Archivio tag: daughter

Be Forest

Earthbeat

We Were Never Being Boring, 2014
avatar

Postato da
il

Giunto all’appuntamento con il secondo album, forte degli ottimi riscontri dell’esordio Cold, il terzetto pesarese Be Forest conferma le promesse con un nuovo, splendido lavoro.
In Earthbeat, che si avvale dei preziosi interventi di synth di Lorenzo Badioli, la formula dell’esordio si fa ancora più calda e coinvolgente, nove tracce di misteriosa dark-wave edificata sui toni liquidi della chitarra di Nicola Lampredi, le vocalità eteree di Costanza Delle Rose ed Erica Terenzi e una ritmica inquieta, che invita ad abbandonarsi a danze notturne e sensuali.
Delicatissima negli ipnotici strumentali Totem e Totem II, che aprono le rispettive facciate del vinile, o nel passo sonnambulo di Ghost Dance, la musica di Earthbeat non perde però mai in fisicità, come testimoniano Airwaves o il vorticare incessante di Captured Heart, primo notevole singolo, e Lost Boy. La chiusura, poi, si affida alla dolcezza marziale di Hideway, suono di una marcia che dalla luce abbagliante del giorno conduce alle ceneri di un fuoco spento, perfetto commiato per un disco che sembra davvero abitare un altrove da sogno.

Ti è piaciuto questo disco? Allora ascolta anche
Disintegration – Cure
Lorelei – Cocteau Twins
Angelsxx
Fade Into You – Mazzy Star
YouthDaughter

…e guarda anche
Lasciami Entrare – Tomas Alfredson
Donnie Darko – Richard Kelly
Moon – Duncan Jones

Leggi tutto ►

Chvrches

The Bones Of What You Believe

Glassnote, 2013
avatar

Postato da
il

hide, hide
I have burned your bridges
now I’ll be a gun
and it’s you I’ll come for

A guardarla, la lista delle grandi band uscite da Glasgow è qualcosa che davvero impressiona: dall’indie-pop delle origini di Aztec Camera e Orange Juice, a quello del decennio successivo dei Belle And Sebastian; dai Primal Scream, maestri della fusione tra rock e dancefloor, ai Franz Ferdinand, vero fenomeno di questi dieci anni. E poi Pastels, Vaselines, Blue Nile, Mogwai.
Ma Glasgow, nel 2013, significa soprattutto Chvrches, arrivati in questi giorni a pubblicare l’atteso esordio The Bones Of What You Believe.
Musica pop suadente, nata con il preciso intento di far ballare il pubblico, con i synth e i bassi profondi dei veterani Iain Cook e Martin Doherty a disegnare soundscapes solari e ombrosi a un tempo, su cui si staglia la voce limpida della fascinosa Lauren Mayberry, vero cuore dell’album.
Dodici pezzi zeppi di ganci melodici, un trittico d’apertura travolgente (The Mother We Share, We Sink, Gun) e poi una serie di perle pensate per un airplay radiofonico da sogno (Lies, Recover, Night Sky, Lungs, By The Throat), che vanno a spegnersi nell’eterea marcia verso il tramonto di You Caught The Light.
Gli anni Ottanta di Laurie Anderson, Depeche Mode e Cocteau Twins costituiscono un imprescindibile riferimento per la band, che spesso cita tra le proprie influenze anche la musica da cinema di quel decennio, particolarmente quello horror.
Ma qui piace pensare a questi suoni come alla tempesta perfetta che s’insinua tra i silenzi infiniti e gli sguardi dolci e persi di Carey Mulligan e Ryan Gosling in Drive.
Un’emozione intensa che si muove appena sotto la pelle e sembra non aver bisogno di parole, ma solo di piccoli gesti per incendiare.
 

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
WinterDaughter
We Own The Sky – M83
Enjoy The Silence – Depeche Mode
Heaven Or Las Vegas – Cocteau Twins
 
…e guarda anche
Drive – Nicolas Winding Refn

Leggi tutto ►

Daughter

If You Leave

4AD, 2013
avatar

Postato da
il

And if you’re in love, then you are the lucky one
’cause most of us are bitter over someone
Setting fire to our insides for fun
to distract our hearts from ever missing them
But I’m forever missing him

Atteso dopo due interessanti EP, If You Leave è l’album suadente e fascinoso che segna l’esordio sulla lunga distanza di Daughter.
La poesia di Elena Tonra, il suo raggomitolarsi lontano dalle luci, si sposa alla perfezione con la dolcezza di una voce moltiplicata come un canto di sirene, incrinata da un’intensità capace di far male; la sua chitarra e quella del compagno Igor Haefeli disegnano paesaggi sonori rarefatti, ombrosi e lucenti insieme, ravvivati dagli interventi percussivi di Remi Aguilella.
Ne nascono dieci tracce di strabiliante impatto emotivo, un continuum sonoro che è puro incanto, in cui raramente le battute aumentano: accade nell’opener Winter o in Human, l’ossatura di una ritmica circolare e di una chitarra acustica che lasciano alla nuda voce di Elena una chiusura raggelante.
Più spesso i crescendo assumono la forma di un tentativo vano ma necessario di raggiungere le stelle in aperture maestose, a partire dal cuore dell’album, quella Youth che toglie il fiato con una melodia epica e drammatica. Una delle cose più belle ascoltate quest’anno.
E poi, sulla medesima linea, altre meraviglie: Still, parente stretta delle elegie di Soap&Skin, e Touch, vicina ai migliori XX; la coralità di Tomorrow e le reminiscenze folk di Amsterdam, che conducono al finale struggente di Shallows.
If You Leave è il suono di una notte di fine estate, passata sotto un cielo che ci sta stretto, a medicare le ferite di cuori infranti; il racconto della malinconia di occhi troppo timidi per guardare in alto.
 

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
The Wolves (Act I And II) – Bon Iver
Irene – Beach House
Angels – The xx
Cynthia – Soap & Skin
 
…e guarda anche
Blue Valentine – Derek Cianfrance (VM 14)
L’amore che resta – Gus Van Sant

Leggi tutto ►