Archivio tag: graphic novel

Centro Fumetto Andrea Pazienza- A scuola di fumetto!- Corsi 2016- 17

avatar

Postato da
il

Sei appassionato di fumetti? Oltre a leggerli ami anche disegnarli?

Non puoi perdere i nuovi corsi organizzati dal Centro Fumetto Andrea Pazienza!

Come ogni anno, sono previsti percorsi per bambini, ragazzi ed adulti, curati da insegnanti di prim’ordine.

Le lezioni non riguarderanno solo il disegno ma si parlerà anche di sceneggiatura, ricerca del proprio stile e di come auto prodursi!

Per saperne di più, puoi consultare il sito del Centro Fumetto o partecipare agli incontri previsti per venerdì 16 settembre alle ore 17.30 e alle ore 21.00.

…e qui puoi scoprire di quali fumetti e graphic novel abbiamo parlato su ExtratimeBlog!

Leggi tutto ►

Manuele Fior

Le variazioni d’Orsay

Coconino Press - Fandango 2015, 68 p.
avatar

Postato da
il

Bisognerebbe mostrare a questi dilettanti un torso di donna che non sembri un ammasso di carne putrefatta.

Una graphic novel dedicata agli Impressionisti. Una delle custodi del Musée d’Orsay si addormenta presso un quadro del Doganiere Rousseau e sogna le vicende di Degas, Renoir, Monet, Pissarro, Berthe Morisot, Cézanne dalla prima esposizione del gruppo, svoltasi nel 1874 fra insulti e incomprensioni, alla consacrazione dei decenni successivi. La nascita dell’arte contemporanea viene vista attraverso gli occhi e le parole dei protagonisti. Punto di partenza è la Gare d’Orsay, la grande stazione costruita per l’Esposizione Universale del 1900 e trasformata in museo dell’Impressionismo e del post Impressionismo negli anni Ottanta del secolo scorso: proprio sotto le enormi gallerie dell’edificio nasce e finisce la storia, che si snoda con un andamento circolare attraverso ripetuti slittamenti temporali fra passato e presente.
Con un tratto nitido che svela la sua formazione da architetto e un linguaggio ricco di espressioni gergali (il testo originale è stato scritto dall’autore in francese e poi tradotto in italiano con modi di dire contemporanei che un po’ stridono), Manuele Fior punta l’attenzione su un momento fondamentale della storia dell’arte.

Ti è piaciuto?
Allora leggi anche…
Kiki de Montparnasse – Catel & Bocquet
La vita moderna – Susan Vreeland
I guardiani del Louvre – Jiro Taniguchi

E ascolta anche…
Prélude à l’après-midi d’un faune – Claude Debussy

E guarda anche…
Lautrec- Roger Planchhon

Leggi tutto ►

Stuart Beattie

I, Frankenstein

Lakeshore Entertainment, 2014
avatar

Postato da
il

Non abbiamo chiesto noi la vita che ci è stata donata, ma ognuno di noi ha il diritto di difenderla.
Io ho lottato per difendere la mia e quando le forze dell’oscurità faranno ritorno, sappiate che io sarò là fuori e lotterò per difendere la vostra vita.Io che ho fatto discendere un esercito di demoni,
io figlio di mio padre,
io Frankenstein.

