Archivio tag: fantasmi

Pam Smy

Thornhill

Uovonero, 2017, 533 p.
avatar

Postato da
il

Sapevo che era troppo bello per durare. Lei è tornata. L’ho capito senza nemmeno vederla. Ho sentito la sua risata risuonare per le scale, il solito bussare a tutte le porte del corridoio mentre tornava alla sua vecchia stanza. Sentire questi suoni mi ha paralizzato. La paura mi ha dato un brivido nel collo e nella schiena, come se quell’antica sensazione mi fosse penetrata nelle ossa.
Non ci credo.
E adesso cosa faccio?

All’inizio degli anni ’80, Thornhill è una casa famiglia.
Qui vive Mary, una ragazza solitaria che ha scelto il silenzio per mascherare il mondo di soprusi e ingiustizia nel quale l’ha trascinata un’altra delle abitanti della struttura.
Mary ha il dono di costruire bellissime bambole ma non riesce ad integrarsi e ad interagire con le altre persone.

Ella si è appena trasferita con il padre in una nuova casa che si affaccia proprio su Thornhill.
Siamo nel 2017 e l’orfanotrofio è ormai chiuso d decenni.
Guardando nel giardino della vecchia casa, però, Ella vede una ragazza che sembra invitarla a raggiungerla.

Seguendo lo stratagemma narrativo usato da Brian Selnick nei suoi romanzi, Pam Smy ci trascina in una vera e propria discesa agli inferi di due ragazze che, ciascuna a modo suo, devono affrontare la solitudine.
La storia di Ella è narrata attraverso i bellissimi disegni in bianco e nero realizzati dall’autrice. Mary, invece, parla di sé in un diario, compensando, attraverso lo scritto, la propria impossibilità di comunicare con la parola.

Qui puoi vedere il booktrailer di Thornhill.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
La casa dei cani fantasma- Allan Stratton
Anya e il suo fantasma- Vera Brosgol
Rosso il sangue- Salla Simukka
Giro di vite- Henry James
Il tesoro dei Marvel- Brian Selznick

…e guarda anche…
It- Andrés Muschietti
Stoker- Chan-Wook Park
The Others- Alejandro Amenábar

Leggi tutto ►

Wu Ming

Il Piccolo regno, una storia d’estate

2016, Bompiani, 231 p.
avatar

Postato da
il

Quello che ci spaventa da bambini, ci spaventa per sempre.

Il Piccolo Regno è un romanzo di formazione ambientato nell’Inghilterra del 1930 che fa del suo stretto rapporto con la natura e il mistero il suo tratto caratteristico.
La voce narrante è quella del protagonista che ormai diventato adulto ricorda le interminabili estati passate coi cuginetti Julius,  Ariadne e Fedro nella casa di famiglia destinata alle vacanze. Gli adulti,ovvero la gente alta, sono una presenza costante nelle giornate dei bambini, altrimenti detti gente bassa, ma i protagonisti delle avventure sono solo loro,i quattro cuginetti.
Spalla in alcune delle loro avventure è Ned, eroe di guerra, ma capace di parlare alla Gente Bassa pur essendo un adulto.
Quando viene scoperta l’antica tomba di un guerriero i ragazzi seguono la loro curiosità, calano il protagonista nel tumulo e prende un bracciale per ricordo. Da questo momento però i ragazzi saranno perseguitati da uno spettro, che chiede una vita in cambio di ciò che gli è stato sottratto.
I bambini potranno liberarsi dell’inquietante presenza malefica solo rinunciando alla spensieratezza della loro infanzia.

Ti è piaciuto questo libro?
Allora leggi anche:
Holly Black, Doll bones
Garth Stein, Una luce improvvisa
Vera Brosgol, Anya e il suo fantasma
Allan Stratton, La casa dei cani fantasma

E guarda anche:
Alejandro Amenàbar, The others

E ascolta anche:
Madonna, Ghosttown
Evanescence, My immortal

 

 

Leggi tutto ►

Allan Stratton

La casa dei cani fantasma

2015, Mondadori, 252 p.
avatar

Postato da
il

Per tutta la notte mi tormento al pensiero che la mamma mi creda pazzo. E che creda pazzo anche papà.
Ha ragione lei?
Siamo matti tutti e due?

Come si può sapere qualcosa di qualcuno?
Come si può sapere qualcosa anche semplicemente di se stessi?

Cameron ha passato tutta la vita vagando da una città all’altra per sfuggire al padre violento, che ha quasi ucciso sua madre.

