Archivio tag: Matrix

Lana Wachowski, Andy Wachowski, Tom Tykwer

Cloud Atlas

Stati Uniti, Germania, Hong Kong, Singapore, 2012
avatar

Postato da
il

“La nostra vita non ci appartiene. Da grembo a tomba siamo legati ad altri. Passati e presenti. E da ogni crimine, da ogni gentilezza, generiamo il nostro futuro!”

Cloud Atlas si presenta come un mazzo di carte nelle mani di un sapiente e vecchissimo sciamano intento a narrare storie fantasmagoriche sugli antenati della sua tribù. Nelle ere più diverse, nei sentimenti culturali più differenti i personaggi si calano come carte grazie ad un intreccio complesso attraversato dalle leggi del Karma.  Abbiamo un  avvocato americano che si adopera contro la schiavitù, negli anni ’30 un giovane compositore bisessuale viene incastrato da un grandissimo autore presso il quale lavora, a San Francisco negli anni ’70 una giornalista cerca di svelare un complotto per la realizzazione di un reattore nucleare. Ai giorni nostri in Inghilterra un anziano editore viene raggirato e internato in una casa di cura da cui cercherà di fuggire. Nella Seul del 2144 un clone si unisce ai ribelli che vogliono rovesciare il sistema imperiale. Nel 2321 in una Terra ridotta all’età della pietra per cause ignote un uomo entra in contatto con i pochi membri di una civiltà tecnologicamente avanzata e si ribellerà alla tribù dominante.

L’ambizioso progetto dei fratelli Wachowsky (creatori e ideatori della trilogia di Matrix) è probabilmente anche il film indipendente più costoso di sempre. Cloud Atlas adatta il romanzo omonimo di David Mitchell creando una narrazione sospesa che incroci le sei storie legate da un filo immaginario e spirituale che riguarda i temi della reincarnazione, del transfer spirituale e di come un’azione rivoluzionaria sia un germe che si muove nel tempo generandone altre. Unito ad un cast eccezionale riconoscibile in tutti i frammenti narrativi genera la continuità necessaria a produrre qualcosa di estremamente innovativo. L’idea è di riuscire tramite il montaggio a creare il legame tra diverse epoche, diverse persone o diverse azioni. In definitiva Cloud Atlas è una sorta di storia della vita, dell’evoluzione della persona contro ogni forma di oppressione (razzismo,omofobia,tirannia), una antologia di situazioni costanti legate all’evoluzione umana che creano un indissolubile legame tra passato, presente e futuro che è poi il vero cuore del film.

Se ti è piaciuto leggi anche il libro da cui è tratto il film

Mitchell David - L’atlante delle nuvole
Michell David – Le ore invisibili
Dave Eggers – Il cerchio

E guarda anche

La trilogia di Matrix 

cloud atlas

Regia: Tom TykwerAndy WachowskiLana Wachowski
Cast: Tom HanksHalle Berry, Jim BroadbentHugo WeavingJim Sturgess. Bae Doo-na, Ben WhishawJames D’ArcyZhou Xun,Keith David, Susan SarandonHugh Grant
Soggetto: David Mitchell
Sceneggiatura: Andy Wachowski, Lana Wachowski
Fotografia: John Toll, Frank Griebe
Montaggio:  Alexander Berner
Effetti speciali: Uli Nefzer
Musiche: Johnny Klimek, Reinhold Heil, Tom Tykwer

 

Ricorda che la copia del film è disponibile al prestito sul nostro Opac. Corri a prenotarla.

