Archivio tag: oriente

James Mangold

Wolverine, L’immortale

Usa, 2013
avatar

Postato da
il

 L’eternità può essere una maledizione. Le perdite che hai subito. Un uomo può non avere più nulla per cui vivere, non avere più uno scopo

Dopo essere stato costretto ad uccidere la donna di cui era innamorato Logan, distrutto dal dolore e dal rimorso, si rintana sui monti finché una strana ragazza giapponese di nome Yukio, una mutante col potere di predire il futuro, lo scova per portargli un messaggio urgente: il ricco giapponese Yashida sta morendo e prima di esalare l’ultimo respiro vorrebbe ringraziare Logan per avergli salvato la vita durante la guerra, quando fu lanciata la bomba atomica di Nagasaki. Una volta giunto al suo capezzale a Tokyo però il vecchio fa a Logan una proposta sconcertante: scambiare la sua immortalità in cambio di una vita normale, in cui l’X-Man non sia continuamente flagellato dal dolore di dire addio alle persone che ama. Qui Logan conisce anche Mariko, la nipote di Yashida, e Viper, la sua dottoressa. Il giorno dopo Yashida muore e durante il funerale, nel tentativo di salvare Mariko da un rapimento orchestrato dalla Yakuza, Logan scopre di aver perso il suo potere di autoguarigione. Decide quindi di scappare con Mariko, ma riuscirà a proteggerla senza il suo superpotere? E per quale motivo non riesce più a rigenerarsi velocemente come prima?

Se il primo spin-off degli X-Men dedicato al personaggio di Wolverine si era concentrato maggiormente sui motivi che hanno portato alla creazione della sua straordinaria conformazione ossea di adamantio, questo secondo film si rivolge al potere originale del suo gene mutante che consente a Logan di auto rigenerarsi, rimarginare velocemente le ferite e di non invecchiare.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche:
Brett Ratner, X-Men – Conflitto finale
Gavin Hood, X-Men le origini – Wolverine

… e leggi anche :
Paul Jenkins, Bill Jemas, Wolverine. Origini
Sally Green, Half Bad

 

locandinapg4

Titolo originale: The Wolverine
Lingua originale: Inglese
Paese di produzione: Stati Uniti, Giappone, Australia
Anno: 2013
Durata: 126 min- 138 min (versione estesa)
Genere: Supereroi, azione, avventura, fantasy
Regia: James Mangold
Soggetto: Chris Claremont, Frank Miller
Sceneggiatura: Christopher McQuarrie, Mark Bomback, Scott Frank
Produttore: Lauren Shuler Donner, Hugh Jackman, Hutch Parker, John Palermo
Casa di produzione: 20th Century Fox
Distribuzione (Italia): 20th Century Fox
Fotografia: Amir Mokri
Musiche: Marco Beltrami

Interpreti e personaggi:
Hugh Jackman: Logan/Wolverine
Rila Fukushima: Yukio
Tao Okamoto: Mariko Yashida
Will Yun Lee: Kenuichio Harada
Svetlana Khodchenkova: Viper/Madame Hydra
Hiroyuki Sanada: Shingen Yashida
Haruhiko Yamanouchi: Ichirō Yashida/Silver Samurai
Brian Tee: Noburo Mori
Famke Janssen: Jean Grey
Ian McKellen: Erik Lehnsherr/Magneto
Patrick Stewart: Charles Xavier/Professor X
Lynn Collins: Kayla Silver Fox

Leggi tutto ►

Banana Yoshimoto

Andromeda Heights

I Narratori Feltrinelli, 2014, 122 pagine
avatar

Postato da
il

Fino a pochissimo tempo fa non facevo che rimpiangere le cose perdute, mentre ora maturava dentro di me la consapevolezza di non aver perduto niente. È sufficiente possedere un corpo, un cuore e un’anima e non difetteremo di nulla.

Shizukuishi ha passato tutta la sua infanzia con sua nonna in montagna immersa nella natura. Però l’industrializzazione  ha contaminato così tanto i boschi e le montagne che la nonna di Shizukuishi non può più preparare i suoi fenomenali tè curativi e decide di rifarsi una vita a Malta col suo nuovo compagno. Per Shizukuishi non resta altro da fare che trasferirsi da sola in città e mettersi in gioco. L’unico lavoro che abbia mai fatto è assistente a sua nonna, per cui quando incontra il sensitivo Kaede capisce che il suo compito è affiancarlo ad aiutare chi ha bisogno delle sue straordinarie capacità. Intanto Shizukuishi continua a mantenere il contatto con la natura coltivando cactus e grazie a questa passione incontrerà un ragazzo speciale  che le farà battere il cuore.

In questo romanzo, che si potrebbe definire “di formazione”, Banana Yoshimoto affronta i temi della separazione, della solitudine e dell’assenza che sono necessari per una crescita interiore, per instaurare neove amicizie e per fare delle nuove esperienze di vita. Il tutto inserito nel quadro generale del rapporto rigenerante tra uomo e natura.

Andromeda Heighs è il primo libro dei quattro libri del ciclo Il Regno.

Se ti è piaciuto questo libro leggi anche:
Banana Yoshimoto, Il dolore, le ombre, la magia
Banana Yoshimoto, A proposito di lei
Natsume Soseki, Guanciale d’erba

E guarda anche:
Miyazaki, Princess Mononoke
Miyazaki, Il castello errante di Howl
Mamoru Hood, La ragazza che saltava nel tempo

E ascolta anche:
Ryuichi Sakamoto, Three
 

Leggi tutto ►