Archivio tag: jon spencer blues explosion

Sleater-Kinney

The Woods

Sub Pop, 2005
avatar

Postato da
il

Show me your riffs.
Un fantastico slogan per una maglietta indossata da Corin Tucker ai concerti delle Sleater-Kinney, contro il machismo imperante nel dorato mondo dell’indie-rock americano, ma anche la descrizione perfetta di The Woods, album definitivo del trio di Olympia.
In dieci canzoni pazzesche, il vibrato da battaglia di Corin e le armonie di Carrie Brownstein, le loro chitarre al vetriolo e il drumming fuori controllo di Janet Weiss centrifugano quarant’anni di rock con la foga e l’ironia del garage più lercio: The Fox ed Entertain guariscono dall’artrite il rock degli anni ’70, annegandolo nel frastuono gioioso di urla e distorsioni, che toccano l’apice negli undici minuti della psichedelia devastante di Let’s Call It Love; perfino le melodie pop di Wilderness, What’s Mine Is Yours e Jumpers, il folk di Modern Girl o il surf di Rollercoaster vengono investite da un’energia che esalta. Night Light, poi, è la chiusa dilatata perfetta per accompagnarci fuori da uno dei più grandi album del decennio.
 
Ascolta quattro brani tratti dall’album
Entertain, The Fox, Jumpers, Modern Girl
 
Ti è piaciuto questo album? Ascolta anche
Jon Spencer Blues Explosion – Black Mold
PJ Harvey – Sheela-Na-Gig
Bikini Kill – Rebel Girl
Fugazi – Turnover
The Gits – Second Skin

Leggi tutto ►

Tom Waits

Bad As Me

Anti, 2011
avatar

Postato da
il

Ogni album di Tom Waits si riconosce lontano un miglio eppure suona fresco e nuovo come fosse un esordio, perchè Tom Waits sa rinascere affamato e licantropo ogni volta.
In Bad As Me, ultimo capolavoro, la sua voce da orco si lancia in blues dei bassifondi marci e traballanti come Raised Right Men, marce verso l’inferno (Hell Broke Luce, Satisfied), sincopi rock’n'roll da infarto (Chicago, Get Lost).
Ma Tom Waits significa anche ballate strappacuore, meraviglie che sanno di confine e viaggio e deserto (Face To The Highway, Last Leaf),che commuovono alla prima nota (Pay Me, New Year’s Eve), che sembra di sentire il rumore della puntina che si abbassa sul giradischi (Kiss Me).
Tenete a mente album come questo, quando vi chiederanno cosa portarvi su un’isola deserta.
 
Ascolta tre brani tratti dall’album
Bad As Me, Pay Me, Satisfied
 
Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Jon Spencer Blues Explosion – Blues Explosion Man
Captain Beefheart – Ice Cream For Crow
The Pogues – A Rainy Night In Soho

Leggi tutto ►