Archivio tag: j. g. ballard

Steven Moffat- Mark Gatiss

Sherlock

2010- BBC
avatar

Postato da
il

Siete tutti così distratti, è bello non essere me. Deve essere rilassante.

Sociopatico, del tutto indifferente a cosa accade intorno a lui, esasperante nel suo egocentrismo, arrogante, con una inguaribile dipendenza dalla nicotina, Sherlock Holmes è un uomo perennemente annoiato e sempre alla ricerca di un caso abbastanza interessante da catturare la sua attenzione. Il Dottor Watson, reduce dalla guerra in Afghanistan, si trova a condividere con lui sia la casa che le indagini in cui viene coinvolto.

Sherlock Holmes è un personaggio iconico, sul quale è stato scritto e detto tanto. Questa nuova, brillante versione è stata ideata per la BBC da Steven Moffat e Mark Gatiss, entrambi autori di Doctor Who, altra geniale serie televisiva inglese.

Gli episodi, ambientati nella Londra dei nostri giorni, riprendono tanto le caratteristiche dei personaggi quanto le idee alla base di alcuni dei racconti originali, senza snaturare per nulla quanto pensato, a suo tempo, da Arthur Conan Doyle.
Arricchisce la narrazione anche l’ottima scelta degli interpreti, tutti perfetti nel proprio ruolo.

Ti è piaciuta questa serie? Allora guarda anche…
Sherlock Holmes- Guy Ritchie
Piramide di paura- Barry Levinson
Doctor Who (Serie televisiva)
Elementary (Serie televisiva)

…leggi anche
Un gioco da bambini- J.G. Ballard
I libri di Arthur Conan Doyle

Sherlock- Steven Moffat e Mark Gatiss

Ideatori: Steven Moffat- Mark Gatiss

Interpreti e personaggi:
Benedict Cumberbatch: Sherlock Holmes
Martin Freeman: John Watson
Una Stubbs: Mrs. Hudson
Rupert Graves: Lestrade
Mark Gatiss: Mycroft Holmes
Andrew Scott: Jim Moriarty

Leggi tutto ►

Allan Stratton

La casa dei cani fantasma

2015, Mondadori, 252 p.
avatar

Postato da
il

Per tutta la notte mi tormento al pensiero che la mamma mi creda pazzo. E che creda pazzo anche papà.
Ha ragione lei?
Siamo matti tutti e due?

Come si può sapere qualcosa di qualcuno?
Come si può sapere qualcosa anche semplicemente di se stessi?

Cameron ha passato tutta la vita vagando da una città all’altra per sfuggire al padre violento, che ha quasi ucciso sua madre.

All’arrivo nell’ennesima anonima cittadina di campagna, a minacciarli non sarà l’ormai abituale sensazione di essere inseguiti, ma il mistero che avvolge la fattoria in cui si trasferiscono.

Nel passato della casa, si nasconde un oscuro segreto, legato alla morte del precedente proprietario e alla scomparsa di suo figlio e sua moglie.
Tutti pensano che i due siano scappati con l’amante di lei. Ma come si spiega la presenza di Jacky, il fantasma che appare a Cameron e che dice di essere il ragazzo sparito tempo prima?

La casa dei cani fantasma è un romanzo che mischia horror, thriller e giallo in un racconto appassionante e mai scontato.
La verità su quello che sta accadendo a Cameron e su quello che è accaduto decenni prima a Jacky diviene sempre più sfuggente e impalpabile man mano che Allan Stratton ci accompagna nel racconto. Tanto che la chiave per capire cosa sia successo nel passato di entrambi i ragazzi sembra proprio legata alla scoperta di ciò che è reale e di ciò che è creato dalla mente dei protagonisti.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Abbiamo sempre vissuto nel castello- Shirley Jackson
Un gioco da bambini- J.G. Ballard
Bunker diary- Kevin Brooks
Un elefante nella stanza- Susan Kreller

…e guarda anche
The Others- Alejandro Amenàbar

Leggi tutto ►

Kevin Brooks

Bunker Diary

Piemme, 2015, 277 p.
avatar

Postato da
il

E’ quasi mezzanotte. Sono qui da quasi quaranta ore. Giusto? Credo. Comunque, sono qui da un bel po’ e non è successo niente. Sono ancora qui, ancora vivo, ancora a guardare i muri. A scrivere queste parole. A pensare.
Per la testa mi sono passate mille domande.
Dove sono?
Dov’è il cieco?
Chi è?
Cosa vuole?
Cosa vuole farmi?
Cosa posso fare io?
Non lo so.

