Archivio tag: le luci della centrale elettrica

IL 2017 DI EXTRATIMEBLOG IN CINQUE LIBRI, CINQUE ALBUM E CINQUE FILM

The Fabulous Five- 2017

avatar

Postato da
il

Le sensazioni e le storie che ci hanno accompagnato lungo il 2017 sono state così numerose che scegliere quali siano le più significative è davvero complesso.

Abbiamo provato a ricordare le suggestioni di questo anno appena concluso con una selezione di cinque libri, cinque album e cinque film, in un percorso tra storie, atmosfere e generi.

LEGGO!
La bambina dimenticata dal tempo- Siobhan Dowd
Le otto montagne- Paolo Cognetti
A volte ritorno- John Niven
L’acchiappasogni- Stephen King
Your name.- Shinkai Makoto

ASCOLTO!
Sonic Highways- Foo Fighters
That’s live – Live in Cesena 2016- Rockin’1000
La fine dei ventanni- Francesco Motta
Lindsey Stirling- Lindsey Stirling
Terra- Le Luci della Centrale Elettrica

GUARDO!
Thirteen Reasons Why- Brian Yorkey
The voices of a distant star- Shinkai Makoto
Spider-man. Homecoming- Jon Watts
It- Andrés Muschietti
Dark- Baran bo Odar

Volete passare con noi un meraviglioso 2018? Potete partecipare alla nostra speciale reading challege Extra Reading: A challenge!

Leggi tutto ►

Le Luci della Centrale Elettrica

Terra

2017, La tempesta Dischi
avatar

Postato da
il

Sono le tracce sparite nel vento
Un combattimento, un karma irrisolto
Sono in uno spazio sacro
Suono all’aperto o con il coprifuoco
Sono vuoto come un cielo stellato
Vedi bene al buio e ora è illuminato
Sono al di là della paura

Terra è un disco in movimento.  Siamo lontanissimi dal Vasco Brondi che suonava solitario nella provincia di Ferrara avvolto e protetto da un linguaggio affasciante quanto criptico. Terra è un disco che si apre al mondo pieno di contaminazioni nelle sonorità, suggestioni, metafore e anche nei simboli che attribuiamo alle vicende che ci segnano. Terra non è solo un disco è un racconto di un’ Europa migrante verso un futuro possibile quanto ignoto e pericoloso.

I suoni di tabla e violoncello, le percussioni di Daniel Plentz dei Selton e il violino di Rodrigo D’Erasmo rendono varie le canzoni. Il timbro Brondi è sempre riconoscibile, oggi forse lievemente melodico, abbandonando l’impronta più estrema del suo lavoro Costellazioni in cui i CCCP governavano imperanti in ogni canzone e in ogni ispirazione.

Qui è il simbolo di questa odissea musicale e la metamorfosi di Vasco verso la scoperta di questo pianeta e dei suoi abitanti, anche quelli più remoti e dispersi. Influenzato dai viaggi compiuti in questi anni, Brondi mescola storie collettive e vicende personali. “Waltz degli scafisti” racconta la  globalizzazione disordinata che viviamo. “Nel profondo Veneto” invece racconta la  storia di un ritorno a casa di una ragazza sconfitta dalla vita precaria a Milano. Ci sono vicende generazionali come “Iperconnessi” e il rapporto malato che abbiamo con la tecnologia e storie d’amore come quella di “Chakra”, in cui la malinconia vince la durezza tipica delle Luci. Siamo “allegri e disperati” e in questo disco lo sentiamo forte e chiaro.

Terra è un disco “dove vince sporchissimo il reale”.

Se ti è piaciuto ascolta anche:

Mannarino,  Apriti Cielo

Leggi anche:

Fabio Geda, Anime Scalze

Guarda anche:

Abraham Joffe, Racconti di luce

Leggi tutto ►

Zerocalcare

Un polpo alla gola

Bao Publishing, 2012
avatar

Postato da
il

Ricorda: nessuno guarisce dalla propria infanzia.

Una prova di coraggio, nel bosco dietro la scuola elementare; è così che i piccoli Zero, Secco e Sarah s’imbattono in un teschio umano, finito lì chissà come.
Nel breve tempo di una ricreazione, la loro fantasia di bimbi si spinge ad immaginare spaventosi scenari da favola nera, ma ci penserà la temibile maestra Arbizzati a riportare Zero alla dura realtà: messo alle strette, dirà di essere stato spinto alla spedizione da Sarah, che sarà punita al suo posto.
Subito il rimorso s’impadronisce di lui, un polpo che gli toglierà sonno e respiro e lo accompagnerà attraverso l’adolescenza e l’età adulta, insieme a una strampalata galleria di eroi e modelli da cartone animato; con il loro conforto e i loro insegnamenti, il nostro vivrà una carrellata di avventure e situazioni esilaranti e drammi veri, raccontati con la matita impaziente e gli occhi sgranati di un bambino alle prese con un mondo che pare gigantesco, cambia e cresce, mentre dentro tutto sembra rimanere fermo.
Dopo il gran successo dell’esordio La Profezia dell’Armadillo e di quel blog che da un anno e mezzo rende più tollerabile il lunedì mattina (almeno, uno su due), Michele Rech/Zerocalcare conferma il proprio talento con una storia impegnativa, di ampio respiro, che, se da un lato diluisce l’impatto comico delle strisce settimanali, dall’altro diviene strada facendo una splendida riflessione su quanto l’infanzia sappia essere un’età dell’oro, ma pure uno strambo antro oscuro, zeppo di segreti che si annodano intorno alla gola.
 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche
La profezia dell’armadillo – Zerocalcare
 
…e ascolta anche
Police on my back – The Clash
La lotta armata al bar – Le Luci della Centrale Elettrica
 
…e guarda anche
Star Wars – George Lucas
Super 8 – J.J.Abrams

Leggi tutto ►