Il film si basa sulla storia ben nota del dottor Victor Frankenstein che riesce a superare il confine tra vita e morte. Ma in questo film, il grande scienziato si spaventa per ciò che è riuscito ad ottenere e cerca inutilmente di uccidere la sua creatura, la quale si vendica assassinando la moglie di Frankenstein. Poco dopo anche lo scienziato muore mentre cerca di seguire il mostro a cui ha dato vita. La Creatura, pur non sentendosi minimamente in debito con lo scienziato, decide comunque di seppellirlo nel cimitero di famiglia, ma qui viene attaccato da alcuni demoni; riesce ad ucciderne uno, ma si salva grazie all’intervento di due guardiano gargoyle.
Questi lo portano dalla loro regina Leonor, che gli da un nome, Adam, e gli spiega che è in atto una battaglia secolare tra i demoni e i gargoyle, discendenti dell’Arcangelo Michele, per salvare l’umanità. Leonor chiede ad Adam di unirsi a loro, ma il mostro preferisce non immischiarsi.
I demoni però continuano a cercarlo, perché il loro principe Naberius, vuole scoprire il segreto che gli ha dato vita. Sentendosi braccato Adam decide di uscire allo scoperto e di combattere per recuperare il diario del Dottor Victor Frankenstein, l’unica testimonianza che potrà dargli una spiegazione su come è nato.
In questa guerra millenaria tra il Bene  e il Male che si dipana itra il gotico e la fantascienza, Adam, creatura unica nel suo genere, dovrà capire quale sia lo scopo della sua vita.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche:
Len Wiseman, Underworld
Mel Brooks, Frankenstein Junior

E leggi anche;
Kevin Grevioux  I, Frankenstein
Kevin Grevioux , The Pale Horsemen
Mary Shelley, Frankenstein

E ascolta anche:
8mm, Scream Where My Heart Should Be
Maker, Misgiving

poster_IFrankenstein

Scheda Film
Titolo originale: I, Frankenstein
Paese di produzione: Stati Uniti d’America, Australia
Anno: 2014
Durata: 93 min
Genere: azione, fantastico, fantascienza, orrore
Regia: Stuart Beattie
Soggetto: Kevin Grevioux (graphic novel), Mary Shelley (personaggio)
Sceneggiatura: Stuart Beattie
Casa di produzione: Lakeshore Entertainment, Hopscotch Features
Fotografia: Ross Emery
Montaggio: Marcus D’Arcy
Effetti speciali: Brenden Barry Brown
Musiche: Reinhold Heil, Johnny Klimek
Scenografia:Michelle McGahey
Costumi: Cappi Ireland

Interpreti e personaggi
Aaron Eckhart: Adam Frankenstein/La Creatura
Yvonne Strahovski: Terra
Bill Nighy: Naberius
Jai Courtney: Gideon
Miranda Otto: Leonore
Caitlin Stasey: Keziah
Kevin Grevioux: Dekar
Aden Young: Dott. Victor Frankenstein
Virginie Le Brun: Elizabeth Lavensa Frankstein
Socratis Otto: Zuriel
Samantha Reed: Eve
Deniz Akdeniz: Barachel
Chris Pang: Levi
Goran D. Kleut: Rekem
Angela Kennedy: Demon
Steve Mouzakis: Helek
Mahesh Jadu: Ophir

Leggi tutto ►

Cremona, Santa Maria della Pietà – Piazza Giovanni XXIII.

Il Fumetto racconta la realtà: Autori e opere nella produzione della casa editrice Becco Giallo

Dal 13 febbraio al 20 marzo 2016 ingresso libero.
avatar

Postato da
il

Già dal suo esordio nel 2005 la casa editrice Becco Giallo si è distinta nel panorama editoriale del fumetto italiano per la sua caratteristica di raccontare io fatti reali di cronaca tramite il tratto di giovani artisti .
Dopo i primi titoli, tra cui ricordiamo “Unabomber”, “La saponificatrice di Correggio”, “Il delitto Pasolini”, in questi dieci anni di ttività il catalogo si è arricchito fino ad arrivare ad oltre un centinaio di graphic novel, divise in collane che riguardano biografie, inchieste e ricostruzioni storiche.
L’obiettivo della mostra realizzata presso il Centro Fumetto grazie al Cfapaz, è quello di svelare al pubblico quali siano i processi creativi che consentono la nascita di un fumetto tramite matite, bozzetti, tavole e sceneggiatura.

Con la mostra è anche presente la seconda edizione di“Fumetto Lab”, che mette a confronto tra loro il fumetto professionale e il fumetto emergente.

Per ulteriori informazioni su come sia articolata la mostra, rimandiamo al sito ufficiale

Orari di apertura:
Da martedì a venerdì: 10.00 – 12.30 e 15.00 – 18.00
Sabato e domenica: 10.00 – 13.00 e 14.30 – 18.00.
Lunedì chiuso.

