Archivio tag: diavolo

Corin Hardy

The Nun

2018, Warner Bros
avatar

Postato da
il

“Che significa?”
“Qui finisce Dio”

The Nun, il film diretto da Corin Hardy, è ambientato in un’abbazia della Romania.
Quando una giovane suora di clausura si toglie la vita, un prete con un passato burrascoso e una novizia sul procinto di prendere i voti, vengono inviati dal Vaticano per fare luce sull’evento.
Insieme ad un ragazzo del luogo detto il Francesce, scopriranno il diabolico segreto dell’ordine si e troveranno al cospetto del demone già protagonista della saga The Conjuring – Il caso Enfield, mentre l’abbazia diventerà un terrificante campo di battaglia tra i vivi e i dannati.

Anche se The Nun non è particolarmente orrorifico, vanta una bella fotografia e immagini raccapriccianti al punto giusto, spalla a spalla con la splendida estetica horror anni ’70 di The Conjuring. Hardy fa un ottimo lavoro ambientando il film nella Romania degli anni ‘50 per creare un’atmosfera decisamente “creepy” e inquietante. Lo spin off The Nun si inserisce e chiarisce alcuni aspetti della saga de L’evocaizone (The Conjuring) e conferisce un nuovo livello narrativo; apprendiamo, infatti, chi ha aperto il varco per il demone Valak sino al suo epilogo che ha coinvolto il Vaticano e i suoi studiosi di paranormale. Uno degli elementi che ha contribuito a rendere tanto amato il franchise di The Conjuring è stato, appunto, il fatto di essere tratto da una storia, o meglio da un caso, apparentemente vero. Con questo si intende che sia la possessione della famiglia Perronsia quella dalla famiglia Hodgson sono effettivamente documentate, nel senso che ci sono sia video che registrazioni dell’intervento dei coniugi Ed e Lorraine Warren.

Spettacolari le musiche di Abel Korzeniowski

Se ti è piaciuto guarda anche:

Andres Muschietti, IT 

Alex Garland, Annientamento

Matt e Ross Duffer, Stranger Things 1 e 2 

imm-1

Regia: Corin Hardy
Sceneggiatura: James Wan
Musica: Abel Korzeniowski
Cast: Demián Bichir, Taissa Farmiga, Bonnie Aarons, Charlotte Hope, Jonas Bloquet

Leggi tutto ►

Francis Lawrence

Constantine

Usa, 2005
avatar

Postato da
il

Hanno sempre avuto un pessimo senso dell’umorismo lassù…
Fanno batute che ti uccidono…

I demoni stanno all’Inferno, e gli angeli in Cielo.
È la politica di distensione tra le due superpotenze.

- Credo che Dio abbia un piano per tutti noi.
- Dio ci guarda come delle formiche. Non ha piani, credimi.

Al confronto di Costantine, Dante all’Inferno ha fatto un viaggio di piacere.
“Constantine, John Constantine” sa esattamente cosa c’è laggiù e soprattutto cosa ti fanno, avendolo provato di persona: fin da bambino è dotato di un potere che gli permette di vedere angeli e demoni che si aggirano sulla terra. Questo l’ha portato al suicidio ma, caso più unico che raro, è tornato sulla terra e cerca di guadagnarsi un biglietto per il Paradiso, stando attendo a non sgarrare.
A modo suo sia chiaro: non è particolarmente credente (o meglio è cristiano perché il gioco lo impone), se ne infischia del parere di tutti e da retta solo alle sue sigarette.
Solo indagando sulla morte della sorella gemella dell’investigatrice Angela Dodson riuscirà ad uscire dalla sua monotona caccia ai cattivoni e riscattare la sua derelitta anima.
Il canovaccio che sostiene la storia è un classico, sicuramente non nuovo, ma sempre stuzzicante: i vecchi cari soci Dio e Lucifero devono spartirsi l’azienda, il mondo, e le azioni sono le anime del genere umano. Si tratta della trasposizione cinematografica di Hellblazer, fumetto tra i migliori del genere horror-religioso, punta di diamante della DC Comics.
Così si spiegano le scene del film: dal taglio delle inquadrature fortemente fumettistico ai dialoghi rapidi mai scontati passando per effetti speciali che mantengono l’atmosfera cupa quanto basta.
In sintesi: è un noir-fantasy-poliziesco-horror che vi farà esclamare “WOW!”.

Ti è piaciuta questo film? Allora guarda anche…
Constantine – Serie TV
Guillermo Del Toro – Hellboy
Michael J. Bassett – Solomon Kane
Mark Steven Johnson – Ghost Rider

… e leggi anche
Hellblazer
Priest Hyung Min-Woo
Dylan Dog
Rosa Giorgi – Angeli e Demoni

…e ascolta anche
A Perfect Circle – Passive
Alice Cooper – Trash
Diamanda Galas – The Litanies of Satan

la-locandina-di-constantine-9296

Regia : Francis Lawrence
Sceneggiatura : Jamie DelanoKevin BrodbinFrank A. Cappello
Fotografia : Philippe Rousselot
Musica : Klaus BadeltBrian Tyler
Durata: 121′

