Archivio tag: cremona

Tex compie 70 anni!

avatar

Postato da
il

Per un fumetto, giungere al traguardo dei settanta anni, non è cosa da poco.

La storia di Tex, la cui prima uscita risale al 1948, ha accompagnato la vita di molti fedelissimi lettori.

In questi ultimi mesi del 2018, penseranno a celebrarlo due mostre.

La prima, Tex- 70 anni di un mito, organizzata presso il Museo della Permanente di Milano da Sergio Bonelli editore, sarà visitabile fino al 27 gennaio 2019.

“Curata da Gianni Bono, storico e studioso del fumetto italiano, in collaborazione con la redazione di Sergio Bonelli Editore, la mostra racconterà come Tex sia riuscito, anno dopo anno, non solo a entrare a far parte delle abitudini di lettura degli italiani, conquistando generazioni diverse, dal 1948 a oggi, grazie al suo profondo senso di giustizia e alla sua innata generosità, ma anche a diventare un eroe e un vero e proprio fenomeno di costume, un nome che non ha bisogno di presentazioni… grazie a disegni, fotografie, materiali rari e talvolta mai visti prima e attraverso installazioni a tema create appositamente per questo evento, la mostra TEX. 70 ANNI DI UN MITO, il più importante omaggio mai dedicato all’Aquila della Notte, ripercorrerà l’epopea di Tex Willer, che è anche quella della Frontiera americana, dalla sua creazione ai giorni nostri, attraversando gli eventi e i personaggi della serie e gli straordinari artisti della matita e del pennello che hanno reso Tex il mito che noi tutti conosciamo.” (dalla pagina dedicata alla mostra sul sito di Sergio Bonelli editore)

La seconda mostra, Omaggio a TEX: 70 anni e non sentirli, organizzata dal Centro Fumetto Andrea Pazienza, avrà come cornice il bellissimo Palazzo Comunale di Cremona (la mostra sarà allestita nella Sala Alabardieri) e si terrà dal 26 ottobre al 25 novembre. Qui saranno visibili “quaranta tavole e illustrazioni originali, corredate da informazioni storiche e descrittive. Le immagini rappresenteranno Tex e i vari personaggi della serie in pose avventurose e le tavole saranno tratte dagli episodi più rappresentativi o spettacolari.” (dal sito del Comune di Cremona)

A chi avrà l’opportunità di partecipare alla mostra, consigliamo di cogliere l’occasione per visitare la nuova bellissima sede del Centro Fumetto (in Via Palestro, 17)!

Leggi tutto ►

Festa del Volontariato 2018- Cremona

avatar

Postato da
il

Il 23 settembre dalle 10.00 alle 19.30 le piazze del centro storico di Cremona si animeranno con gli oltre 130 espositori previsti per l’edizione 2018 della Festa del Volontariato.

Oltre 800 volontari, tra cui 20 ragazzi impegnati in progetti di Servizio Civile verranno coinvolti nell’iniziativa che vedrà la partecipazione di associazioni, enti e istituzioni del territorio.

Tra questi, non poteva mancare la nostra Rete Bibliotecaria Cremonese.
Al suo stand saranno disponibili informazioni sui servizi offerti e su MediaLibraryOnLine.

Per saperne di più:
Sito
Elenco espositori

Leggi tutto ►

Lindsey Stirling

Lindsey Stirling

Bridge Tone, 2012
avatar

Postato da
il

Lindsey Stirling è una vera e propria artista in tutti i sensi ed ha uno stile e una tecnica tutta sua: è riuscita a fondere il suono del violino e il timbro della musica classica all’elettronica moderna e all’hip hop, accompagnandolo con coreografie eseguite da lei stessa.
[ Mariano Trissati ]

Lindsey Stirling prima ancora di essere un’artista, è un folletto.
Sembra un personaggio uscito da un manga giapponese: quando si esibisce balla e saltella sul palcoscenico per tutta la durata dello spettacolo, si contorce in mille moine in una maniera tale che si fatica a capire se sia reale o sia un artefatto di gommapiuma.
Lei è una scenografia vivente.
Dopo questo si nota e ci si compiace di quanto sia virtuosa col violino, pare un’estensione di lei: in questo album eponimo è un brivido costante la bravura con la quale imbastisce note e sensazioni, melodie e stati d’animo.
Lindsey ha creato qualcosa di veramente unico, raffinato, che strizza l’occhio alla musica classica unendo però tutta la forza della musica contemporanea con spruzzate di elettronica, ritmi dance, dubstep.
Insomma crossover, ma di classe.
Non annoia nei live, anzi, si ascolta piacevolmente nella nostra sala audio privata; si potrebbe forse obbiettare che forse è ancora un’artista un poco di nicchia.
Ma crediamo resterà tale ancora per poco.

