Archivio tag: marco risi

23 maggio 1992- 23 maggio 2017

avatar

Postato da
il

Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.

Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola.

(Giovanni Falcone)

Il 23 maggio 1992, Giovanni Falcone viene assassinato dalla mafia mentre percorre un tratto dell’autostrada A29, nei pressi dell’uscita di Capaci. Nell’esplosione che lo uccide, perdono la vita anche sua moglie, Francesca Morvillo, e tre degli agenti della sua scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

La strage di Capaci ha segnato così profondamente la nostra storia recente che, anche chi non ha un ricordo in prima persona di quel giorno, sa cosa è avvenuto.

Per commemorare questo drammatico evento, nel suo venticinquesimo anniversario, abbiamo raccolto una serie di titoli (film e libri) che raccontano cos’è la mafia.

FILM:
Fortapasc- Marco Risi
In guerra per amore- Pif
Noi e la Giulia- Edoardo Leo
La mafia uccide solo d’estate- Pif
I cento passi- Marco Tullio Giordana
Il sud è niente- Fabio Mollo

LIBRI:
E sarà bello morire insieme- Manuela Salvi
Ciò che inferno non è- Alessandro D’Avenia

Leggi tutto ►

Marco Risi

Fortapasc

Italia, 2009
avatar

Postato da
il

Quella pioggia poteva fare pulizia, ma anche la pioggia a Torre Annunziata diventava subito fango.

 

La quotidianità dell’orrore, il trionfo dell’ostentazione, la sciagurata lotta per il potere, i patti scellerati tra camorra e politica. E, sopra tutto, la solitudine di chi non ci sta.

1985. Giancarlo Siani lavora alla redazione di Torre Annunziata del “Mattino” di Napoli. E’ un lavoro che Siani ama e cerca di svolgere nel migliore dei modi: con curiosità, intelligenza, ponendosi domande. E ponendo domande scomode a persone pericolose.
Indaga sugli affari della camorra, dà nomi e cognomi ai boss locali, cerca spiegazioni alle stragi tra famiglie rivali e le rende pubbliche nei suoi articoli.
Il suo appare fin da subito un destino segnato. Muore a 26 anni in un agguato camorristico sotto casa.

Ciò che colpisce di più nella resa di questo film è proprio l’ordinaria atrocità che fa da sfondo agli eventi: strade e vicoli che si trasformano in luoghi di carneficina, sontuosi ricevimenti in cui si svolgono summit camorristici e si decidono omicidi.
L’arroganza dei potenti e la loro ostentazione di ricchezza diventano agli occhi di chi non ci sta emblemi della più becera, crudele, micidiale, miseria umana.

Ti è piaciuto questo film? Allora vedi anche
E io ti seguo – Maurizio Fiume
Gomorra – Matteo Garrone
I cento passi – Marco Tullio Giordana
La mafia uccide solo d’estate – Pif

e leggi anche
L’abusivo – Antonio Franchini
Gomorra – Roberto Saviano
Ciò che inferno non è – Alessandro D’Avenia

fortapasc

Regia: Marco Risi
Sceneggiatura: Jim Carrington, Andrea Purgatori
Fotografia: Marco Onorato
Montaggio: Clelio Benevento

Personaggi ed interpreti:
Giancarlo Siani: Libero De Rienzo
Valentino Gionta – Massimiliano Gallo
Rico – Michele Riondino
Sindaco Cassano – Ennio Fantastichini

Leggi tutto ►