Archivio tag: liceo

Roberto Aguirre-Sacasa

Le terrificanti avventure di Sabrina

netflix, 2018
avatar

Postato da
il

Le terrificanti avventure di Sabrina è il titolo della nuova serie (horror/commedia) partita su Netflix dallo scorso mese di ottobre.
Ci troviamo di fronte ad una serie molto più spaventosa e inquietante della serie andata in onda negli anni ’90 Sabrina,vita da strega Le tinte sono forti e più che una simpatica strega pasticciona con un gatto parlante di nome Salem, la nuova Sabrina Spellman è una strega che ci porta  dritti nel mondo della magia nera e dell’oscurità.

La serie (come anche quella anni’90) è ispirata al personaggio omonimo a fumetti edito dalla casa editrice americana Archie Comics , creata nel 1962 dal fumettista Dan Decarlo, su soggetto di George Gladir. Sabrina Spellman è una strega sedicenne che vive a Greendale con le zie Hilda  e Zelda (entrambe streghe), ha un fidanzato di nome Harvey Kinkle totalmente all’oscuro della sua vera natura. Sabrina è per metà umana , e questa dicotomia le crea non pochi problemi e conflitti interiori, affrontando i drammi di vita quotidiani di una normale teenager e le difficoltà causate dalla sua vita magica. La storia si complica  quando secondo antiche tradizioni, una volta compiuti i sedici anni, una strega deve rinunciare alla sua vita umana per consacrarsi completamente alle forze oscure e dedicarsi totalmente alle arti oscure. Ovviamente Sabrina non vuole rinunciare alla sua vita da giovane liceale, è una femminista, combattiva che non ha paura di esprimere la sua opinione e di percorrere una strada diversa  da quella già delineata per lei.

Siamo trascinati in una Greendale fuori dal tempo dal fascino anni ’60 in cui dominano atmosfere horror e i fenomeni soprannaturali sono all’ordine del giorno. Ci troviamo di fronte ad una ragazza indipendente e forte che ricorda un’altra eroina dei telefilm anni ’90, Buffy the vampire slayer di Joss Whedon.
Viene da dire tremate, tremate le streghe sono tornate ma questa volta sono più combattive che mai.

 

Se ti è piaciuto leggi anche:
L’ora delle streghe – Anne Rice
Le streghe – Roald Dahl

Guarda anche:
Sabrina vita da strega
Buffy, the vampire slayer

sabrina

Ideatore: Roberto Aguirre-Sacasa
Musiche: Adam Taylor
Episodi: 10
Cast: Richard Coyle, Lucy Davis, Tati Gabrielle, Michelle Gomez, Ross Lynch, Miranda Otto, Chance Perdomo, Bronson Pinchot, Kiernan Shipka, Jaz Sinclair, Lachlan Watson, Abigail F. Cowen, Adeline Rudolph, Darren Mann, Christopher Rosamond

V.M. 14 anni

Leggi tutto ►

Manuela Salvi

E sarà bello morire insieme

Mondadori, 2010
avatar

Postato da
il

Oggi sono diventata maggiorenne. Pensando che sto diventando grande mi prende il panico. E’ come se all’improvviso mi rendessi conto di avere davanti un corridoio infinito, pieno di porte. Dietro ognuna di esse c’è una possibilità, ma anche il rischio di errore.

 

Bianca, diciotto anni, si trasferisce da Milano a Palermo con il padre – giudice – all’indomani di un avvenimento tragico che ha messo in crisi la famiglia ed inizia a frequentare il liceo artistico.

Qui incontra Manuel, orfano di padre mafioso, inserito appieno nelle logiche di violenza e potere della cosca cui appartiene. O forse semplicemente ingabbiato in un destino che non condivide fino in fondo, ma dal quale sente di non potersi svincolare.
Dovrebbero avere più elementi di differenza, rispetto a cose in comune. In realtà tra loro si crea fin da subito un’affinità speciale, che sfocia ben presto in attrazione ed innamoramento.