All’arrivo nell’ennesima anonima cittadina di campagna, a minacciarli non sarà l’ormai abituale sensazione di essere inseguiti, ma il mistero che avvolge la fattoria in cui si trasferiscono.

Nel passato della casa, si nasconde un oscuro segreto, legato alla morte del precedente proprietario e alla scomparsa di suo figlio e sua moglie.
Tutti pensano che i due siano scappati con l’amante di lei. Ma come si spiega la presenza di Jacky, il fantasma che appare a Cameron e che dice di essere il ragazzo sparito tempo prima?

La casa dei cani fantasma è un romanzo che mischia horror, thriller e giallo in un racconto appassionante e mai scontato.
La verità su quello che sta accadendo a Cameron e su quello che è accaduto decenni prima a Jacky diviene sempre più sfuggente e impalpabile man mano che Allan Stratton ci accompagna nel racconto. Tanto che la chiave per capire cosa sia successo nel passato di entrambi i ragazzi sembra proprio legata alla scoperta di ciò che è reale e di ciò che è creato dalla mente dei protagonisti.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Abbiamo sempre vissuto nel castello- Shirley Jackson
Un gioco da bambini- J.G. Ballard
Bunker diary- Kevin Brooks
Un elefante nella stanza- Susan Kreller

…e guarda anche
The Others- Alejandro Amenàbar

Leggi tutto ►

Garth Stein

Una luce improvvisa

Piemme, 2015, 433 pagine
avatar

Postato da
il

Con un libro -a patto che sia un bel libro, chiaro – puoi sempre contare su un finale che risponda ai requisiti del genere teatrale. Ogni domanda otterrà una risposta. Perché così deve essere. E la risposta non sarà necessariamente lieta: non è assicurato che si tratti di una commedia. Capitano anche le tragedie. Però una conclusione ci sarà sempre. Di questo si può star certi. È questo il vero scopo di un libro.
Nella vita reale, invece, non c’è garanzia che ogni domanda abbia una risposta. La vita reale è complessa perché non sappiamo prevederne il corso.

Il matrimonio dei genitori di Trevor vacilla, suo padre Jones sta attraversando una crisi esistenziale e decide di tornare nella sua famiglia di origine per cercare un contatto ultra terreno con la propria madre Isobel e pensa che portare il figlio con sé possa essere un buon modo di superare il difficile momento. Inoltre il giovane Trevor avrà finalmente l’occasione di conoscere la sua avvenente zia Serena e il vecchio nonno Samuel, che vivono nella storica villa di famiglia, Riddel House, un’imponente e decadente casa in legno piena di passaggi segreti e misteri. Trevor si lascia coinvolgere nelle vicende di famiglia, guidato dal fantasma del prozio Ben, che vorrebbe rimediare agli errori del capostipite Elijah Riddel, che ha fondato la sua ricchezza sfruttando senza scrupoli la natura.

La bellezza in questo romanzo è nelle assenze e nelle mancanze, che hanno un peso determinante per l’intera storia. A Riddel House nulla è come sembra, ciò che a prima vista appare reale non è detto che lo sia, ciò che si immagina incorporeo è più che mai materiale e ciò che la ragione ci dice essere impossibile potrebbe essere la realtà. Ed anche il fantasma di Ben non si limita solo ad essere un personaggio chiave nell’intera storia, ma è la voce della natura deturpata, dell’amore che supera il tempo, della coscienza di un’intera famiglia distrutta dal dolore.

Se ti è piaciuto questo libro leggi anche:
Holly Black, Doll bones
Garth Stein, L’arte di correre sotto la pioggia
Sharon Cameron, La fabbrica delle meraviglie

e guarda anche:
Jerry Zucker, Ghost

e ascolta anche:
Baustelle, Fantasma
Madonna, Ghosttown

Leggi tutto ►

Sleepy Hollow

avatar

Postato da
il

Sleepy Hollow  è una piccola cittadina nella Contea di Westchester nello Stato di New York. Questo piccolo villaggio è diventato famoso grazie allo scrittore americano Washington Irving, autore del racconto La leggenda di Sleepy Hollow, conosciuto anche come La leggenda della valle addormentata e La leggenda della valle del sonno, contenuto nell’antologia Il libro degli schizzi di Geoffrey Crayon, Gent. Protagonista è il misterioso fantasma del Cavaliere Senza Testa che, di notte, vaga per Sleepy Hollow alla ricerca di una testa adatta.