Ascolta tre brani tratti dall’album:
Electric Daisy Violin, Minimal Beat, Crystallize.

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche:
David Garrett – Rock Symphonies
Vanessa Mae – Storm (Vivaldi Techno)
Valentina Giovagnini – Il passo silenzioso della neve

… e leggi anche
Paolo D’Antonio – Paganini
Enzo Porta – Il violino nella storia
Uto Ughi – Quel diavolo di un trillo

… e guarda anche
Scott Hicks – Shine
Milos forman – Amadeus

… e visita anche
Il Museo del Violino di Cremona

Leggi tutto ►

Magnum Life

IL FOTOGIORNALISMO CHE HA FATTO LA STORIA
avatar

Postato da
il

Vedere la vita; vedere il mondo; essere testimoni oculari di grandi eventi; osservare il volto dei poveri e i gesti dei superbi; vedere cose strane: macchine, eserciti, moltitudini, ombre nella giungla e sulla Luna; vedere l’opera dell’uomo: dipinti, torri e scoperte; vedere cose distanti migliaia di chilometri, cose nascoste dietro muri o dentro stanze, cose pericolose da avvicinare; le donne che gli uomini amano e molti bambini; vedere e gioire nel vedere; vedere ed essere sorpresi; vedere ed “apprendere”.

(Manifesto di Life che apparve nel numero del 23 novembre del 1936)

Life con i suoi contenuti editoriali, ma soprattutto grazie al ruolo affidato alla fotografia, contribuì a creare un’identità e una cultura nazionale americana, dagli anni della grande depressione alla guerra del Vietnam.

Magnum Photos riunì le migliori capacità ed esperienze del mondo della fotografia con il fine di tutelarne il lavoro e permetterne un pieno controllo.

La mostra è un viaggio all’interno di nove reportage pubblicati da Life, storie che ebbero un grande impatto sull’opinione pubblica con immagini che divennero icone del XX secolo.” (Dal sito della mostra Magnum Life)

La guerra civile spagnola, il conflitto in Vietnam, James Dean, le riprese del film Gli spostati con Clark Gable e Marilyn Monroe: questa coinvolgente esposizione dell’opera prodotta dagli artisti dell’agenzia fotografica Magnum segue le vicende di mezzo secolo di storia, rappresentati con una moltitudine di temi, stili e punti di vista.

I toni usati dai differenti fotografi sono variegati e rispecchiano appieno la linea editoriale di una rivista come Life che, ad ogni sua uscita, presentava al lettore approfondimenti sui più disparati argomenti.

Un pregio della mostra, ospitata negli spazi del Museo del Violino di Cremona, è proprio il costante rinvio all’uso che delle fotografie veniva fatto all’interno della rivista.

MAGNUM LIFE- Il fotografismo che ha fatto la storia
Cremona- Museo del Violino
Fino all’11 giugno 2017

Per saperne di più:
Sito
Facebook
Instagram

Ti è piaciuta questa mostra? Allora visita anche…
le mostre del Brescia Photo Festival

… guarda anche…
Il sale della terra- Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado

… e leggi anche…
Il mondo di Steve McCurry- A cura di Gianni Riotta

Leggi tutto ►

Marco Ghizzoni

Il cappello del maresciallo

Guanda, 2014, p. 215
avatar

Postato da
il

Il suo piano era quello di fargli credere di essere invaghita di lui così da tenerlo buono e tranquillo. Nel caso non avesse funzionato, aveva sempre il suo cappello come arma di ricatto.