La storia d’amore però non potrà prescindere dal corso della giustizia e ben presto i due si troveranno coinvolti in fronti contrapposti ed in pericolo. Ciascuno di loro dovrà scegliere da che parte stare.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche
Ciò che inferno non è – Alessandro D’Avenia
Per questo mi chiamo Giovanni – Luigi Garlando

… vedi anche
La mafia uccide solo d’estate – Pif
I cento passi – Marco Tullio Giordana

e ascolta anche
Pensa – Fabrizio Moro
The dark side of the moon – Pink Floyd

Leggi tutto ►

Vera Brosgol

Anya e il suo fantasma

Bao Publishing, 2013, 223 pp.
avatar

Postato da
il

voler essere come tutti, desiderare ciò che hanno…la vita degli altri sembra sempre così semplice…ma questo è ciò che credi tu! Non puoi sapere quello che succede nella testa degli altri!

Quando uno sconosciuto le chiede quale sia il suo cognome, Anya Borzakovskaya preferisce dire qualcosa come “Brown”. Non è stato facile per lei superare le distanze imposte dalle sue origini russe con i coetanei americani, ma ormai ci è riuscita e somiglia alla più classica delle liceali, senza nemmeno un briciolo di accento buffo. Pur con tutti i problemi del caso: la famiglia, lo studio, la paura di finire grassa come sua madre, gli amici/nemici, le ragazze più carine di lei, i ragazzi che non vogliono saperne di notarla. Eccetera.
Un giorno, durante una passeggiata per smaltire l’ennesima serie di disavventure, Anya inciampa e cade in un pozzo in cui trova uno scheletro e il piccolo fantasma di Emily, morta novant’anni prima. Da qui prende le mosse una storia che parrebbe semplicemente un’amicizia insolita e riserva invece sviluppi inquietanti quanto le tonalità violacee della tavolozza di colori usata dall’autrice.
Vera Brosgol, qui all’esordio, riesce a offrire realismo a un “racconto di formazione con fantasma” e diverte e commuove con una galleria di personaggi dalla grande espressività, tratteggiata con splendida semplicità: basti pensare alla goffaggine di Anya quando s’imbatte per la prima volta in Sean (che non salutava lei, ma la fidanzata ovviamente bionda e bellissima); alle sue memorabili smorfie di fastidio e affetto nei rari contatti con Dima, che, a differenza sua, è ancora vittima della crudeltà riservata ai diversi; alle microvariazioni che rendono il fantasma di Emily di volta in volta dolce, amichevole e terrificante.
Anya E Il Suo Fantasma è insomma un piccolo gioiello da custodire con cura, che con un paio di occhi sgranati e una scrollata di spalle racconta l’adolescenza meglio di tante parole.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche
Persepolis – Marjane Satrapi
American Born Chinese – Gene Luen Yang

…e ascolta anche…
Friendly Ghost – Eels
New Slang – The Shins

Leggi tutto ►

Simone Marcuzzi

Vorrei star fermo mentre il mondo va

Mondadori, 2010, 283 pp
avatar

Postato da
il

Articolo di Silvia Franchini

Perchè non è possibile liberarsi da un mondo prima di averci fatto i conti. Non è possibile vivere perennemente in una fuga immobile.

Rodolfo, Mattia e Valentina sono tre ragazzi di provincia, hanno diciotto anni e frequentano l’ultimo anno di liceo. Rodolfo e Mattia sono amici “perché essendosi trovati in trappola in un mondo dove essere amici era l’unica speranza, loro hanno finito col diventarlo davvero”. Mattia e Valentina invece si sono messi insieme in seconda liceo, a scuola, durante un’occupazione, ma si conoscono da sempre.
Tutti e tre sembrano vivere solo il presente, sembrano non avere progetti per il proprio futuro, ma non vivono con la spensieratezza e la leggerezza che si attribuiscono all’adolescenza. In quell’apparente fermo temporale in cui si muovono, infatti, ci sta molta più vita di quanto si pensi, una vita non sempre semplice e con la quale sono chiamati a fare i conti.
C’è la prima vacanza al mare, il papà forte come Maciste, complice e compagno di giochi, c’è la felicità del tempo infinito passato a scavare buche. Ci sono i primi mondiali di calcio e la sensazione di vivere un momento importante, ci sono quelli successivi, visti in compagnia degli amici perché il papà se ne è andato lasciando la mamma triste e senza parole per spiegarlo. C’è l’amore con una ragazza più grande. C’è l’amicizia ruvida e complice tra maschi. C’è un grande amore, minacciato dai demoni della gelosia, a cui non si vuole rinunciare e per il quale si rischia tutto.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche
Diritto di volare- Sofia Gallo

…e ascolta
Charlie fa surf – Baustelle
Puoi dirlo a tutti – Tre Allegri Ragazzi Morti
Notte – Marlene Kuntz

Leggi tutto ►

Carla Cucchiarelli

Ho ucciso Bambi

0111Edizioni, 2012, 154 pp.
avatar

Postato da
il

Voglio sparare a tutti quelli che mi hanno fatto del male. Però adesso che sono qui, in questo letto, sola, non saprei più dire davvero perchè Alessandro mi ha fatto del male. Oddio, forse sono io che ho le idee confuse. E non ho più amici. Voglio dire non ho più amici vivi.