Il villaggio di Sleepy Hollow ha preso forma intorno alla metà del ’600 come colonia olandese, e ha da subito assunto un aspetto magico e misterioso. Molti  sostengono che alle origine fosse un villaggio di streghe; per questo e per il celeberrimo racconto di Irving, si respira ancora oggi un’atmosfera magica e a tratti inquietante. Passeggiando per le vie del villaggio ci si sente circondati da un alone di mistero, quasi come se da un momento all’altro dovesse comparire il fantasma del Cavaliere.

Molti sono i luoghi e gli edifici storici da visitare: La Philipsburg Manor House e  la Old Dutch Church; nel cimitero cittadino sono sepolti Washington Irving, Andrew Carnegie, Walter P. Chrysler, Brooke Astor, Elizabeth Arden, Thomas J. Watson of IBM, Samuel Gompers e molti altri.

Nel corso degli ultimi anni sono stati organizzati diversi tour, potrete trovare tutte le informazioni nel sito visit Sleepy Hollow.

Molti sono i film ispirati a La leggenda di Sleepy Hollow, oltre ad una famosa serie TV. Vi segnaliamo i link da dove potrete ordinare la vostra copia, per poi ritirarla nella vostra biblioteca preferita:

- Il mistero di Sleepy Hollow e altri racconti ( libro )

- La leggenda di Sleepy Hollow ( film d’animazione )

- Il mistero di Sleepy Hollow ( film )

Leggi tutto ►

Amanda Stevens

The Restorer. La signora dei cimiteri

Harlequin Mondadori, 2012, 376 pp.
avatar

Postato da
il

Ogni cimitero ha la sua storia, ogni storia i suoi segreti.

Amelia Gray di professione restaura cimiteri: passa la maggior parte del suo tempo fra tombe fatiscenti che ama rimettere a nuovo. Ma la restauratrice ha una particolarità: riesce a vedere i morti. E loro non devono capirlo, altrimenti le si attaccheranno per rubarle ogni energia vitale.
Mentre Amelia sta restaurando il cimitero di Oak Grove, nella città di Charleston, la polizia scopre il cadavere di una persona uccisa recentemente e sepolta fra le vecchie tombe. Amelia è invitata a collaborare alle indagini. Conoscerà il detective John Devlin, uomo affascinante e tormentato, costantemente accompagnato dai fantasmi di una donna e di una bambina bellissime…
Primo episodio di una trilogia, La signora dei cimiteri ci guida nelle atmosfere gotiche di antichi camposanti, dove avvengono crimini efferati.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche
La custode degli spiriti – Melissa Marr

… e guarda anche
Pet Sematary (Cimitero vivente) – Mary Lambert

Leggi tutto ►

Gus Van Sant

L’Amore Che Resta

Columbia Pictures, Imagine Entertainment, 360 Pictures, 2011
avatar

Postato da
il

E poi c’è questo uccello canoro che pensa di morire ogni volta che cala il sole. E la mattina quando si sveglia è così sconvolto di essere vivo che si mette a cantare la sua melodiosa canzone. Io canto ogni mattina da quando ti conosco…

Enoch ha perso i genitori in un incidente stradale e da molto tempo ormai frequenta i funerali di gente che non ha mai conosciuto; a fargli compagnia c’è uno strano e amichevole fantasma giapponese, Hiroshi, un kamikaze della Seconda Guerra Mondiale con cui si perde in interminabili partite a battaglia navale.
Proprio a uno di quei funerali incontra per caso Annabel, un sorriso splendente e radioso, una passione per le scienze naturali e pochi mesi da vivere ancora, per via di una terribile malattia.
Insieme impareranno ad amare e accettare la morte e, in questo modo, la fragile meraviglia della vita. Come un sogno a occhi aperti, da un regista che come pochi altri sa mettere in immagini il trauma dolce e terribile dell’adolescenza.
 
Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Belli e dannati – Gus Van Sant
 
…e ascolta anche
Elliott Smith – Say Yes
 
Locandina di L'amore che resta, film di Gus Van Sant
Regia: Gus Van Sant
Soggetto: Jason Lew
Sceneggiatura: Jason Lew
Musiche: Danny Elfman
Fotografia: Harris Savides
Durata: 95′
 
Interpreti e personaggi
Mia Wasikowska: Annabel Cotton
Henry Hopper: Enoch Brae
Schuyler Fisk: Elizabeth Cotton
Jane Adams: Mable Tell
Lusia Strus: Rachel
Chin Han: Dr.Lee
Ryo Kase: Hiroshi
Kyle Leatherberry: Elliot
Jesse Henderson: Alger Cofax
Colton Lasater: Ozzie

Leggi tutto ►