Il cappello del maresciallo è certamente una commedia all’italiana, scritta dal giovane autore Marco Ghizzoni nato e cresciuto nella campagna cremonese, dove effettivamente è ambientata la nostra storia. E il cappello della citazione è proprio quello del Maresciallo.

Boscobasso, un nome di fantasia ma non molto lontano dalla realtà, è una piccola cittadina della Provincia di Cremona che ospita duemila anime di cui tre carabinieri, un sindaco, un parroco con la sua perpetua, l’oste e tutta una serie di personaggi tipici; delle vere e proprie macchiette che scheggiano nella storia come se entrassero ed uscissero da un palcoscenico. Il fatto è che il famoso liutaio Arcari, viene trovato senza vita nella piccola stazione del paese, con i pantaloni calati, particolare piuttosto piccante, che farà prendere alle indagini una certa piega. Non sarà tuttavia l’unico accadimento insolito, per un piccolo paese della provincia lombarda, dove la nebbia avvolge tutto come un cappotto ben cucito, e dove tutti sanno cosa pensa il proprio vicino di casa.

La trama non è innovativa, ma è lo stile della narrazione che ci tiene incollati al romanzo. Non succede effettivamente nulla che possa considerarsi un colpo di scena, ma la prosa è scorrevole e divertente. Inoltre ci ritroviamo nel romanzo come probabili abitanti di Boscobasso, proprio per la vicinanza con le nostre origini, ci rivediamo a camminare tra quelle vie, quasi con il rischio d’incontrare i personaggi per strada.

Se volete potete leggere questo libro QUI, e se vi è piaciuto leggere anche I peccati della bocciofila, sempre edito da Guanda e suo seguito ideale.

Leggi tutto ►

Storia del West 50esimo

avatar

Postato da
il

Il Centro Fumetto Andrea Pazienza di Cremona dedica una mostra alla celebre collana di fumetti, creata nel 1967 da Gino D’Antonio e Renzo Calegari. La storia dedicata alla conquista del West, è stata caratterizzata dal desiderio di raccontare la realtà storica e i fatti, così come si erano svolti.

Dall’11 al 26 marzo presso gli spazi di Santa Maria della Pietà a Cremona saranno a disposizione dei visitatori tavole originali, layout e molto altro materiale legato alle storie del vecchio West, proveniente dal fondo lasciato dallo sceneggiatore Gino D’Antonio.

Sarà presente una sezione dedicata ad altri personaggi western come Tex, Zagor e Ken Parker.

Per maggiori informazioni:
Pagina Facebook della mostra
Sito del Centro Fumetto Andrea Pazienza

Leggi tutto ►

Il grande fiume lento e altre storie

avatar

Postato da
il

Una mostra che mi fa venire voglia di andare in vacanza perché ho lavorato tantissimo in questi anni e la mostra qui presente me lo ha fatto capire.
(Alessandro Sanna)

Fiume Lento, libro dedicato al Po, è uno dei lavori più intensi e poetici di Alessandro Sanna. Partendo da questa sua celebrazione del fiume, il Centro Fumetto Andrea Pazienza ha realizzato un’esposizione che è un vero e proprio viaggio nell’opera di un artista eclettico e sorprendente.

Riprendendo la descrizione dell’autore fatta nella pagina del sito del Centro Fumetto, dedicata all’esposizione, “Sanna è un raffinato narratore per immagini, poco più che quarantenne, abilissimo nel muoversi tra illustrazione e fumetto, utilizzando le tecniche e gli stili più diversi senza rinunciare ad un certo rigore estetico nel creare forme caratterizzate da immediatezza percettiva. Sono ormai decine le sue pubblicazioni, alcune delle quali edite anche all’estero, e numerose sono state le mostre personali a lui dedicate.”

Di certo, la sua descrizione del fiume Po, così come la sua capacità di evocare con le immagini storie e suggestioni, rendono questa mostra davvero imperdibile.

