Archivio tag: kraut-rock

Deerhunter

Halcyon Digest

4AD, 2010
avatar

Postato da
il

only fear can make you feel lonely out here.

Se si volesse raccontare la musica importante di questi anni, fatta di elettricità, sperimentazione e grandi, grandissime canzoni, i nomi di Bradford Cox e dei suoi Deerhunter sarebbero di certo tra gli imprescindibili.
Halcyon Digest è il picco di una produzione di altissimo livello, vero capolavoro che spande manciate di polvere di stelle e sogni a occhi aperti.
Gli effetti delle chitarre di Cox e Pundt disegnano traiettorie aeree, mentre basso e batteria richiamano ipnosi kraut e la voce è la dolce cantilena di un ragazzo addormentato nella stanza a fianco.
Un mondo affascinante e nervoso, concentrato di dream-pop, shoegaze e psichedelia moderna, dove la concisione pop dei momenti più immediati (l’interferenza di Don’t Cry, il jingle-jangle squillante di Memory Boy o la strokesiana Coronado, in cui fa capolino un sax), si affianca a bozzetti in cui pare di vedere la band suonare sul fondo di un acquario (Basement Scene, Helicopter o la commovente Sailing, in cui è facile immaginare Cox nella propria stanzetta, chino sulla chitarra e intento a mormorare qualcosa con gli occhi umidi) e dilatazioni soniche in cui le evoluzioni laterali valgono quanto il centro (l’apertura di Earthquake e il memorabile intrico di arpeggi di Desire Lines).
E, proprio in fondo, il dono più bello: He Would Have Laughed, dedica allo scomparso Jimmy Lee Lindsay Jr., altro grande irregolare dalla storia sfortunata; un ricordo tenero e delicato, sette minuti che sembrano arrivare da un altro mondo e sfiorano il cielo.
 

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Mona Lisa – Atlas Sound
Strangers – Lotus Plaza
Selina’s Melodie Fountain – Serena Maneesh
Shady Lane – Pavement

Leggi tutto ►

Toy

Toy

Heavenly, 2012
avatar

Postato da
il

Toy è il suono perfetto per questa stagione, pallido sole fra rami quasi spogli.
Cinque ventenni londinesi, chini a occhi chiusi su chitarre, batteria e tastiere, che rielaborano in modo personalissimo trent’anni di grande, grandissima musica in un magma dolce e inquietante, rumorista e melodioso: il dream-pop incontra il kraut, lo shoegaze avvolge il post-punk.
L’uno-due in apertura, Colours Running Out e The Reasons Why, è un colpo al cuore fatto di gorghi chitarristici e synth sognanti; Lose My Way e Make It Mine delle grandi prove di scrittura pop; Motoring un singolo indie-rock perfetto.
Dead & Gone e Kopter sono veri colpi di genio, otto e dieci minuti di cavalcate soniche come non se ne sentivano da tempo, torrenti che s’ingrossano scendendo a valle facendosi enormi e fragorosi.
Ma non si farebbe giustizia a Toy se non si parlasse pure di Heart Skips a Beat, melodia maestosa che commuove sin dal titolo per uno dei pezzi più belli dell’anno.

Ti è piaciuto questo pezzo? Allora ascolta anche
The Cure – Disintegration
Ride – Seagull
M83 – We Own The Sky
Neu! – Hallogallo

…e guarda anche
Un sapore di ruggine e ossa – Jacques Audiard
Donnie Darko – Richard Kelly

Leggi tutto ►