Archivio tag: Diamanda Galas

Abysmal Grief

Feretri

Terror From Hell - Horror Records, 2013
avatar

Postato da
il

We live hidden from the sun in the mantle of the eternal night
We breath the corpse effluvia from the uncovered graves
Our grim and solemn scorn will take you all to Hell
Come on, show us your pride and try to face our spell

Articolo di Arianna Mossali

Bistrattato, umiliato, insultato ma, con l’aiuto di chissà quale forza oscura, in un modo o nell’altro riesce sempre ad emergere con lo splendore sprezzante di una diva conscia della propria superiorità: stiamo parlando, cari i miei aspiranti occultisti musicali, del doom italiano, che qualora non lo sapeste vanta una tradizione rinomata e prestigiosa. Ciascuno con la propria personale interpretazione, artisti come Alphataurus, Paul Chain, Ojm, Midryasy, Requiem, Antonius Rex, Jacula, Doomsword, Vedova, Forgotten Tomb, ci renderebbero competitivi sul mercato internazionale delle note tenebrose, se solo noi fossimo minimamente in grado di valorizzarli. Preso atto che purtroppo così non è, mettiamoci il cuore in pace e godiamoci dalla prima all’ultima vibrazione questa creazione degli Abysmal Grief, ”Feretri” (standing ovation doverosa per il titolo scelto). Abbiamo a che fare con un filone musicale ancor più misconosciuto di quanto già non sia tutto quel che rientra nella definizione di “underground”, e che da sempre ha un flirt sin troppo evidente con il mondo sommerso dell’occultismo, sia che l’interesse rimanga a livello teorico, sia che comporti effettivamente qualche rimando esoterico.
Ovviamente, questo legame non può che costituire una fonte inesauribile di equivoci non di rado esasperanti.
“Ma come fai ad ascoltare queste cose? Questa non è musica, è la colonna sonora di un film dell’orrore!”
Sicuramente tutti voi che state leggendo conoscete bene questa sentenza (e l’inevitabile corollario Metal=musica per satanisti, incrollabile quanto il teorema di Pitagora), essendovela sentita scagliare contro milioni di volte da esemplari di ‘homo sanremensis’ che più che la compilation dei 20 singoli più venduti dell’anno/mese/settimana non ascoltano. I suddetti sono, nel migliore dei casi, troppo radicati nella ferrea logica del cuore infranto e della canzone impegnata e strappalacrime, per rendersi conto che il punto è questo: il processo creativo degli Abysmal Grief si concentra sulla ricerca dell’energia psichica e mistica della musica, sul suo volto più sfuggente ed inquietante, e solo successivamente, una volta catturata l’essenza di questo mistero, provvede a dargli forma, spesso attraverso passaggi di innegabile pregio tecnico e artistico.

Esiste un’autentica estetica del macabro, che può piacere o non piacere, ma ha oggettivamente delle prospettive languide e attraenti. Il lato visivamente suggestivo dell’eterno binomio Eros/Thanatos lo conosciamo bene proprio grazie alla cinematografia horror, che in Italia non vuol dire solo Dario Argento, ma anche Lucio Fulci, Mario e Lamberto Bava, Ivan Zuccon, Claudio Fragasso, Joe D’Amato, Antonio Margheriti: la morte non può essere il congelamento di un attimo di bellezza suprema e crudele che il tempo avrebbe altrimenti deteriorato? E quelle passioni e sentimenti così forti da farci credere di non poterli reggere, non fanno forse scattare quel mitico e terribile ‘cupio dissolvi’, che altro non è che il desiderio di annullarsi dentro un’emozione, lasciarsi uccidere dall’intensità di un attimo?
Scusate il parallelo azzardato, ma questo è quello che suscita un certo tipo di musica a chi impara ad apprezzarla. E, se non avete mai provato nulla del genere nella vostra vita, per amor del cielo, evitate di ascoltare doom. Molto semplice.

Che gli Abysmal Grief, per ottenere questa catarsi mortifera, facciano ricorso al classico apparato di melodie angoscianti, funebri pattern tastieristici, organi da pelle d’oca e ambientazioni altamente drammatiche in generale, è parte del gioco. Quello grottesco non è che uno dei mille volti della Nera Signora: non abbiamo, qui, un doom essenziale e spartano alla Pentagram o alla Candlemass, è evidente il filtro di un mondo immaginario e stregato. Eviterei di definirlo “gotico”, semplicemente perché ultimamente il termine sembra aver assunto una vaga connotazione pacchiana, grazie alle pestilenziali mode vampiresche che hanno travolto una generazione già sufficientemente compromessa dal punto di vista intellettivo.
“Necromantico” mi pare evochi meglio la potenza oscura e tangibile di questo album. Imbarcarsi in un’analisi traccia per traccia sarebbe sterile e improduttivo, e si perderebbe completamente il senso di questa meraviglia. Date retta, chiudete le imposte, spegnete le luci, mettetevi le cuffie e lasciate che la musa tenebrosa degli Abysmal Grief vi spalanchi il suo universo mesto e sensuale.
Non ve ne pentirete.