Il grande fiume lento e altre storie- La ricerca, l’arte, la dedizione di un narratore per immagini
Dal 4 febbraio al 5 marzo 2017
Cremona, Santa Maria della Pietà
Da martedì a venerdì 9:30 – 12:30 e 15:30 – 18:00
Sabato e domenica 10:00 – 13:00 e 14:30 – 18:30
Lunedì chiuso

Vuoi saperne di più sulla mostra?
Sito del Centro Fumetto Andrea Pazienza
Pagina Facebook dedicata alla mostra

Leggi tutto ►

David Garrett

Rock Symphonies

Decca, 2010
avatar

Postato da
il

Impossibile non amare a musica.
È poesia di suoni e melodie a cui non puoi resistere.
[ David Garrett ]

Con la musica, talvolta, bisogna flirtare…
…e David Garrett fa proprio il piacione.
Scherzi a parte: la sua bravura come violinista era già nota prima di questo disco, talmente bravo da entrare a far parte del Guinness dei Primati per aver eseguito il celeberrimo motivo de Il Volo del Calabrone di Rimskij-Korsakov in solo 1 minuto e 6 secondi.
Poi l’illuminazione: creare un crossover contaminando musica classica e generi lontani (ma neanche poi tanto) come pop, rock, grunge oppure riarrangiare brani in una chiave totalmente nuova. Rock Symphonies è questo.
Accordi dal sapor di dura roccia come quelli di Smells Like Teen Spirit dei Nirvana vengono eccitati ulteriormente dalla furiosa interpretazione orchestrale.
Oppure l’unione fra Le Quattro Stagioni di Vivaldi e Vertigo degli U2 spiazza e diverte.
Da “semplice” violinista David è diventato violinista rock, mantenendo la semplicità d’esecuzione che sempre lo ha contraddistinto mentre vola di nota in nota con il suo Stradivari.
Il grande liutaio cremonese mai avrebbe pensato che dai suoi strumenti potesse sprigionarsi tutta quella energia.
…ma questo è uno dei tanti poteri della musica.

Ascolta quattro brani tratti dall’album:
Smells Like Teen Spirit, Vivaldi vs. Vertigo, November Rain, Asturias

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche:
Niccolò Paganini
Uto Ughi
Salvatore Accardo

… e leggi anche
Paolo D’Antonio – Paganini
Enzo Porta – Il violino nella storia
Uto Ughi – Quel diavolo di un trillo

… e guarda anche
Bernard Rose – Il violinista del diavolo
Scott Hicks – Shine
Milos forman – Amadeus

… e visita anche
Il Museo del Violino di Cremona

Leggi tutto ►

Centro Fumetto Andrea Pazienza- Corsi di fumetto 2015-16

avatar

Postato da
il

Il Centro Fumetto Andrea Pazienza di Cremona è una preziosissima risorsa per tutti gli appassionati del genere…

Ma non solo!
Se, oltre a leggere fumetti, ti piacerebbe essere in grado di crearne uno tu stesso, non puoi perdere i corsi che vengono organizzati dal Centro!

Per bambini e ragazzi, ci sono i tradizionali incontri pomeridiani che permettono di scoprire il meraviglioso mondo di strisce e baloon, partendo dal livello base, per arrivare a quello avanzato.

Per gli adulti, sono previsti incontri serali su tematiche più tecniche e specifiche.

Qui trovi tutte le informazioni sui corsi del Centro Fumetto.

… e qui puoi scoprire quali fumetti e graphic novel sono raccontati su ExtratimeBlog!

Leggi tutto ►

La nascita di Magnum

avatar

Postato da
il

La Magnum photos è l’agenzia fotografica fondata nel 1947 a New York da Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, George Rodger, David ‘Chim’ Seymour e William Vandivert. I suoi reportage hanno segnato la storia della fotografia e del fotogiornalismo, dandole notorietà a livello mondiale.
Fino all’8 febbraio, il Museo del Violino di Cremona ospita un’esposizione a cura di Mario Minuz, che comprende, tra gli altri, scatti realizzati durante la Guerra Civile Spagnola, la Seconda Guerra Mondiale ma anche fotografie dell’India di Gandhi e della nascita delle stato di Israele.
Una raccolta emozionante di immagini, di grande interesse per gli amanti della fotografia e per chiunque voglia lasciarsi coinvolgere nel racconto che questi fotografi hanno saputo fare di importanti momenti della storia della seconda metà del ’900.

Qui trovate tutte le informazioni sulla mostra.

Leggi tutto ►