Archivio tag: glam

Liz Flahive, Carly Mensch

Glow

2017, Netflix
avatar

Postato da
il

What’s motivating this? Why are we fighting? What’s… what’s driving you to come after me and grab me by the hair and throw me to the ground? It has to be something.

Glow (acronimo per Gorgeous Ladies of Wrestling, spettacolo/intrattenimento sportivo che negli anni ’80 vedeva sul ring delle atlete donne in uno show riservato fino a quel momento solo agli uomini) è la nuova serie di successo sul wrestling in onda su Netflix dal 23 giugno 2018. La serie, ideata da da Carly Mensch e Liz Flahive è composta da 10 episodi di circa mezz’ora l’uno ed è ambientata nel bel bezzo degli anni ’80, esattamente nel 1985 a Los Angeles.

La vicenda ruota attorno ai disagi quotidiani di Ruth Wilder (Alison Brie), un’aspirante attrice (molto impacciata e sfortunata) che dopo tante porte sbattute in faccia nel mondo dello spettacolo, finisce per partecipare a dei provini per un nuovo show tutto al femminile. Praticamente ignorando cosa sia il wrestling si ritroverà a far parte del cast di più o meno improvvisate  lottatrici , 13 donne dalle più svariate e bizzarre personalità. Sotto la guida del burbero Sam Sylvia (Marc Maron), un eccentrico regista fallito di B-movie, Ruth e le altre simpaticissime atlete impareranno tutti i segreti di questo show. Sul ring, Ruth si ritroverà ad affrontare anche la sua ex migliore amica, Debbie Eagan (Betty Gilpin), attrice di soap opera e neo-mamma, assoldata dal regista come punta di diamante della trasmissione “Glow”,  in rotta di collisione con Ruth in seguito alla scoperta del tradimento di suo marito proprio con l’amica Ruth. Le due amiche-nemiche e tutto l’intero cast, regista compreso si ritroveranno ad utilizzare il ring come palestra per risolvere, ognuna a modo proprio, le vicende private.

La serie è un centrifugato nostalgico di anni 80′, tra musica pazzesca simbolo di quegli anni (per citarne due: scorpions e roxette), capelli cotonati e tutine “glam” attillatissime, non mancheranno le occasioni per affrontare tematiche importanti e ricerca di valori quali autostima e amicizia. Il ritmo della serie è incalzante, i dialoghi sono energici e brillanti. Glow è la serie da guardare tutta d’un fiato, delle donne energiche pronte a mettersi in gioco e ad affrontare le lotte quotidiane.

 

Se ti è piaciuto guarda anche:
Orange is the New Black

Super Nacho

GLOW: The Story of The Gorgeous Ladies of Wrestling

 

Ascolta la colonna sonora della serie: GLOW tv series Soundtrack

glow_ita
Genere: Commedia drammatica Ideatore: Liz Flahive, Carly Mensch Cast: Alison Brie, Betty Gilpin, Sydelle Noel, Britney Young, Marc Maron, Britt Baron, Kate Nash, Gayle Rankin, Kia Stevens, Jackie Tohn

Leggi tutto ►

Mac DeMarco

Salad Days

Captured Tracks, 2014
avatar

Postato da
il

sometimes rough, but generally speaking I’m fine

Ventiquattro anni compiuti ad aprile e origini canadesi – ma ora vive a Brooklyn – Mac DeMarco, a vederlo, non sembrerebbe uno su cui scommettere. Eppure dietro quei capelli sparsi, quei denti radi e quegli occhi celesti spiritati che sembrano guardare qualcos’altro, si nasconde un grande autore di canzoni. Un irregolare, sboccato e stralunato, però capace di azzeccare qui, ancor meglio che nell’esordio di un paio d’anni fa, una sequenza di ritornelli pop splendidamente storti.
Quasi tutte basate su poche semplici note di chitarra, immerse in un’atmosfera da glam assonnato – immaginate un locale ben oltre l’orario di chiusura – e testi a metà tra autobiografia e generica voglia di rimandare il più possibile l’appuntamento con l’età adulta, le undici canzoni di Salad Days si svolgono tutte in due-tre minuti. Il tempo perfetto per non annoiare mai e farsi ricordare immediatamente, e infatti è impossibile non ritrovarsi a canticchiare già al secondo ritornello pezzi divertentissimi come Blue Boy, la love song allo zucchero filato Let Her Go o la sognante Chamber Of Reflection, costruita sul suono dei synth.
Canzoni che dicono di un musicista che magari non realizzerà capolavori, ma di certo lo segnalano come uno di quelli cui voler bene davvero.

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Swingin Party – The Replacements
Only In My Dreams – Ariel Pink’s Haunted Graffiti
Ice Cream Man – Jonathan Richman And The Modern Lovers

Leggi tutto ►