Archivio tag: favoloso mondo amelie

Yann Samuell

Amami se hai coraggio

Francia, 2003
avatar

Postato da
il

Gli amici sono come gli occhiali, danno un’aria intelligente, ma si rigano con facilità e poi sono faticosi. Per fortuna a volte si trovano degli occhiali veramente forti. Io ho Sophie.

Amami se hai coraggio (Jeux d’Enfants) del regista francese Yann Samuell è una commedia romantica dalle tinte grottesche e surreali, uscita nelle sale nel 2003. La storia ruota intorno alla vita dei due giovani Julien (Guillaume Canet) e Sophie (Marion Cotillard) che si incontrano quando hanno otto anni durante un periodo drammatico: la mamma di Julien è gravemente malata (morirà prestissimo) e Sophie è chiamata dai compagni di scuola “sporca Polacca” per le sue origini. Un giorno, Julien decide di difendere Sophie contro i compagni di scuola e da quel momento, i due bambini iniziano un’amicizia intensa fatta di sfide da superare ogni volta che uno dei due pronuncerà la frase “giochi o non giochi?”. Il “premio” per ogni sfida superata è una scatola di latta a forma di giostra che continuerà a passare da Julien e Sophie e viceversa incessantemente. Le sfide crescono di intensità al crescere dei protagonisti: le prove infantili, lasciano presto il posto ad azioni imbarazzanti, crudeli e pericolose in un climax ascendente sempre più inquietante e distruttivo. L’epilogo non lo sveliamo, ma è davvero molto intenso, romantico e forse crudele.
Yann Samuell racconta una favola sull’amore non convenzionale: i due protagonisti si amano e sono destinati da sempre a stare insieme, ma giocare sembra più importante di tutto, anche dell’amore.

Il film si rivolge agli amanti del “Favoloso mondo di Amelie“, ma dai toni più cupi: le tinte acquerello e le sfumature da fiaba rimangono ma sono in contrasto con le personalità dei due protagonisti, ben lontani dal paese delle meraviglie di Amelie, nonostante la romantica canzone francese la Vie En Rose, di Edith Piaf, tema musicale presente per tutta la durata del film.

Se ti è piaciuto guarda anche:
Il favoloso mondo di Amelie

Leggi anche:
Gabriel Garcia Marquez – L’amore ai tempi del colera
C’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo – Efraim Medina Reyes
Un giorno – David Nicholls

Ascolta anche:
Edith Piaf – La vie en rose

amami

Genere: Commedia, Drammatico, Sentimentale
Regia: Yann Samuell
Durata: 93′
Cast: Guillaume Canet, Marion Cotillard, Thibault Verhaeghe, Josephine Lebas Joly, Emmanuelle Grönvold

Leggi tutto ►

Fredrika Stahl

Off to dance

Columbia Sony, 2013
avatar

Postato da
il

Show me something new
On which I can rely
To help me to get through
Give me just one sign
On which I can hold on
To recall the love we knew

Articolo di Claudio D’Errico

Dalle fredde terre scandinave la giovane cantante svedese Fredrika Stahl si propone con il suo ultimo cd, “Off to Dance”. Un lavoro a tinte pop e folk, malinconico, che ricorda le sonorità di Norah Jones, Diana Krall ed Emiliana Torrini. Fredrika Stahl si muove con sicurezza e eleganza tra le ballads di questo album grazie  anche alla propria tecnica di canto jazz.

“Off to dance” si apre con Willow , brano ispirato ad una antica fiaba scandinava. Narra la leggenda che una giovane ragazza desse sempre appuntamento al proprio innamorato all’ombra di un albero. Un giorno, tuttavia, il ragazzo non si presentò. La ragazza pianse tanto che l’albero assorbì il suo dolore e divenne appunto un salice piangente.
La canzone crea subito un’atmosfera particolare grazie al suono iniziale di un vecchio orologio: il ticchettio conduce l’ascoltatore al centro della fiaba, accompagnato dalla bellissima ed affascinante voce della cantante.

Da segnalare anche altri due brani, due piccole perle - Little Muse o Trip Me Up – maliziosi pop valzer che restituiscono l’immagine della cantante e dei suoi musicisti, in un fredda e piovosa giornata invernale, che provano in un solitario casolare del Galles.

Ti è piaciuto questo album? Allora vedi anche Il favoloso mondo di Amelie / Jean-Pierre Jeunet

Leggi tutto ►