Inaugurazione sabato 13 febbraio 2016 ore 17,30

INFO Centro Fumetto “Andrea Pazienza”
Piazza Giovanni XXIII, 1 Cremona.
Tel. 037222207 – info@cfapaz.org - www.cfapaz.org -
Pagina Facebook

Leggi tutto ►

Centro Fumetto Andrea Pazienza- Corsi di fumetto 2015-16

avatar

Postato da
il

Il Centro Fumetto Andrea Pazienza di Cremona è una preziosissima risorsa per tutti gli appassionati del genere…

Ma non solo!
Se, oltre a leggere fumetti, ti piacerebbe essere in grado di crearne uno tu stesso, non puoi perdere i corsi che vengono organizzati dal Centro!

Per bambini e ragazzi, ci sono i tradizionali incontri pomeridiani che permettono di scoprire il meraviglioso mondo di strisce e baloon, partendo dal livello base, per arrivare a quello avanzato.

Per gli adulti, sono previsti incontri serali su tematiche più tecniche e specifiche.

Qui trovi tutte le informazioni sui corsi del Centro Fumetto.

… e qui puoi scoprire quali fumetti e graphic novel sono raccontati su ExtratimeBlog!

Leggi tutto ►

Zack Snyder

300

Stati Uniti, 2007
avatar

Postato da
il

Il mondo saprà che degli uomini liberi si sono opposti a un tiranno, che pochi si sono opposti a molti e, prima che questa battaglia sia finita, che persino un dio-re può sanguinare.

Ispirato all’omonima graphic novel di Frank Miller, il film, pur con qualche libertà rispetto alla vicenda narrata da Erodoto, riesce a trasmettere l’eroismo e l’amore per la libertà che la storia di Leonida e dei Trecento ha sempre rappresentato: un manipolo di guerrieri spartani tiene testa all’enorme esercito persiano che ha invaso l’Ellade, immolandosi per consentire al resto della Grecia di organizzare la difesa. Le orde persiane sono descritte con accenti grotteschi: il brutto e il deforme simboleggiano il dispotismo orientale che riduce chiunque in schiavitù, mentre i corpi atletici e la bellezza austera delle donne e degli uomini di Sparta incarnano la dignità dell’uomo libero espressa dalla Grecia. Spettacolari le scene di combattimento: animali esotici e torme infinite di soldati si infrangono contro la barriera dei difensori, che ridono della morte ma proteggono i compagni fino al sacrificio di sé. Al di fuori del campo di battaglia, la personalità di Leonida manifesta un’inaspettata dolcezza: costretto fin dall’infanzia a reprimere i propri sentimenti, nutre un amore tenero, anche se di poche parole, per la moglie Gorgo, donna degna di stare al fianco di un simile eroe.
Fra le tante frasi celebri del film, sintetizzano lo spirito spartano le battute che si scambiano un soldato e Leonida morenti: “Mio re, è un onore morire al tuo fianco”, “E’ un onore aver vissuto al tuo”.
Grazie all’impiego di tecniche sofisticate, il film riadatta il fumetto fotogramma per fotogramma, utilizzando prevalentemente tinte livide e terrose che danno una resa estetica molto particolare.

Ti è piaciuto?
Allora guarda
Sin City – Robert Rodriguez, Frank Miller, Quentin Tarantino
I guerrieri della Notte – Walter Hill

E leggi:
300 – Frank Miller
Le porte di fuoco – Steven Pressfield

download

Titolo originale 300
Paese di produzione Stati Uniti d’America
Anno 2007
Durata 117 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, guerra, epico
Regia Zack Snyder
Soggetto tratto dalla graphic novel di Frank Miller
Sceneggiatura Zack Snyder, Kurt Johnstad, Michael Gordon
Gerard Butler: Re Leonida
David Wenham: Delios
Lena Headey: Regina Gorgo
Dominic West: Terone
Rodrigo Santoro: Re Serse

Leggi tutto ►

Joe Kelly- JM Ken Niimura

I kill giants

Bao Publishing, 2015
avatar

Postato da
il

Trovo i giganti.
Do la caccia ai giganti.
Uccido i giganti.

