Archivio tag: chiesa

Tori Amos

A Tori Amos collection: Tales of a Librarian

2003, Atlantic, USA
avatar

Postato da
il

Il 17 Novembre del 2003 la Atlantic Records rilasciava la prima ed ultima raccolta ufficiale di Tori Amos: un’artista eclettica, fuori dagli schemi, bravissima musicista e sublime autrice di canzoni che hanno fatto di lei una delle più importanti icone femminili della musica  degli  anni Novanta.

Se volessimo dire qualcosa della Amos dobbiamo partire dal fatto che è figlia di un reverendo metodista, questo perchè in buona parte dei suoi testi la cantante affronta il tema della religione, della Chiesa, dell’ipocrisia di quest’ultima, del diritto alla libertà di ciascuno di noi e soprattutto della donna.  A causa di avvenimenti molto tragici nella sua vita i suoi testi rispecchiano una ricerca non solo stilistica ma anche poetica molto profonda. Il timbro della sua voce è capace di rendere al meglio ogni emozione, dalla sofferenza, alla gioia, dall’aggressività alla dolcezza e ha un rapporto strettissimo con gli strumenti che ama suonare con passione in ogni suo live.

Dopo aver cambiato diverse case discografiche nel 2002 Tori Amos firma con la Sony la sua collaborazione più stretta e prolifica. Le canzoni contenute in Tales Of A Librarian sono i suoi successi più conosciuti ed in più ci sono la dolce Snow Cherries From France, una ballata in stile Scarlet’s Walk, che una sottile malinconia ed Angels un’altra ballata pop sullo stile della precedente accompagnata da batteria, basso, chitarra e ovviamente il suo fedele Bosendorfer. Successi immortali come Cornflake girl, Playboy Mommy,  Precius Things rimasterizzata per l’occasione, impreziosiscono una raccolta che segna la fine di un’epoca creativa per la cantautrice. Nella Special Edition di Tales Of A Librarian è presente anche un dvd che contiene tre canzoni live registrate durante il soundcheck di Welcome To Sunny Florida, il 4 Settembre 2003, tra cui: Pretty Good Year, Honey eNorthern Lad. Oltre alle versioni live sono presenti anche quelle strumentali come Mr.Zebra e Putting The Damage On.

Se ti è piaciuto guarda anche:

Everythings Sucks! di Michael Mohan, Ry Russo-Young. La protagonista è una fan sfegatata della Amos.

Leggi anche:

MI chiamo Lucy Barton, Elizabeth Strouth

Ascolta anche:

PJ Harvey, Let England Shake

 

Leggi tutto ►

John Crowley

Brooklyn

2015, Irlanda - Regno Unito - Canada
avatar

Postato da
il

“Finché un giorno spunterà il sole, forse non te ne accorgerai subito, la sua luce sarà tenue e ti sorprenderai a pensare a qualcosa o al qualcuno che non ha alcuna attinenza per il passato, qualcuno che appartiene solo a te, e capirai, che la tua vita è li.”

Irlanda, 1952. Eilis Lacey è una ragazza della piccola cittadina di Enniscorthy, sogna di potersi trasferire negli Stati Uniti e crearsi un futuro migliore rispetto a quello che la attenderebbe in patria. Grazie al sostegno della sorella maggiore e all’aiuto di un prete riesce ad imbarcarsi su un transatlantico con direzione New York. Eilis seppur piena di paure, riesce a trovare il coraggio di partire per questa nuova avventura. Una volta arrivata trova alloggio presso un convitto del borough di Brooklyn; i primi momenti sono molto difficili, si sente smarrita e pensa continuamente a casa, fino a quando incontrerà Tony un ragazzo italo americano che le cambierà la vita. La vita di Eilis prosegue spensierata fino a quando un tragico evento la costringerà a tornare in Irlanda. Qui si troverà a fare i conti con il passato e a prendere delle decisioni importanti che cambieranno definitivamente il corso della sua vita…

La pellicola è tratta dall’omonimo libro di Colm Toibin, racconta in modo leggero la storia dei migranti degli anni ’50, che lasciavano l’Europa per il “sogno americano”, scontrandosi con la differenza culturale notevole dei due continenti, ma riuscendosi ad adattare alla nuova realtà. Non sono presenti colpi di scena, ma con la sua storia lineare e la tenacia della protagonista il film riesce a suscitare interesse nello spettatore, il quale può facilmente immedesimarsi in quella parte del popolo italiano che ha lasciato tutto per cercare di avere un futuro migliore. Ottima anche l’interpretazione dei personaggi, di ognuno di loro si riesce ad individuare facilmente il carattere. Un film che riporta all’attenzione temi attuali e profondi quali l’emigrazione e la ricerca di un futuro migliore, temi sempre affrontati con quel tocco di leggerezza e ironia che caratterizza lo sceneggiatore Nick Hornby.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…

- Un americano a Roma
- In fuga per la libertà
- Il Padrino

Leggi anche..

- Brooklyn
- Le arance di Michele
- La ragazza di Orchard Street

 

locandina-brooklyn

ANNO: 2015
REGIA: John Crowley
ATTORI: Saoirse Ronan, Domhnall Gleeson, Emory Cohen
SCENEGGIATURA: Nick Hornby
FOTOGRAFIA: Yves Bélanger
MUSICHE: Michael Brook
PRODUZIONE: Wildgaze Films, Parallel Film Productions, Irish Film Board
DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox
PAESE: Irlanda, Gran Bretagna, Canada
DURATA: 113 Min

Leggi tutto ►

Ken Loach

Jimmy’s Hall

Gran Bretagna, Irlanda, Francia 2014
avatar

Postato da
il

ll nostro è solo uno spazio sicuro in cui possiamo pensare, parlare, ridere, ascoltare, imparare, ballare. Venite a vedere con i vostri occhi cosa stiamo facendo, non abbiatene paura!

Irlanda, anni Venti. Jimmy Gralton ama la musica, la lettura, l’arte. Insieme ad alcuni amici, decide di aprire una sala da ballo nella piccola comunità in cui vive. Un luogo destinato a diventare ben presto molto più che un semplice locale per le danze: gli abitanti del paese vi si recano per leggere poesie, imparare mestieri, stare insieme. Tuttavia, si sa, da sempre il desiderio di emancipazione di alcuni è destinato a scontrarsi con la volontà repressiva di altri, di chi ha interesse a che le cose restino immutate, a proprio vantaggio. Jimmy viene quindi accusato di comunismo e costretto a chiudere il locale. Scappa negli Stati Uniti e torna solo dieci anni dopo. I compaesani gli chiedono di riaprire la sala. Ma ancora una volta i poteri forti (Chiesa e proprietari terrieri) lo ostacoleranno in tutti i modi. Un film che parla di libertà e coraggio, di ideali e sogni, di lotta per i propri diritti, di condivisione, fame di conoscenza e desiderio di leggerezza.

Ti è piaciuto questo film? Allora vedi anche
Il vento che accarezza l’erba – Ken Loach
La parte degli angeli – Ken Loach
Il mio amico Eric – Ken Loach

e leggi anche
The song of wanderin Aengus – W.B. Yeats

 

jimmy

Regia: Ken Loach
Sceneggiatura: Paul Laverty
Scenografia: Fergus Clegg
Costumi: Eimer Ni Mhaoldomhnaigh
Musiche: George Fenton
Durata: 109′

Personaggi ed interpreti:
Jimmy Gralton: Barry Ward
Oonagh: Simone Kirby
Mossie: Francis Magee
Tommy: Mikel Murfi

Leggi tutto ►