Interpreti e personaggi principali:
Keanu Reeves : John Constantine
Rachel Weisz: Angela Dodson / Isabel Dodson
Shia LaBeouf: Chas Kramer
Djimon Hounsou: Papa Midnite
Max Baker: Beeman
Gavin Rossdale: Balthazar
Tilda Swinton: Arcangelo Gabriele
Peter Stormare: Lucifero

Leggi tutto ►

Guillermo Del Toro

Hellboy

USA, 2004
avatar

Postato da
il

In assenza di luce, l’oscurità prevale

Le persone ci piacciono per le loro qualità, ma le amiamo per i loro difetti

Sarcastico, testardo, scontroso, sprezzante. Per di più ha le corna (tagliate), la coda, fuma cubani e si ingozza di junkfood. Ecco il ritratto dell’eroe più antieroe che esista: Hellboy.
E nonostante questo è diventato una perfetta e incredibile forza del bene, in lotta contro le entità malvagie che minacciano gli umani. Aiutato dall’amico Abe, pesce-sapiens, e da Liz, bella ragazza pirocinetica, si batte contro Rasputin … QUEL Rasputin e contro il suo passato che a volte ritorna.
Guillermo Del Toro trasporta l’atmosfera del magnifico fumetto di Mike Mignola in un film intriso di un fascino tecno-paranormale, sorprendente e dall’ambientazione claustrofobicamente dark, una storia dal fascino impossibile da trovare in qualunque altra pellicola.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche:
Hellboy. The Golden Army di Guillermo Del Toro
Solomon Kane di Michael J. Bassett

… e ascolta anche …
So Cold dei Breaking Benjamin
Mein Herz Brennt dei Rammstein
The Litanies of Satan di Diamanda Galas

… e leggi anche …
Hellboy vol. 1: il Seme della Distruzione di Mike Mignola

Hellboy

 

Regia: Guillermo Del Toro
Sceneggiatura: Guillermo Del Toro
Musiche: Marco Beltrami
Fotografia: Guillermo Navarro
Durata: 122′

 

 

Interpreti e personaggi principali:
Ron Perlman : Hellboy
John Hurt : Il professor Bruttenholm
Selma Blair : Liz Sherman
Rupert Evans : John Myers
Brian Steele : Sammael
Karel Roden : Grigori Rasputin

 

Leggi tutto ►

Diamanda Galas

The Litanies of Satan

Mute Records, 1982
avatar

Postato da
il

Dai sussurri più stilettati alle terrifiche grida gutturali, The Litanies of Satan capta e attira verso di sé. Diamanda Galas esordisce con un album visceralmente eccitante, dove l’estrema sofferenza del canto è controbilanciata dalla glaciale indifferenza alle percezioni sonore. Composto solo da due lunghi brani, prende spunto dall’omonima poesia di Charles Baudelaire e ne coglie appieno il senso di drammatico smarrimento: la voce viene modulata senza mezze misure, con un’estensione vocale di quattro ottave che permette di dare vita ad un intricato connubio di suoni/invettive. Vengono offerti effetti sonori spiazzanti, ottenuti sovrapponendo diverse stringhe di canto in un contesto asincrono: nulla è lasciato al caso (analogamente a quanto faceva Demetrio Stratos). Il risultato è una straordinaria combinazione di vocals, di elettronica e di creatività portata all’estremo, che fa di quest’album una delle opere di sperimentazione meglio riuscite degli anni ’80, rivoluzionando il concetto stesso di “canto”, dove la voce viene usata alla stregua di un sintetizzatore.

 

Una stella brillantemente oscura, da ascoltare in una stanza buia, soli eppur in compagnia dei nostri dannati pulviscoli d’anima.

 

Ascolta i brani tratti dall’album
The Litanies of Satan
Wild Women with Steak-Knives (The Homicidal Love Song for Solo Scream)

 

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Bauhaus – Bela Lugosi’s Dead
Joy Division – New Dawn Fades
Demetrio Stratos - 01 Investigazioni (diplofonie e triplofonie)
Ju Suk Reet Meate – Side A

Leggi tutto ►

Paulo Coelho

Il Diavolo e la signorina Prym

Bompiani, 2000, 170 pp.
avatar

Postato da
il

Sono sempre stato un uomo capace di agire, di lottare contro le numerose avversità che mi sono trovato davanti, di perdere alcune battaglie e di vincerne altre, arrivando a capire che vittorie e sconfitte fanno parte della vita di tutti – tranne che di quella dei codardi, come dici tu, giacché questi non perdono né vincono mai.

 
Un’altra affascinante quanto surreale storia dello scrittore sudamericano, dove il Bene e il Male si incontrano, si sfidano, la fanno a botte fino a lasciare quel velo di incertezza su chi sia il reale vincitore. Lo straniero? La signorina Prym? Gli abitanti di Viscos, sperduto paesino adagiato nella sua monotonia? Da che parte sta il Diavolo? Un’interessante riflessione sulla possibilità e la paura di scegliere, in ogni momento, la strada da percorrere.
 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche La locanda dei sogni ritrovati – Julia Stagg
 
…ascolta anche L’eccezione – Carmen Consoli
 
…e guarda anche Chocolat – Lasse Hallstrom

Leggi tutto ►