Mostri e giganti possono essere, forse, più semplici da affrontare e sconfiggere di certe quotidianità. Così è per Barbara Thorson e i suoi fratelli che affrontano, ciascuno a suo modo la malattia della mamma.

Barbara sa alla perfezione come affrontare e sconfiggere i giganti e custodisce il magico martello Coveleski, costruito con il solo scopo di distruggere queste creature.
Quello che non riesce a fare è parlare dei propri sentimenti e dei propri problemi quotidiani. Per questo, non ha amici e viene presa costantemente di mira da un gruppo di ragazze della sua scuola.
A Barbara non importa perché nulla potrà essere peggio dell’orrore che si nasconde nella camera al primo piano della sua casa, la camera della mamma.

I due mondi di Barbara (quello reale e quello in cui attende i giganti) sono destinati ad incontrarsi, in uno scontro epico che solo lei è preparata ad affrontare.

I kill giants è una delle graphic novel più delicate e struggenti pubblicate negli ultimi anni. Un vero inno alla fantasia e al suo potere di rendere accettabile anche la peggiore delle realtà.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Colpa delle stelle- John Green
Resta anche domani- Gayle Forman

Leggi tutto ►

Teresa Radice - Stefano Turconi

Viola Giramondo

2013, Tunuè, 126 pagine
avatar

Postato da
il

Articolo di Vanessa Ingiardi

Forse ho spesso la testa tra le nuvole, perché come quelle, sono costantemente in viaggio, e mi capita di non sapere dove mi porterà il vento..[...]
Mi chiamo Viola Vermeer: papà olandese, mamma francese…cittadina del mondo!

Nel Giugno 1893 a Parigi arriva la famiglia del Cirque de la Lune in cui vi è una ragazzina, Viola Vermeer, sempre allegra e curiosa di scoprire cose nuove della vita. Nel suo cammino in giro per il mondo incontrerà illustri personaggi (come il pittore Toulouse-Lautrec e il compositore Antonín Dvorák) che assieme alla sua famiglia il Cirque de la Lune la aiuteranno a capire meglio le sue vere radici ed a scoprire sempre qualcosa di nuovo e la vera bellezza situata nel mondo.

Il fumetto è diviso in tre parti indipendenti fra loro: in ciascuno viene raccontata un’avventura di Viola e dei suoi amici e familiari. Nella prima avventura che si svolge a Parigi, Viola instaurerà una profonda amicizia con Toulouse-Lautrec, dove riuscirà a capire meglio la sua meravigliosa realtà.
Nel secondo racconto vi è l’incontro con ben due personaggi clandestini tra Stati uniti  e Canada: il compositore Antonín Dvorák e un nativo d’America; l’occasione unirà i loro cammini d’arte.
Nell’ultima storia si affronta il tema della vita e della morte di uno dei componenti del Cirque de la Lune e il ricongiungersi al flusso continuo della natura.

Un fumetto molto poetico e coinvolgente in cui emergono semplici ma importanti valori.
Tra i  ricchi e significativi testi di Teresa Radice si amalgamano perfettamente le frizzanti e vivaci matite di Stefano Turconi, in cui ci invitano ad essere in armonia con la natura e a stupirci con essa e del mondo in generale.

sito ufficiale

Se ti è piaciuto questo libro leggi anche…
Teresa Radice – Stefano Turconi, Il porto Proibito
Collana Topitondi
Pippo reporter

 

Leggi tutto ►

Roberto Recchioni- Emiliano Mammucari

Orfani

Bao Publishing, 2014
avatar

Postato da
il

Noi non  facciamo arte. Noi facciamo cadaveri.

Orfani è un’interessante esperimento editoriale proposto dalla Sergio Bonelli Editore su idea del duo Recchioni – Mammucari, apparso nelle edicole nel 2014.