Ascolta tre brani dell’album:
Sinister Gleams, Lords of the Funerals, The Gaze Of The Owl

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche:
Iron Maiden – The book of souls
Motorhead – Ace of Spades
Diamanda Galas – The Litanies of Satan

… e leggi anche:
Cristian Campos – Metal & hardcore
Enzo Rizzi – Storia del metal a fumetti
Della Cioppa & Bertoncelli – Heavy metal. I contemporanei

…e guarda anche:
John Carpenter – La Cosa
Dario Argento – Profondo Rosso
Lucio Fulci – Un gatto nel cervello

Leggi tutto ►

Francis Lawrence

Constantine

Usa, 2005
avatar

Postato da
il

Hanno sempre avuto un pessimo senso dell’umorismo lassù…
Fanno batute che ti uccidono…

I demoni stanno all’Inferno, e gli angeli in Cielo.
È la politica di distensione tra le due superpotenze.

- Credo che Dio abbia un piano per tutti noi.
- Dio ci guarda come delle formiche. Non ha piani, credimi.

Al confronto di Costantine, Dante all’Inferno ha fatto un viaggio di piacere.
“Constantine, John Constantine” sa esattamente cosa c’è laggiù e soprattutto cosa ti fanno, avendolo provato di persona: fin da bambino è dotato di un potere che gli permette di vedere angeli e demoni che si aggirano sulla terra. Questo l’ha portato al suicidio ma, caso più unico che raro, è tornato sulla terra e cerca di guadagnarsi un biglietto per il Paradiso, stando attendo a non sgarrare.
A modo suo sia chiaro: non è particolarmente credente (o meglio è cristiano perché il gioco lo impone), se ne infischia del parere di tutti e da retta solo alle sue sigarette.
Solo indagando sulla morte della sorella gemella dell’investigatrice Angela Dodson riuscirà ad uscire dalla sua monotona caccia ai cattivoni e riscattare la sua derelitta anima.
Il canovaccio che sostiene la storia è un classico, sicuramente non nuovo, ma sempre stuzzicante: i vecchi cari soci Dio e Lucifero devono spartirsi l’azienda, il mondo, e le azioni sono le anime del genere umano. Si tratta della trasposizione cinematografica di Hellblazer, fumetto tra i migliori del genere horror-religioso, punta di diamante della DC Comics.
Così si spiegano le scene del film: dal taglio delle inquadrature fortemente fumettistico ai dialoghi rapidi mai scontati passando per effetti speciali che mantengono l’atmosfera cupa quanto basta.
In sintesi: è un noir-fantasy-poliziesco-horror che vi farà esclamare “WOW!”.

Ti è piaciuta questo film? Allora guarda anche…
Constantine – Serie TV
Guillermo Del Toro – Hellboy
Michael J. Bassett – Solomon Kane
Mark Steven Johnson – Ghost Rider

… e leggi anche
Hellblazer
Priest Hyung Min-Woo
Dylan Dog
Rosa Giorgi – Angeli e Demoni

…e ascolta anche
A Perfect Circle – Passive
Alice Cooper – Trash
Diamanda Galas – The Litanies of Satan

la-locandina-di-constantine-9296

Regia : Francis Lawrence
Sceneggiatura : Jamie DelanoKevin BrodbinFrank A. Cappello
Fotografia : Philippe Rousselot
Musica : Klaus BadeltBrian Tyler
Durata: 121′

Interpreti e personaggi principali:
Keanu Reeves : John Constantine
Rachel Weisz: Angela Dodson / Isabel Dodson
Shia LaBeouf: Chas Kramer
Djimon Hounsou: Papa Midnite
Max Baker: Beeman
Gavin Rossdale: Balthazar
Tilda Swinton: Arcangelo Gabriele
Peter Stormare: Lucifero

Leggi tutto ►

Daniel Myrick - Eduardo Sanchez

The Blair Witch Project

USA, 1999
avatar

Postato da
il

Ho paura di chiudere gli occhi… e ho paura di riaprirli

Ci viene detto che le vicende narrate sono vere e non c’è stata ancora una conclusione.
Ne prendiamo atto senza giudicare.

1994, fine anno.
Tre ragazzi appassionati e studenti di cinema si avventurano nei boschi attorno alla città di Burkittsville: sono entusiasti perché gireranno un documentario sulla leggendaria strega di Blair (Elly Kedward), che in quei boschi abita fin dal 1700 e su cui circolano molti aneddoti.
E…ed è vero: il bosco è animato da un’angosciante e terrificante presenza.
Dei ragazzi non si è più saputo nulla fino ad oggi e le indagini e le ricerche sono tuttora in corso: tutto il girato, i filmati che i ragazzi hanno prodotto sono stati ritrovati e sono stati montati seguendo l’ordine di ritrovamento.
Le scene sono buio assoluto, lo stato emotivo dei protagonisti è prima eccitato, poi confuso, poi ansiogeno ed infine terrorizzato. Si rendono conto che hanno trovato qualcosa.

O qualcosa ha trovato loro.

