Archivio tag: perdono

MARC WEBB

GIFTED – IL DONO DEL TALENTO

2017, USA
avatar

Postato da
il

Ti prego non mi ci far andare, puoi continuare a farmi lezione tu.
Ti ho già insegnato tutto quello che so.
Ma io non ci voglio andare.
Ma tu ci devi andare. Fine della storia. Ne abbiamo parlato ad nauseam.
Che vuol dire ad nauseam?
Ah non lo sai? Lo vedi che hai bisogno di andare a scuola?

Mary Adler ha sei anni e vive in una piccola cittadina in Florida insieme allo zio Frank.
La madre Diane, sorella di Frank, è morta suicida pochi mesi dopo averla data alla luce mentre il padre è uscito dalla sua vita ancor prima che la piccola nascesse.
Mary è una bambina gifted, dotata cioè di prodigiose capacità cognitive che le hanno permesso di sviluppare un innato talento per i numeri e la matematica.

Le sue incredibili possibilità hanno risvegliato l’affetto della nonna materna Evelyn la quale, dopo aver negato per anni le sue attenzioni al figlio Frank e alla nipote, si ritiene l’unica persona adatta a prendersi cura della bambina e l’unica intenzionata a far fruttare il suo talento iscrivendola a corsi accademici d’eccellenza.
Le pretese della donna si scontrano però con l’esempio educativo dello zio Frank, sicuramente anticonvenzionale ma amorevole e sinceramente volto ad assicurare a Mary un’infanzia serena e spensierata.

L’aspra battaglia legale che ne segue sfocia in una riflessione sui complessi rapporti familiari e spinge lo spettatore a domandarsi quale sia il futuro migliore per Mary: continuare a permetterle di condurre una quotidianità semplice ma dignitosa in una scuola pubblica normale o inserirla in un contesto sociale più stimolante arricchito da programmi di formazione specifici che esaltino le sue potenzialità?

Ti è piaciuto questo film? allora guarda anche…
Will hunting- genio ribelle – Gus Van Sant
21 – Robert Luketic

…leggi anche…
Storie della buona notte per bambine ribelli: 100 vite di donne straordinarie – Elena Favilli, Francesca Cavallo
Storie per bambini che hanno il coraggio di essere unici: storie vere di bambini straordinari che hanno cambiato il mondo senza dover uccidere draghi – Ben Brooks
Normal kid – Greg James, Chris Smith

…ascolta anche…
Something just like this – The Chainsmokers ft Coldplay
Esseri umani – Marco Mengoni
To be human – Sia

gifted

Regia: Marc Webb
Sceneggiatura: Tom Flynn
Musiche: Rob Simonsen
Durata: 101′

Interpreti e personaggi:
Chris Evans: Frank Adler
Mckenna Grace: Mary Adler
Lindsay Duncan: Evelyn Adler
Jenny Slate: Bonnie Stevenson
Octavia Spencer: Roberta

Leggi tutto ►

Eva Mozes Kor

Ad Auschwitz ho imparato il perdono

Sperling & Kupfer, 2017, 215 p.
avatar

Postato da
il

Articolo di Paola Vailati

… ogni volta che, per un motivo o per l’altro, i fantasmi del passato riemergevano, io mi sentivo crollare.
L’odio c’era ancora. Intatto, logorante, con tutta la sua forza distruttiva,
perché la più grande vittima dell’odio è chi lo cova dentro di sé. …

Eva Mozes Kor è una bambina ungherese di dieci anni quando viene deportata ad Auschwitz con la sua famiglia. I genitori e le sorelle maggiori vengono subito condannate alle camere a gas ma non Eva e Miriam che essendo gemelle vengono tenute in vita, destinate a diventare cavie umane nel laboratorio dove Josef Mengele compie i suoi esperimenti genetici. Assistono alla morte di bambini sottoposti a crudeli operazioni e sopravvivono a iniezioni di tifo e malaria che furono per molti letali.

Quando nel 1945 vengono liberate dall’esercito sovietico, Eva e Miriam sono sole e indebolite da una salute ormai compromessa di fronte ad un’esistenza da ricostruire; vivono qualche anno con una zia e a sedici anni Eva si trasferisce prima in Israele e poi, dopo essersi sposata, negli Stati Uniti, dove fonda l’associazione CANDLES (Children of Auschwitz Nazi Deadly Lab Experiments Survivors), museo e centro educativo dell’Olocausto.

Tutto sembra riequilibrarsi nella vita di Eva quando nel 1995 un inaspettato incontro con Hans Munch, medico delle SS ad Auschwitz, fa riemergere il dolore e le sofferenze del passato.
E’ proprio cinquant’anni dopo la sua prigionia e durante il confronto con un ex nazista che Eva intravede la luce di una nuova via da percorrere: il perdono, capace di donare, prima ancora che al colpevole, la libertà alla vittima.

Eva ha lasciato Auschwitz nel febbraio del 1945 ma solo scoprendo la forza del perdono è stata davvero liberata.

Se ti è piaciuto questo libro leggi anche…
Gli anni rubati: le memorie di Settimia Spizzichino, reduce dai lager di Auschwitz e Bergen-Belsen – Settimia Spizzichino, Isa di Nepi Olper

… guarda anche…
Volevo solo vivere: gli italiani di Auschwitz ci raccontano la Shoah – Mimmo Calopresti

…ascolta anche…
May it be – Enya

Leggi tutto ►