Archivio tag: le vergini suicide

Shirley Jackson

Abbiamo sempre vissuto nel castello

Adelphi, 2009, 182 p.
avatar

Postato da
il

Oggi non ci sarà nessun cambiamento, pensai, è solo la primavera; ho fatto male a spaventarmi tanto. Le giornate si sarebbero fatte più tiepide, zio Julian se ne sarebbe stato seduto al sole, Constance avrebbe riso mentre lavorava in giardino, e tutto sarebbe rimasto uguale. Jonas continuava a raccontare (“E poi ci siamo messi a cantare! E poi ci siamo messi a cantare!”), sopra di noi si muovevano le foglie e tutto sarebbe rimasto uguale.

 
La famiglia Blackwood viene sterminata con l’arsenico. A sopravvivere sono solo lo zio Julian e le sorelle Constance e Mary Katherine. Ma chi è l’assassino? Constance, nonostante abbia cucinato la cena avvelenata, è palesemente incapace di fare del male alla sua famiglia, tanto che viene dichiarata innocente nel processo che segue la strage. Ma gli abitanti del vicino villaggio non riescono a perdonarla e l’antipatia che tutti già provavano per i Blackwood si trasforma in odio vero e proprio nei suoi confronti, spingendola ad una vita da reclusa. La routine e l’apparente serenità nella quale i tre vivono viene spezzata dall’arrivo del cugino Charles, interessato alla cospicua ricchezza ereditata dalle ragazze. Shirley Jackson racconta una storia fatta di piccole tensioni e gesti monotoni compiuti dai protagonisti che, con l’arrivo dell’estraneo cugino sono destinati ad esplodere in un delirio di rabbia e vendetta.
 
Prendi in prestito questo libro su MediaLibraryOnLine e, se non sai di cosa stiamo parlando, corri nella biblioteca più vicina a casa tua per scoprirlo!
 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Un gioco da bambini- J.C.Ballard
Le vergini suicide- Jeffrey Eugenides

Leggi tutto ►

Jeffrey Eugenides

Le vergini suicide

Mondadori, 1993
avatar

Postato da
il

In fondo non contava quanti anni avessero, o che fossero ragazze, ma solo il fatto che le avevamo amate e che loro non avevano udito il nostro richiamo; non ci odono neanche adesso che siamo quassù, nella casa sull’albero, con i capelli radi e un po’ di pancia, e le chiamiamo perché escano dalle stanze in cui sono entrate per trovare la solitudine eterna, la solitudine del suicidio, che è più profondo della morte, le stanze dove non troveremo mai i pezzi per rimetterle insieme.
 

Una voce corale affranta, quella di ragazzi non più ragazzi che a vent’anni di distanza rievocano il suicidio delle cinque sorelle Lisbon; creature tanto desiderate quanto irraggiungibili e distanti, soffocate nella prigione dorata della propria casa da genitori sconvolti dalla morte della più giovane, Cecilia.
Con la consapevolezza di aver visto sparire tanta bellezza poco a poco, proprio davanti agli occhi.
Con la rabbia di non poter dare una spiegazione al terribile finale di storia, quando raggiungerle pareva ormai cosa fatta.
Con la malinconia di non riuscire a riportarle in vita per mezzo di ricordi simili a fotografie sbiadite, a ritrovare pezzi mancanti di un’adolescenza passata.
Le Vergini Suicide, primo romanzo di Jeffrey Eugenides, è la storia toccante e meravigliosa del tentativo tenero e goffo di restituire alla vita il luccichio dei quindici anni, quando tutto ruotava intorno a uno squillo del telefono: all’altro capo, il suono di una canzone che si aspettava da una vita e ora è solo silenzio.
 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche
Jeffrey Eugenides – Middlesex
 
…e guarda anche
Il giardino delle vergini suicide – Sofia Coppola
 
…e ascolta anche
Air – Playground love
Gilbert O’Sullivan – Alone again, naturally

Leggi tutto ►