Archivio tag: emarginazione

Stephen Chbosky

Wonder

01 Distribution, USA, 2017
avatar

Postato da
il

Se non ti piace quello che vedi, cambia il tuo modo di guardare.

 

Wonder (2017), tratto dall’omonimo romanzo di R. J. Palacio è il film del regista Stephen Chbosky (regista anche di Noi siamo infinito).

Narra le vicende di August (Jacob Tremblay), un ragazzino di 10 anni, nato con una rarissima sindrome che rende il suo volto completamente deforme e sfigurato. Nella sua giovanissima vita ha già dovuto subire 27 interventi chirurgici per cercare di mitigare questa sua deformità; soprattutto per riuscire a recuperare vista e udito altrimenti impossibili. Ha due genitori sensibili e attenti: Isabel (Julia Roberts) e Nate (Owen Wilson) che non si sono mai scoraggiati e hanno dato ad Auggie (come viene chiamato August) affetto, disciplina e cultura. August ha sempre studiato a casa e quando esce fuori dalle mura di casa indossa un casco da astronauta per evitare di ricevere gli sguardi dei curiosi, fino a quando i genitori decidono di mandarlo a scuola per potergli far vivere un’infanzia come gli altri bambini nonostante la sua apparente differenza. August nella nuova scuola si  trova faccia a faccia con un preside intelligente e sensibile, ma come prevedibile, una volta tolto il suo casco da astronauta si scontrerà di petto con la superficialità e immaturità di alcuni compagni di classe proprio a causa delle sue deformità, e tra episodi di bullismo vari si troverà anche a fare i conti anche con il dolore per essere stato tradito da qualcuno che si finge un amico.

Wonder non è solo un film dove i bulli prendono di mira l’elemento fragile. August è un ragazzino simpatico e intelligente che con la sua gentilezza e bontà conquisterà l’amicizia dei compagni e la stima e il rispetto di tutta la scuola, rendendo i suoi genitori molto orgogliosi.
I genitori sono due persone straordinarie, che hanno educato un  figlio ancora più straordinario, dove nessuno si lascia sopraffare da questa enorme tragedia ma uniti si cerca di non crollare sotto il peso degli eventi ma di reagire, sempre con energie positive.

Ottima prova di recitazione per Julia Roberts, Owen Wilson e Jacob Tremblay nonostante il pesante trucco sul volto.
La pellicola è ambientata in una New York con una fotografia splendida che mette in risalto i colori primaverili e autunnali ed è accompagnato da una musica di qualità.
Wonder è un manifesto contro la paura del diverso e ci spinge a cambiare modo di guardare gli altri e a non avere pregiudizi, anche se rimane una delle cose più difficili da fare guardare con gli occhi del cuore.

 

 

Ti è piaciuto questo film? Allora vedi anche
Noi siamo infinito - Jacob Tremblay

e leggi anche
Elogio alla bruttezza – Loredana Frescura
Wonder – R. J. Palacio
Il libro di Julian. A wonder story – R. J. Palacio
Il libro di Charlotte. A wonder story – R. J. Palacio

wonder

Durata: 113′
Regia: Stephen Chbosky

Cast:
Jacob Tremblay
Owen Wilson
Julia Roberts
Daveed Diggs

Leggi tutto ►

Spike Lee

BlackKklansman

Usa, 2018
avatar

Postato da
il

Non c’è mai stato un poliziotto nero qui. Tu potresti essere l’uomo che crea un’apertura in questa città.

Spike Lee aggiunge un’altra tacca alla sua incredibile filmografia. BlackKklansman è un gran bel film, un ottimo film! Tratto dal libro Black Klansman il cast comprende John David Washington, Adam Driver e Topher Grace. La trama tratta del detective nero Ron Stallworth di Colorado Springs che si infiltra nel Ku Klux Klan sperando di scovare qualche buona ragione per metterli nei guai contro la legge. Ovviamente, essendo nero, verrà affiancato dal detective ebreo Flip Zimmerman che metterà la faccia in questa operazione, mentre Ron terrà i contatti con il Ku Klux Klan solo dal telefono.

Un film drammatico e poliziesco, dove non mancano però scene divertenti in pieno stile black humor alla “Tarantino”. La regia di Spike Lee trova continuamente delle inquadrature geniali per aumentare la suspense, gli attori recitano davvero bene e il montaggio accentua ogni cosa in modo egregio.
Un ottimo film che vi farà ridere, emozionare, arrabbiare, vi manterrà sulle spine e, grazie alla riflessione finale sui tempi che corrono in America, pensare.

