video.
A dispetto del nome del gruppo (tradotto risulta qualcosa come “funghi atomici”) la musica riequilibra all’ascolto, suoni naturali e suoni sintetici si mescolano placidamente.
Una musica troppo bella per essere odiata da chi non ama il genere e troppo intensa da lasciare indifferenti gli amanti del genere.

Ascolta tre brani tratti dall’album:
So Easy, Poor Leno, Röyksopp’s Night Out
Altri album
Röyksopp – Album nell’opac RBBC

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche:
Daft Punk – Random Access Memories
Massive attack – Blue Lines
The Chemical Brothers – Further
Primal Scream – XTRMNTR

… e leggi anche
Per Petterson – Fuori a rubar cavalli
Sanne Munk Jensen & Glenn Ringtved – Io e te all’alba
Ava Dellaira – Noi siamo grandi come la vita

… e guarda anche
Steven Lisberger & Joseph Kosinski – Tron & Tron Legacy
Mamoru Hosoda – Summer Wars
Zack Snyder – Sucker Punch

Leggi tutto ►

The Chemical Brothers

Further

Astralwerks, 2010
avatar

Postato da
il

I mitici anni ‘90 sono storia e memoria, nessuno li resusciterà: i Chemical Brothers lo sanno e lo ribadiscono. Ma i nostri non sono assolutamente fuori moda e lo si capisce subito: “Snow” ed “Escape Velocity” sono due brani che colpiscono al cuore dei padiglioni auricolari, un dolce-salato in un crescendo di synth ed una cassa che rilassa. I colpi che stordiscono non mancano,come “Horse Power”, una potenza che lascia senza fiato.
Tra sofisticazioni elettroniche e melodie fluenti e pericolose come ponti tibetani, i Chemical Brothers riprendono con slancio la propria carriera, segnando una ulteriore evoluzione del loro livello stilistico e compositivo.
 
Ascolta tre brani tratti dall’album
Escape Velocity,  Horse Power, Another World
 
Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Planet Funk – Who Said
Royksopp – Poor Leno

 

Leggi tutto ►