Sensazioni di smarrimento, di consapevolezza della “presenza” invisibile ma palpabilissima di un’imminente catarsi, accentuate da un soffocamento mentale prima e poi da uno spezzarsi di equilibri esistenziali che sfociano in terrore puro.
Molti, forse, avrebbero preferito che la storia restasse sconosciuta e confinata negli uffici dello sceriffo, arrivando perfino ad odiare il documentario.
Ma se lo si odia, lo si fa con rispetto.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
John Carpenter – La Cosa
Chan-wook Park – Stoker

… e leggi anche …
Rob Zombie – Le streghe di Salem
Madame Jppo – Il grimorio
Nathaniel Hawthorne – La lettera scarlatta
Lisa Jane Smith – I diari delle streghe

… e ascolta anche …
The Creatures – Don’t Go to Sleep Without Me
Diamanda Galas – The Litanies of Satan
Meat Beat Manifesto – She’s Unreal

blair

Regia : Daniel MyrickEduardo Sánchez
Soggetto : Daniel Myrick
Fotografia : Neal Fredericks
Musica : Tony Cora
Durata: 87’

Interpreti e personaggi principali:
Heather Donahue : Heather Donahue
Joshua Leonard : Joshua ‘Josh’ Leonard
Michael C. Williams : Michael ‘Mike’ Williams
Bob Griffith : un pescatore
Jim King : un intervistato

Leggi tutto ►

Guillermo Del Toro

Hellboy

USA, 2004
avatar

Postato da
il

In assenza di luce, l’oscurità prevale

Le persone ci piacciono per le loro qualità, ma le amiamo per i loro difetti

Sarcastico, testardo, scontroso, sprezzante. Per di più ha le corna (tagliate), la coda, fuma cubani e si ingozza di junkfood. Ecco il ritratto dell’eroe più antieroe che esista: Hellboy.
E nonostante questo è diventato una perfetta e incredibile forza del bene, in lotta contro le entità malvagie che minacciano gli umani. Aiutato dall’amico Abe, pesce-sapiens, e da Liz, bella ragazza pirocinetica, si batte contro Rasputin … QUEL Rasputin e contro il suo passato che a volte ritorna.
Guillermo Del Toro trasporta l’atmosfera del magnifico fumetto di Mike Mignola in un film intriso di un fascino tecno-paranormale, sorprendente e dall’ambientazione claustrofobicamente dark, una storia dal fascino impossibile da trovare in qualunque altra pellicola.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche:
Hellboy. The Golden Army di Guillermo Del Toro
Solomon Kane di Michael J. Bassett

… e ascolta anche …
So Cold dei Breaking Benjamin
Mein Herz Brennt dei Rammstein
The Litanies of Satan di Diamanda Galas

… e leggi anche …
Hellboy vol. 1: il Seme della Distruzione di Mike Mignola

Hellboy

 

Regia: Guillermo Del Toro
Sceneggiatura: Guillermo Del Toro
Musiche: Marco Beltrami
Fotografia: Guillermo Navarro
Durata: 122′

 

 

Interpreti e personaggi principali:
Ron Perlman : Hellboy
John Hurt : Il professor Bruttenholm
Selma Blair : Liz Sherman
Rupert Evans : John Myers
Brian Steele : Sammael
Karel Roden : Grigori Rasputin

 

Leggi tutto ►

Diamanda Galas

The Litanies of Satan

Mute Records, 1982
avatar

Postato da
il

Dai sussurri più stilettati alle terrifiche grida gutturali, The Litanies of Satan capta e attira verso di sé. Diamanda Galas esordisce con un album visceralmente eccitante, dove l’estrema sofferenza del canto è controbilanciata dalla glaciale indifferenza alle percezioni sonore. Composto solo da due lunghi brani, prende spunto dall’omonima poesia di Charles Baudelaire e ne coglie appieno il senso di drammatico smarrimento: la voce viene modulata senza mezze misure, con un’estensione vocale di quattro ottave che permette di dare vita ad un intricato connubio di suoni/invettive. Vengono offerti effetti sonori spiazzanti, ottenuti sovrapponendo diverse stringhe di canto in un contesto asincrono: nulla è lasciato al caso (analogamente a quanto faceva Demetrio Stratos). Il risultato è una straordinaria combinazione di vocals, di elettronica e di creatività portata all’estremo, che fa di quest’album una delle opere di sperimentazione meglio riuscite degli anni ’80, rivoluzionando il concetto stesso di “canto”, dove la voce viene usata alla stregua di un sintetizzatore.

 

Una stella brillantemente oscura, da ascoltare in una stanza buia, soli eppur in compagnia dei nostri dannati pulviscoli d’anima.

 

Ascolta i brani tratti dall’album
The Litanies of Satan
Wild Women with Steak-Knives (The Homicidal Love Song for Solo Scream)

 

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Bauhaus – Bela Lugosi’s Dead
Joy Division – New Dawn Fades
Demetrio Stratos - 01 Investigazioni (diplofonie e triplofonie)
Ju Suk Reet Meate – Side A

Leggi tutto ►