Saga futuristica che affronta temi profondi e profondamente contrastanti che vanno dalla guerra all’influenza dell’informazione sulle nostre vite, al confine tra libero arbitrio e l’ingerenza dello stato che la vita dell’uomo deve gestire e proteggere ma che rischia sempre più spesso di dominare, Orfani si avvale di un’ affascinante narrazione basata su due piani temporali differenti che rende decisamente più coinvolgente la lettura  accompagnando il racconto in un crescendo di situazioni e di rivelazioni fino all’adrenalinico finale, senza però che si imponga mai in modo netto e assoluto l’idea dell’autore che sembra più suggerirsi, lasciando al lettore e alla sua personale sensibilità l’onere/onore di scegliere ove ritenga risieda il giusto.

Se a tale interessante scelta narrativa aggiungete un apparato grafico estremamente sofisticato e piuttosto distante dalle abituali proposte bonelliane, sostenuto dallo stupendo lavoro di colorazione delle tavole, capirete perché Orfani si sia già ritagliato un ruolo di rilievo nella proposta fumettistica nazionale degli ultimi anni.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Qui e ora- Ann Brashares
Nathan Never- Serie a fumetti
Dylan Dog- Serie a fumetti

…e guarda anche
Il domani che verrà- The Tomorrow Series- Stuart Beattie
Divergent- Neil Burger
Ender’s Game- Gavin Hood

Leggi tutto ►

Davide Toffolo

Cinque Allegri Ragazzi Morti

Coconino Press, 2011
avatar

Postato da
il

Eccitante, fratello, fuoco vero, in questo mondo di plastica. Cosa c’è di più vero del fuoco?

“Cercate di non perdervi…”
“Non siamo già ragazzi persi?

Per esempio impari che ci sono modi diversi di nascere.

Sleepy il dormiente, Sumo che ha sempre fame, Gianni Boy leader e osannato dalle ragazze, Mario l’emozionale e Vasco senza paura: sono questi i Cinque Allegri Ragazzi Morti.
Antefatto: i cinque formano una cricca affiatata e ben assortita, che a volte si spinge troppo in la con gli scherzi. E con Lidia, nuova compagna di classe e simil-strega, si passa oltre la soglia: lei vuole vendicarsi.
Una parola: incidente.
E i cinque si ritrovano tramutati in zombie.
La loro nuova “vita” ha regole semplici e quindi complicate: lasciar stare i vivi e non interferire con i loro affari, nutrirsi di carne umana… e non innamorarsi. Mai.
“Cosa vuol dire innamorarsi?” chiede agli altri uno dei cinque “Trovare un odore compatibile, sentire lo stomaco aggrovigliarsi? Comunque neanche quando ero vivo sapevo distinguere il vero amore dal resto”.
Si diceva: la loro nuova vita è si un viaggio on the road, ma è soprattutto un viaggio di iniziazione. È già un’odissea sopportare la crescita della vita, figuriamoci quando si è passati oltre: un mondo a parte, dove tu sei l’alieno e fai domande alle quali non si sa chi darà risposta e quando.
Questa graphic novel è una delle punte più alte del lavoro di Davide Toffolo: da qui si è originato il gruppo rock (e non solo) dei Tre allegri ragazzi morti.
Una graphic novel senza un protagonista definito, ma con una sequenza narrativa divisa in due… a ben vedere non sono molto dissimili, l’aldiqua e l’aldilà: governati entrambi da contrasti, da solitudini, amori veri e falsi… parrebbe un unico mondo, visto da parti opposte.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Graphic novel is dead – Davide Toffolo
Quando tutto diventò blu – Alessandro Baronciani
Blankets – CraigThompson 

… e ascolta anche
Nel giardino dei fantasmi – Tre Allegri Ragazzi Morti
Gorillaz – Clint Eastwood

… e guarda anche
Cinque Allegri Ragazzi Morti: il musical
The Walking Dead – Frank Darabont

Leggi tutto ►