Archivio tag: Ritorno al futuro

Brad Bird

Il Gigante di Ferro

Warner Bros, 1999
avatar

Postato da
il

Tu sei chi scegli e cerchi di essere

Il Gigante di Ferro è un film d’animazione datato (ormai) 1999 e prodotto dalla Warner Bros.

La storia è ambientata in America negli anni ’50, in piena Guerra Fredda. Hogarth Hughes è un bambino di 9 anni che, una sera in cui si trova da solo in casa, si imbatte casualmente nel Gigante di ferro: un robottone gigantesco caduto dallo spazio che, per colpa di una botta in testa, ha perso la memoria. Il governo, credendo in una possibile minaccia, sguinzaglia un paranoico e crudelissimo agente speciale governativo per dare la caccia al robottone, credendolo un’arma di distruzione dell’unione sovietica.
Una splendida amicizia nascerà però tra il Gigante e Hogarth che, insieme ad amici fidati, cercherà di depistare l’agente governativo per dare una vita dignitosa al suo metallico amico, facendogli scoprire la natura e le piccole gioie della Terra.

Un film d’animazione bellissimo che ha fatto storia, adatto a tutti, molto divertente e parecchio toccante sul finale. Impossibile non innamorarsene.

gigante-di-ferro

Se ti è piaciuto guarda anche: Blade Runner – Ridley Scott.
Ritorno al Futuro – Robert Zemeckis
Plane 9 from Outer Space – Edward Wood

Leggi anche: La Guerra dei Mondi – H. G. Wells.
Cronache Marziane – Ray Bradbury.
Guida Galattica per gli Autostoppisti – Douglas Adams

Ascolta anche: Here’s Little Richard – Little Richard.
The Great Twenty-Eight – Chuck Berry
Elvis Presley – Elvis Presley

Leggi tutto ►

Phil Lord, Christopher Miller

The Lego Movie

USA, Australia 2014
avatar

Postato da
il

Sono un tipo oscuro e anche parecchio. OH… guardate… un arcobaleno!

Il film racconta la storia di Emmet, un comunissimo omino Lego che viene erroneamente identificato come un personaggio straordinario in grado di salvare il mondo da un’imminente apocalisse: dovrà quindi partire con una compagnia di sconosciuti nel tentativo di bloccare un malvagio tiranno. Viaggio per cui sarà drammaticamente e comicamente impreparato. Emmet, infatti, rispetta le regole, segue la tv e la musica che viene trasmessa, è gentile con gli altri e si reca diligentemente al lavoro esattamente come gli viene indicato nelle “istruzioni” come può improvvisare una vera e propria rivoluzione?

Il film risulta essere un tripudio di idee portate avanti con una comicità molto intelligente che non usa solo la voce ma anche il “corpo” dei personaggi. Phil Lord e Christopher Mille girano un film sul valore del caos, enfatizzando ancora di più la componente anarchica del loro pensiero grazie a un protagonista che vive una vita spensierata, senza accorgersi di essere in realtà disperato e distratto dai media di un regime autocratico capace di tarpare ogni gioia attraverso le “regole”. La vera gioia scoprirà Emmet è il coraggio di una vita creativa, senza perdere però la propria identità sempre in bilico fra il dovere e la verità. Il film non perde l’occasione per tramutarsi in un compendio di citazioni cinematografiche di grandi cult  come il Batman di Nolan, Ritorno al futuro, Star Wars, Il signore degli anelli, Harry Potter, Hunger Games che fanno da sfondo a gag spassosissime in cui i loro protagonisti principali cercheranno di fermare il malvagio e unico vero tiranno…. Lord Business!

Il film si conferma come uno dei migliori prodotti commerciali degli ultimi anni vincendo i BAFTA Awards 2015 come miglior film di animazione.

Se ti è piaciuto leggi anche:

The Lego Story -Lindholm, Mikael – Stokholm, Frank – Previ, Leonardo disponibile al prestito sul nostro Opac.

locandina lego movie

 

Regia: Phil Lord e Chris Miller
Sceneggiatura: Phil Lord e Chris Miller
Animatori: David Williams, Alfie Olivier
Fotografia: Pablo Plaisted
Montaggio: David Burrows, Chris McKay
Musiche: Mark Mothersbaugh

Leggi tutto ►