Archivio tag: Claire Cameron

Caro prof, io quest’estate leggo mastro Don Gesualdo. Tu, in cambio, leggi…2018

avatar

Postato da
il

Articolo di Roberta Cirimbelli e Elena Severgnini

Ci sono libri imprescindibili, libri che ognuno dovrebbe leggere almeno una volta nella vita.

Gli stessi libri, però, se affrontati con lo stato d’animo sbagliato o in un momento non adeguato della proprio vita, possono perdere tutta la propria bellezza.

E cosa fa perdere loro ogni fascino più del divenire letture obbligate?

Anche per il 2018, proponiamo la nostra bibliografia alternativa alle letture estive date dalla scuola.

Se i ragazzi, anche quest’estate, dovranno affrontare Se questo è un uomo, I Malavoglia e La coscienza di Zeno, chiediamo ai loro insegnanti di provare a mettersi in gioco anche loro con le letture estive, con qualcuno dei libri qui elencati.

L’intento di questa sfida è quello di trasformare l’estate in un un momento in cui insegnanti e studenti possano scambiarsi consigli di lettura, magari partendo proprio da una selezione di ciò che abbiamo consigliato nell’ultimo anno (romanzi di vari generi, saggi, graphic novel).

L’ultima dei Neanderthal- Claire Cameron
Una voce di piombo e oro – K.L. Going
Il ragazzo nuovo- Tracy Chevalier
Il grido del lupo- Melvin Burgess
Apple e rain – Sarah Crossan
Mary e il mostro- Lita Judge
Cercare mondi- Guido Tonelli
Un anno senza te- Luca Vanzella, Giopota
The Hate U Give- Angie Thomas
L’ora di pietra- Margherita Oggero
Da dove la vita è perfetta- Silvia Avallone
Your name.- Shinkai Makoto
Absence- Chiara Panzuti
Ti darò il sole- Jandy Nelson

Leggi tutto ►

Claire Cameron

L’ultima dei Neanderthal

2017, Società Editrice Milanese, 286 pagine
avatar

Postato da
il

Quando Ragazza era dentro la capanna, aveva l’abitudine di sussurrare una parola: “Calore”. Amava la sensazione di essere in contatto con tanti cuori che battevano, con orecchie che ascoltavano, e con tutti quegli occhi che controllavano che nessuno avesse qualcosa che gli strisciava lungo la schiena. Era così che il suo sangue trasmetteva il calore ai corpi che lei amava. Era così che restava viva.

L’uomo di Neanderthal spesso è stato per lungo tempo considerato come un semplice passaggio evolutivo fra l’uomo e la scimmia, soppiantato e costretto all’estinzione dal più intelligente Homo Sapiens; ma gli studi più recenti ci hanno svelato che un quarto degli umani che vivono attualmente sul pianeta ha nel proprio Dna tracce dell’Uomo di Neanderthal e questo è spiegabile sono in un modo: non sono stati spazzati via dalla selezione naturale, alcuni di loro hanno combattuto contro l’Homo Sapiens, altri invece lo hanno amato.

Claire Cameron decide di raccontarci questa storia attraverso le voci narranti di due protagoniste: una è Ragazza, l’ultima femmina fertile della sua famiglia ed infine unica superstite dei Neanderthal del suo territorio, e Rose, l’archeologa che scoprirà in una caverna i resti di Ragazza insieme a quelli di un Homo Sapiens, forse proprio di Cucciolo, il ragazzino che la famiglia di Ragazza ha adottato ma che crescendo sembra sempre più diverso fisicamente da lei. Ci viene raccontata la vita di Ragazza, di come è nato il suo incontro con la famiglia dei Sapiens,la sua lotta per la sopravvivenza affrontando la solitudine, il tutto messo in parallelo con la vita d Rose, che si ritrova a difendere la più grande scoperta della sua carriera proprio quando sta per andare in congedo di maternità.

Ti è piaciuto questo libro?
Allora leggi anche:
Roy Lewis, Il più grande uomo scimmia del Pleistocene

E guarda anche:
Matt Reeves, Il pianeta delle scimmie
Roland Emmerich,10.000 ac

E ascolta anche:
Rag’n’Bone Man, Human

Leggi tutto ►