“Ho ucciso Bambi” racconta, sotto forma di diario, la storia di due ragazze di un liceo romano, Silvia e Debora, che decidono di compiere una strage a scuola.  Ne programmano ogni dettaglio nel corso di lunghi pomeriggi a casa, devastate da droga e alcol, totalmente abbandonate a se stesse da famiglie inesistenti. La strage viene compiuta, quattro compagni di classe ed una prof vengono uccisi. Una delle ragazze, Silvia, sopravvive alla sparatoria con la polizia, finisce in stato di coma irreversibile,  e proprio in questa angosciante condizione  rivede la propria vita e si racconta. La storia e’ inventata, ma appare  quasi reale grazie alla grande  capacita’ dell’autrice di delineare psicologicamente la personalita’ delle ragazze e dei compagni di classe e di riportare eventi e riflessioni in modo crudo e del tutto verosimile. E’ una storia di bullismo, di adulti assenti ed incapaci di cogliere segnali e richieste di aiuto: e’ un libro sulla “banalita’” del male. Soprattutto e’ un libro molto equilibrato, che indaga sulle dinamiche dei gesti estremi, senza tuttavia mai giungere a giustificarli.

Ti e’ piaciuto questo libro? Allora leggi anche Kill all enemies – Melvine Burgess

… vedi anche
Bowling a Columbine – Michel Moore
Elephant – Gus Van Sant

ed ascolta anche
La cura – Franco Battiato
Hai un momento Dio? – Luciano Ligabue
Who killed Bambi? – Sex Pistols
Fata Morgana – Litfiba

Leggi tutto ►

Brock Cole

Una ragazza in gamba

E. Elle, 1996, 216 pp.
avatar

Postato da
il

Tutto sta nell’avere fiducia, nel credere che quelle braccia non le tradiranno. In questo consiste la prova della loro fede…Vedo Catherine, mio padre e me seduti accanto al fuoco con gli abiti buoni. Perchè io non ho un briciolo di fede? Forse sono atea. O forse ormai è troppo tardi.

 
Celine, sedici anni: genitori separati, una passione sfrenata per le creazioni artistiche, un bambino invadente, un uomo troppo grande per poter innamorarsi…Tutto questo ruota attorno alla vita di questa ragazza perennemente in conflitto con se stesssa, incapace forse di prendere decisioni definitive e, allo stesso tempo, in grado di infondere fiducia e affetto a Jake, bambino che sta vivendo la difficle separazione tra i suoi genitori. Ma nel momento di maggiore difficoltà Celine scoprirà di potere farcela da sola.
 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche Voglia di volare – Robert Swindeless
 
ascolta anche Mai come ieri – Mario Venuti e Carmen Consoli

Leggi tutto ►

Laurie Halse Anderson

Speak

Giunti, 2010, 192 pp.
avatar

Postato da
il

E’ successo. Non c’è modo di evitarlo o di dimenticarlo. Di scappare, di volare, di seppellirla, di nasconderla. Ad agosto Andy Evans mi ha violentata mentre ero ubriaca e troppo giovane per capire cosa stesse succedendo. Non è stata colpa mia… E non lascerò che questo mi uccida. Posso crescere.

 

Il segreto di Melinda, tredici anni, un segreto che la fa smettere di parlare: un modo forse più facile per non spiegare, non dire perché quella sera ha rovinato tutto. Così anche la sua migliore amica smette di parlare con lei, tutti la evitano, gli insegnanti sembrano non capire il suo rifiuto, la madre pensa sia solo uno fase dell’adolescenza. Solo quando qualcuno smette di chiedersi il perché e prova semplicemente a scavare per ritrovare Melinda, qualcosa si muove. E allora Melinda rompe il suo silenzio e decide di parlare.

Ti è piaciuto questo libro? Allora guarda il trailer del film
Speak – Trailer

…e ascolta anche
Mary – Gemelli DiVersi

Leggi tutto ►