Archivio tag: melania mazzucco

Silvana La Spina

L’uomo che veniva da Messina

Giunti 2015, 348 p.
avatar

Postato da
il

La pittura è stata tutto per me, come cancellarla dalla mia mente? La mia pittura forse non se ne andrà nemmeno con la mia morte, perché c’è anche una pittura che non muore.

Messina, febbraio 1479. Un uomo sta morendo: è Antonello, il geniale pittore siciliano che ha trovato la fama lontano dalla sua terra. Mentre il prete impartisce l’estrema unzione, Antonello rivede la propria vita come se la stesse raccontando a Colantonio, il maestro ammirato e mai dimenticato. Dall’infanzia nel quartiere addossato al porto di Messina alla formazione presso Colantonio nella Napoli sfarzosa e miserabile della corte aragonese, passando per Roma, Mantova e Bruges, dove Antonello cercherà il segreto della pittura a olio custodito da Jan Van Eyck, fino alla Venezia dei Bellini e della peste, il romanzo ci accompagna in uno dei periodi più luminosi della civiltà europea, quel Rinascimento che ha donato all’umanità opere gigantesche. Con notevole sapienza Silvana La Spina descrive paesaggi urbani, odori, suoni, figure pittoresche, gente comune, oltre ai grandi della pittura. Petrus Christus, Pisanello, Mantegna, Piero della Francesca, i Bellini prendono vita nella narrazione. E su tutti si staglia il protagonista: uomo ambizioso, sensibile ai piaceri dei sensi, votato alla pittura più che agli affetti familiari, ci porta alla conoscenza della sua arte ma anche del suo animo, in una vicenda che cattura fin dalla prima pagina.

Ti è piaciuto? Allora leggi anche…
La lunga attesa dell’angelo – Melania Mazzucco
Artemisia – Alexandra Lapierre

…e guarda anche
I colori della passione – Lech Majewski 
Artemisia. Passione estrema – Agnès Merlet

…e ascolta anche
Musica medievale siciliana – Montedoro

Leggi tutto ►

Antonio Ferrara

Mia

Settenove 2015, 114 p.
avatar

Postato da
il

Avevo lei, e invece d’esser felice tremavo per la paura di restare solo. Mi guardavo sempre intorno, in ogni momento, e li vedevo che la guardavano, gli altri, li vedevo, ma mi dicevo che loro potevano solo guardare, perché lei era mia.

A quindici anni Cesare ha sgozzato Stella, la sua ragazza. Il protagonista ci racconta l’evoluzione di questo amore adolescenziale, descrivendone i momenti esaltanti e le emozioni, man mano oscurati dalla gelosia, dal morboso senso del possesso e dalla voglia di tenere continuamente sotto controllo Stella, vista non come una persona indipendente ma come una proprietà di Cesare. La storia si dipana secondo un copione che leggiamo ogni giorno sui giornali: la ribellione della ragazza, i tentativi di proteggerla da parte di amici e familiari, le fughe e i ritorni della vittima al suo futuro carnefice. Stella si intenerisce per gli apparenti ravvedimenti di Cesare, pensa di poterlo cambiare, ma la fine è tristemente nota. Con parole asciutte e senza fronzoli, la vicenda ci spinge a riflettere su quanto sia diffusa la “diseducazione sentimentale”: ancora oggi, persino fra i giovanissimi, non si è metabolizzato il concetto di rispetto dell’altro e il principio che non può esistere una relazione sana se non si lascia libera la persona che ha scelto di stare con noi, perché l’amore non si ottiene con la violenza e la paura.
Il libro nasce da un’esperienza di lavoro con studenti di istituti di vario ordine e grado di alcune città italiane. Antonio Ferrara, scrittore, illustratore e formatore, attraverso questi laboratori cerca di aiutare i ragazzi a riconoscere e a gestire le proprie emozioni.

Ti è piaciuto?
Allora leggi anche…
Un giorno perfetto – Melania Mazzucco
Rose Madder – Stephen King

… e guarda anche
A letto con il nemico – Joseph Ruben

Leggi tutto ►