Archivio tag: john cale

Agnes Obel

Philarmonics

Pias, 2010
avatar

Postato da
il

I walk to the borders on my own
To fall in the water just like a stone
Chilled to the marrow in them bones
Why do I go here all alone

Entrare nelle sonorità di questo album è come percorrere un luogo pieno di magia e sfumature. L’amalgama di pianoforte e voce accompagna nella dimensione interiore della giovane cantante, compositrice e musicista di Copenaghen, che ora vive a Berlino.

“Philarmonics” è un cd dalla composizione varia: tre brani strumentali, otto canzoni originali ed una cover di John Cale, Close Watch, che insieme creano un tappeto sonoro che coinvolge ed invita ad essere calpestato piano e ad occhi chiusi.  Sembra quasi di rivivere i ricordi di bambina di Agnes, quando ascoltava la madre suonare Chopin e Bartók.
La strumentale Falling Catching  e la bella Riverside creano la suggestione di una filastrocca del Nord, che culla e conduce in punta di piedi attraverso un piccolo passaggio  nel mondo dipinto e personale della cantante.

Uscito il 4 ottobre 2010, l’album ha ottenuto un buon successo di critica, innanzitutto nel paese di origine, ove ha conseguito per cinque volte il disco di platino.

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche Fisherman’s Woman – Emiliana Torrini

 

Leggi tutto ►

The Velvet Underground

The Velvet Underground

MGM Records, 1969
avatar

Postato da
il

If I could make the world as pure
and strange as what I see,
I’d put you in the mirror
I put in front of me.

The Velvet Underground & Nico, nel 1967, rivoluziona la musica del Novecento, dando vita a un universo di perversione e dolcezza a oggi ineguagliato.
Qualche mese dopo, l’oscurità è totale: abbandonato il lato estatico delle ballate della chanteuse Nico, White Light/White Heat dona al mondo un nero pece di pura estetica punk rumorista, sigillato dall’immortale delirio sessuale di Sister Ray.
Comprensibile che le personalità forti del gruppo vengano a scontrarsi: Lou Reed assume definitivamente il controllo della creatura-Velvet, liberandosi dell’anima sperimentale di John Cale. Al suo posto, la faccia pulita di Doug Yule.
Ne nasce un’altra spiazzante meraviglia omonima, The Velvet Underground, che di nuovo coglie di sorpresa e di nuovo spezza il cuore.
Reed mette mano a canzoni che spandono dolcezze amare: Candy Says, il suono degli occhi umidi del risveglio; Pale Blue Eyes, tanto intima che il chitarrista Sterling Morrison ne dirà: “Se io avessi scritto una canzone come quella, non ti permetterei di suonarla”.
Ma c’è tutto ciò che serve per respirare, qui dentro: il rock’n’roll che è solo e soltanto Velvet, ipnosi di chitarre secche e taglienti (What Goes On, Beginning To See The Light); il singolare country-pop di That’s The Story Of My Life, l’amara meditazione di I’m Set Free e la preghiera laica di Jesus; i nove minuti di sperimentazione di The Murder Mystery, con quattro storyline intrecciate, e i due di pura innocenza di After Hours, la voce stonata e dolcissima della batterista Maureen Tucker a guidare una tenera danza.
Inutile, qui, raccontarvi gli inenarrabili capolavori che da questo prenderanno le mosse: le melodie annebbiate del primo R.E.M., il dolore raggomitolato del terzo Big Star.
Quel che conta è il senso di smarrimento ed emozione infinita, vivo a ogni nuovo ascolto.
 

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Big black car – Big Star
Fa Cé-La – The Feelies
Our way to fall – Yo La Tengo
Radio Free Europe – R.E.M.
These days – Nico

Leggi tutto ►