Leggi tutto ►

Bong Joon-ho

Snowpiercer

Corea del Sud, 2013
avatar

Postato da
il

io appartengo alla testa, voi appartenete alla coda

In un futuro prossimo, gli scienziati hanno elaborato un composto refrigerante che, disperso nell’atmosfera, dovrebbe risolvere il problema del riscaldamento globale. Alla prova dei fatti, la speranza si è istantaneamente mutata in tragedia: la sostanza ha precipitato la Terra in una nuova glaciazione, estinguendo ogni forma di vita, con l’eccezione di un gruppo di poche migliaia di uomini, asserragliati in un gigantesco treno che corre su rotaie che percorrono l’intero pianeta. Qui, la popolazione è stata distribuita a seconda della classe sociale, in una drammatica proiezione della vita precedente: i ricchi e potenti comodamente insediati nelle carrozze di testa, i poveri e diseredati ammassati in spazi ridottissimi al fondo del treno, in condizioni estreme. Proprio da qui, dopo diciassette anni di stenti e molti tentativi falliti, partirà una rivolta capeggiata dal valoroso Curtis e dal vecchio mastermind Gilliam, con l’aiuto di Namgoong Minsoo, progettista del sistema di sicurezza che, con la figlia, si offrirà di aiutarli a varcare le porte in cambio di una potentissima droga.
Snowpiercer è un viaggio di oltre due ore, che, carrozza dopo carrozza, da un fondo nero come la notte conduce in un mondo sempre più ricco e sfavillante e, paradossalmente, sprofondato in una follia stordita, in cui i nostri si faranno strada attraverso scontri sempre più cruenti, fino a giungere alla mitizzata locomotiva di Wilson, creatore di treno e ferrovia. Ma il film è, soprattutto, un piccolo capolavoro di fantascienza post-apocalittica, basato su una vecchia serie a fumetti francese (Le Transperceneige), sorprendente nei twist della sceneggiatura, impeccabile nella recitazione e capace di regalare una regia da applausi: basti pensare al sanguinoso scontro al rallentatore nel buio di una galleria, in cui l’orrore s’intuisce appena e proprio per questo finisce per impressionare ancor di più. Come, del resto, l’idea di un’umanità prigioniera del ventre di una bestia metallica lanciata in una corsa insensata e apparentemente inarrestabile.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Elysium – Neill Blomkamp
Blade Runner – Ridley Scott
The Road – John Hillcoat
Matrix – Andy Wachowsky, Lana Wachowsky
Brazil – Terry Gilliam

…e leggi anche
Beauty – Scott Westerfeld
L’eternauta – Héctor Oesterheld
Io sono leggenda – Richard Matheson

snowpiercer

Regia: Bong Joon-ho
Soggetto: Jacques Lob, Benjamin Legrand
Sceneggiatura: Bong Joon-ho, Kelly Masterson
Fotografia: Hong Kyung-pyo
Montaggio: Steve M.Choe
Effetti speciali: Pavel Sagner
Musiche: Marco Beltrami
Scenografia: Ondrej Nekvasil
Durata 125′

Chris Evans: Curtis
Jamie Bell: Edgar
John Hurt: Gilliam
Tilda Swinton: Mason
Octavia Spencer: Tanya
Song Kang-ho: Namgoong Minsu
Ed Harris: Wilford
Ko Ah-sung: Yona
Ewen Bremner: Andrew
Alison Pill: insegnante

Leggi tutto ►

Peter Weir

The Truman Show

USA, 1998
avatar

Postato da
il

È tutto reale, è tutto vero. Non c’è niente di inventato, niente di quello che vedi nello show è finto. E’ semplicemente controllato.

 

Difficile guardarsi intorno con gli occhi di prima dopo aver visto questo bellissimo film, che parla di finzione, di inganno, di messinscena!
Truman, trentenne assicuratore, conduce una vita tranquilla e piena di certezze in una ridente cittadina americana: ha amici che lo comprendono, una moglie che lo ama, un lavoro sicuro.
Tutto fila liscio fino a quando il verificarsi di una serie di piccole anomalie lo insospettisce, instillandogli il dubbio che questo quadretto idilliaco non sia poi così naturale e spontaneo.
A poco a poco gli si svela la tragica verità.
Fin dalla nascita, infatti, Truman è a propria insaputa protagonista di un reality televisivo in onda quotidianamente. Ogni minimo aspetto della sua vita è programmato a tavolino, ripreso 24 ore al giorno da oltre 5000 telecamere e dato in pasto alla morbosità del pubblico.
Lui è l’unico personaggio vero in un mondo artificiale popolato di comparse, attori, scenografie.
La ribellione di Truman a tutto questo, il suo struggente desiderio di libertà, la sua lacerante rabbia interiore sono resi in modo assolutamente perfetto nell’ultima scena del film, che di sicuro non dimenticherete!

Ti è piaciuto questo film? Allora vedi anche
Matrix – Lana e Andy Wachowski
Pleasantville -Gary Ross

leggi anche
1984 – George Orwell
Fahrenheit 451 – Ray Bradbury (intervista)
V per vendetta – Alan Moore/David Lloyd

e ascolta anche
Truman sleeps – Philip Glass (colonna sonora)
(Sexcrime) 1984 – Eurythmics

locandina truman show

Regia: Peter Weir
Sceneggiatura: Andrew Niccol
Fotografia: Peter Biziou
Musiche: Philip Glass, Burkhard von Dallwitz
Durata: 102′

Interpreti e personaggi principali:
Jim Carrey: Truman Burbank
Laura Linney: Meryk Burbank
Noah Emmerich: Marlon
Ed Harris: Christof

Leggi tutto ►

Mamoru Hosoda

Summer Wars

Giappone, 2009
avatar

Postato da
il

Non immaginavo che le azioni compiute a Oz potessero avere ripercussioni sulla vita reale delle persone. E’ pericoloso. Non mi stupirebbe se in futuro quello che è successo ieri e oggi si ripetesse anche altrove. E io credo che sia un nostro dovere provare a fermarlo.