La visione è consigliata ai soli adulti

blackkklansman_poster_2

Cast:
John David Washington: detective Ron Stallworth
Adam Driver: detective Flip Zimmerman
Laura Harrier: Patrice Dumas
Topher Grace: David Duke
Jasper Pääkkönen: Felix Kendrickson

Se ti è piaciuto guarda anche: Pulp Fiction – Quentin Tarantino
ascolta anche: This is America – Childish Gambino

Leggi tutto ►

Debra Granik

Un gelido inverno

USA, 2010
avatar

Postato da
il

“Sarei persa senza il peso di voi due sulle spalle”.

Nell’altopiano di Ozark, zona montuosa e isolata nello stato del Missouri, la diciassettenne Ree Dolly si prende cura dei due fratelli più piccoli e della madre malata. Il padre, che sbarca il lunario producendo e spacciando metanfetamine, impegna la casa per pagare la cauzione che gli permetterà di uscire di prigione, ma all’improvviso sparisce. Lo sceriffo del paese avverte Ree che, se l’uomo non si presenterà in tribunale, la casa verrà confiscata e la famiglia finirà in mezzo alla strada. Ree inizia una ricerca affannosa, pesantemente ostacolata dai membri della sua numerosa parentela, molti dei quali delinquenti che hanno parecchio da nascondere e che con le minacce tentano di dissuadere la ragazza dall’impresa. Ma Ree è determinata a proteggere i fratellini e la madre e affronterà la prova continuando a cercare il padre attraverso un paesaggio aspro come il carattere della gente che vive in quei luoghi.
Boschi spettrali, case fatiscenti, facce abbrutite dalla fatica e dall’ignoranza: è la provincia americana profonda, ben lontana dall’immagine patinata degli Stati Uniti cui siamo abituati. Splendide le figure femminili del film, donne apparentemente sottomesse ai propri uomini, ma in realtà forti come l’acciaio. Per Jennifer Lawrence una prova superba.

Ti è piaciuto? Allora leggi
Daniel Woodrell, Un gelido inverno

E guarda
Courtney Hunt – Frozen River
Lee Daniels – Precious

48093

Titolo originale Winter’s Bone
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2010
Durata 100 min
Genere drammatico
Regia Debra Granik
Soggetto Daniel Woodrell
Sceneggiatura Debra Granik, Anne Rosellini
Fotografia Michael McDonough
Montaggio Affonso Gonçalves
Musiche Dickon Hinchliffe
Scenografia Mark White
Cast:Jennifer Lawrence, John Hawkes, Kevin Breznahan, Dale Dickey, Lauren Sweetser,Tate Taylor, Garret Dillahunt, Sheryl Lee, Shelley Waggener,William White, Ron ‘Stray Dog’ Hall, Ashlee Thompson, Cody Shiloh Brown, Isaiah Stone, Casey MacLaren, Ray Vaughan Jr., A. Schalk

Leggi tutto ►

Delphine de Vigan

Gli effetti secondari dei sogni

Mondadori 2008, 239 p.
avatar

Postato da
il

Allora ho capito che, fra le tante domande che mi pongo, quella sul senso di rotazione della lingua non è la più importante.

A tredici anni Lou Bertignac frequenta una seconda liceo perché ha un’intelligenza nettamente superiore alla media. La sua mente in perenne, febbrile attività registra ed elabora i dati del mondo esterno e si pone domande inconsuete. Ma Lou è una disadattata: isolata dai compagni che la chiamano “il genio”, consapevole della propria goffaggine nella vita quotidiana, vive con un padre e una madre che la amano ma che devono fare i conti con una tragedia che ha sconvolto la famiglia.
La ragazzina spesso si ferma alla stazione di Austerlitz per osservare la gente: qui conosce una senzatetto, No, diciottenne profondamente segnata da una vita randagia e priva di affetto. Con la scusa di intervistarla per una ricerca di scienze sociali, Lou la rivede spesso, mentre prende consapevolezza della quantità di emarginati che vivono nelle pieghe di Parigi.
Tra le due ragazze si instaura un rapporto sempre più forte, che le cambierà entrambe.
Attraverso le nuove esperienze Lou cresce e capisce che, se non possiamo governare il mondo, forse, fra le tante domande che ci poniamo, possiamo anche lasciare un po’ di spazio alla vita.

Ti è piaciuto?
Allora leggi anche
Il cappotto, in Canto della neve silenziosa – Hubert Selby Junior
E guarda
Gli amanti del Pont-Neuf – Leos Carax

Leggi tutto ►