Sei persone rinchiuse in un bunker, senza possibilità di avere contatti con l’esterno e del tutto dipendenti dalla volontà dell’uomo che li ha catturati.
Questa la storia agghiacciante raccontata in Bunker Diary dall’autore inglese Kevin Brooks.

A narrare la paura e l’ansia dei protagonisti è Linus, sedicenne scappato di casa, rapito dopo mesi passati per strada.
Con lui, un insieme di individui scelti in modo apparentemente casuale. Ad accomunarli è la rabbia, nata dalla consapevolezza di essere pedine di un gioco sadico e privo di senso.

A partire dalla splendida immagine di copertina, Bunker Diary racconta cosa possa significare non essere più padroni del proprio destino e ci parla delle meschinità e dei piccoli gesti eroici che possono essere compiuti in situazioni estreme.

Linus esprime tutta la sua rabbia e la sua frustrazione per non poter far nulla per rendere meno penosa la situazione dei suoi compagni di prigionia. Sono le stesse sensazioni di chi legge: ad ogni pagina si spera che l’insensata sofferenza dei protagonisti venga in qualche modo alleviata da un evento inaspettato.

Bunker Diary è una travolgente e crudele discesa all’inferno. Un libro prezioso ed essenziale proprio per il suo modo di mostrare la crudeltà dell’animo umano.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Il rifugio- S.A. Bodeen
La bomba- Todd Strasser
Un gioco da bambini- J.G. Ballard

…e guarda anche
Cube- Vincenzo Natali
Maze Runner- Il labirinto- Wes Ball

Leggi tutto ►

Dennis Gansel

L’onda

Germania, 2008
avatar

Postato da
il

Ci siamo ritenuti esseri speciali, migliori di tutti gli altri ma la cosa peggiore è che abbiamo escluso dal gruppo chi non la pensava come noi. Li abbiamo feriti. E non voglio immaginare che altro avremmo potuto fare.

 
Spiegare il nazismo sembra una cosa ormai scontata. Tutti conoscono i fatti e sanno cosa è accaduto. Ma cosa farebbero dei ragazzi qualunque se si trovassero a vivere in una società fascista? Quanto sarebbe per loro semplice lasciarsi coinvolgere da un movimento che gran parte di loro ritiene giusto? E quanti, invece, avrebbero il coraggio di opporsi? L’Onda nasce nel corso di una lezione di storia, dal desiderio di un insegnante di far capire davvero ai propri studenti cosa ha vissuto la Germania con il nazismo. L’omologazione del pensiero si trasforma però in esclusione di chiunque non appartenga al movimento, con conseguenze devastanti soprattutto tra i ragazzi più emarginati, che avevano visto nella nuova eguaglianza instauratasi uno strumento di riscatto sociale. Tanto il film quanto il libro da cui è stato tratto sono ispirati alla storia vera dell’esperimento denominato “La terza onda” che si è svolto in una scuola californiana negli anni ’60.

 
Ti è piaciuto questo film? Allora leggi anche…
Un gioco da bambini- J.G. Ballard
L’onda- Todd Strasser
 
… e guarda anche
Elephant- Gus Van Sant

 
L'onda- Dennis Gansel
 
Regia: Dennis Gansel
Sceneggiatura: Johnny Dawkins- Ron Birnbach
Durata: 107′
 
Interpreti e personaggi
Jurgen Vogel: Rainer Wenger
Christiane Paul: Anke Wenger
Max Riemelt: Marco
Jennifer Ulrich: Karo

Leggi tutto ►

J.G. Ballard

Un gioco da bambini

Feltrinelli, 2007, 92 pag.
avatar

Postato da
il

…fu proprio laggiù, nella deserta sala di proiezione, che nella mia mente si accese il primo barlume sulle vere cause del massacro di Pangbourne. Se non le riconobbi subito, e se nel corso delle mie indagini appaio un po’ troppo lento nell’identificare i colpevoli, posso dire soltanto a mia discolpa che quel che oggi appare così evidente in quei giorni non lo era affatto.

 
Un lussuoso complesso di villette in cui vivono alcune ricche famiglie in una mattina d’inizio estate. Trentadue adulti trovati morti. Tredici ragazzi scomparsi nel nulla. E uno psichiatra chiamato per trovare risposte lì dove polizia e investigatori hanno fallito. Questi gli ingredienti di un piccolo libro dal grande impatto narrativo. Chi sono gli assassini del Pangbourne Village? E che cosa li ha spinti a sterminare tutti gli adulti presenti nel complesso e a rapire i loro figli?
 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Confessione- Kanae Minato
 
…e guarda anche
I soliti sospetti- Bryan Singer

Leggi tutto ►