 
Kenji accetta di trascorrere un fine settimana fingendo di essere il fidanzato di Natsuki, durante una riunione della famiglia della ragazza. I Sakae sono un antico e potente casato guerriero e si ritrovano per festeggiare il compleanno della nonna novantenne. Kenji e Natsuki vivono in una società dominata dalla realtà virtuale OZ che governa per intero servizi, comunità e vita privata dell’intera popolazione mondiale. Quando l’intelligenza artificiale Love Machine attacca il sistema, le conseguenze sono disastrose anche nel mondo reale e portano alla morte della nonna. La famiglia Sakae riscopre il suo antico spirito combattente e decide di vendicarsi, sfuttando tutti i mezzi a propria disposizione pur di riportare OZ alla normalità.

 
Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…
Tron Legacy- Joseph Kosinski
Matrix- Andy e Lana Wachowski
Wargames- John Badham

 
Summer Wars- Mamoru Hosoda

 
Regia: Mamoru Hosoda
Sceneggiatura: Mamoru Hosoda- Satoko Okudera
Musiche: Akihiko Matsumoto
Durata: 114′

Leggi tutto ►

Veronica Rossi

Never sky

Sonzogno, 2012, 350 p.
avatar

Postato da
il

Magia. Questa era la parola che venne in mente ad Aria. Una parola antica, propria di un tempo in cui le illusioni ingannavano la gente. Si avvicinò, attratta dalle sfumature d’oro e d’ambra delle fiamme. Dal costante mutamento della loro forma. Il fumo era l’odore più intenso che avesse mai sentito. Le faceva tirare la pelle sulle braccia. Notò come le foglie bruciando si arricciassero e si annerissero, per poi dissolversi. Era qualcosa di sbagliato.

 
Aria è sempre vissuta in una biosfera con, come unica distrazione, dei reami virtuali nei quali tutto sembra quasi (ma non del tutto) reale. Nel suo mondo anche la semplice esperienza di vedere per la prima volta un vero fuoco può essere tanto sconvolgente da portare alla follia. Ed è proprio quello che accade ad un gruppo di suoi coetanei. Ingiustamente incolpata di avere istigato gli altri ragazzi ed aver causato la morte dell’amica Paisley, Aria viene abbandonata nel mondo esterno alla biosfera, un luogo in cui è possibile morire in mille modi diversi o trasformarsi in uno di quei selvaggi di cui ha spesso sentito parlare. L’unica via di fuga sembra essere quella di ritrovare sua madre, trasferitasi in un’altra biosfera per portare a termine degli studi scientifici. Veronica Rossi è una promettente autrice che, con questa sua prima opera, dimostra di poter stare al passo con altri più noti scrittori fantasy come la Suzanne Collins di Hunger games.
 
Guarda il booktrailer.
 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Hunger games- Suzanne Collins
Beauty- Scott Westerfeld
 
…guarda anche
Matrix- Andy e Lana Wachowski
 
…e ascolta anche
Computer god- Black Sabbath

Leggi tutto ►

Steven Lisberger- Joseph Kosinski

Tron- Tron Legacy

USA, 1982- USA, 2010
avatar

Postato da
il

  Il caos è un’ottima cosa

 

Il creatore di videogiochi Kevin Flynn, grazie ad un laser sperimentale, viene trasportato in un mondo virtuale popolato da programmi antropomorfi, governati da un potente computer che ha sviluppato coscienza umana anche nel mondo reale. Trent’anni dopo, il figlio di Flynn si ritrova nello stesso mondo nel tentativo di cercare e liberare il padre scomparso.  Tron era stato un film geniale per la sua epoca e aveva creato le basi per quel modo di pensare la realtà virtuale che avrebbe poi dato vita ad altri film cult come Wargames e Matrix. Tron Legacy riesce a stupire tanto lo spettatore neofita quanto chi ha amato il primo film per l’uso intelligente del 3D nelle sole scene all’interno della realtà virtuale, rispecchiando l’effetto che nel 1982 era stato creato con luci e colori virati al grigio. Due grandi film su ciò che potrebbe accadere ad una tecnologia ormai divenuta un Frankenstein del tutto privo di controllo.

Ti sono piaciuti questi film? Allora guarda anche…
EXsistenz- David Cronenberg

e leggi anche…
Ma gli androidi sognano pecore elettriche?- Philip K. Dick

Tron Legacy

Tron
Regia: Steven Lisberger
Sceneggiatura: Steven Lisberger
Interpreti e personaggi:
Jeff Bridges: Kevin Flynn/ Clu
Bruce Boxleitner : Alan Bradley / Tron
Durata: 96’

Tron Legacy
Regia: Joseph Kosinski
Sceneggiatura: Adam Horowitz , Richard Jefferies e Edward Kitsis
Interpreti e personaggi:
Jeff Bridges : Kevin Flynn/ Clu
Garrett Hedlund : Sam Flynn
Olivia Wilde : Quorra

Leggi tutto ►