Archivio tag: Rizzoli

Jandy Nelson

Ti darò il Sole

2015, Rizzoli
avatar

Postato da
il

«Eravamo tutti in rotta di collisione l’uno verso l’altro, inevitabilmente. Ci sono persone che sono destinate a stare nella stessa storia.»

Noah e Jude, gemelli, a tredici anni sono legatissimi. A raccontarcelo è il taciturno Noah, che passa il tempo a disegnare e a sfuggire ai bulli di quartiere, mentre la sorella, moto perpetuo, si tuffa dalle scogliere e ha il sole sulle labbra. Quattro anni dopo, però, Noah e Jude non si parlano nemmeno. Il testimone del racconto passa a Jude, spettatrice dell’eclissi che ha colpito entrambi e tutta la loro famiglia. Noah accetta di mettere da parte il suo sogno per omologarsi alle aspettative collettive e Jude si trova, suo malgrado, a portare avanti i desideri della madre che però tradiscono la vera vocazione della figlia ormai rassegnata nel ruolo della “diversa” e della “pecora nera” della famiglia.

 “Ti darò il sole” è il secondo libro di Jandy Nelson – pubblicato nel 2014 in lingua originale con il titolo “I’ll give you the Sun” – arrivato in Italia grazie alla Rizzoli dopo aver vinto nel 2015 la Printz Medal – stesso premio che è stato assegnato anche a Jhon Greene con “Cercando Alaska” – e che ha fatto del romanzo della Nelson il migliore del 2015 nella categoria Young Adult.

Il libro racconta realtà molto complesse: l’omosessualità, la morte di un genitore, il bullismo, la paura, la fine di un amore, la fine delle proprie speranze e dei propri sogni. I protagonisti di questo romanzo crescono, dolorosamente, e la loro metamorfosi avviene attraverso il linguaggio. Nessuna descrizione della Nelson è fine a se stessa e il suo lessico ricercato cerca di trovare la parola esatta per un caleidoscopio di emozioni sempre in perpetuo mutamento.  Non si può che amare questi strambi ragazzi, così veri e vivi perché profondamente imperfetti, alla ricerca di accettazione e di un amore concreto (anche e soprattutto fraterno).

Se ti è piaciuto guarda anche: Jake Schreier -Città di carta 

Leggi anche: Un anno senza te – Luca Vanzella, Giopota

Ascolta anche: The National- Sleep with the beast 

Leggi tutto ►

Aidan Chambers

Ombre sulla sabbia

2016, Rizzoli, 155 p.
avatar

Postato da
il

Ho guardato il molo deserto, e il vecchio porto limaccioso bagnato dal sole, e il capanno dei soccorsi tutto arrugginito, e il deposito del nonno, troppo grande per il lavoro che c’era, e ho sentito il vuoto e la morte. Come l’uomo, e Susan e tutti gli altri giovani avevano sentito prima di me.Allora ho capito che dovevo andar via. E prima era, meglio era.

Il diciassettenne Kevin è nato e cresciuto a marle, piccola isola in cui non c’è nulla. L’unica coetanea ed amica, Susan, Decide di andare in città, a Newcastle, lasciando Kevin da solo.
Il ragazzo così ha modo di capire quanto Susan fosse importante per lui e quanto la vita a Marle gli stia stretta. Quindi, quando col passare del tempo Susan viene assorbita dalla sua nuova vita e smette poco a poco di scrivergli lettere, Kevin decide di partire. Dopo numerose liti in famiglia, grazie all’intercessione dell’amato nonno, a Kevin è permesso di trasferirsi dagli zii in città.Qui ritrova Susan e capisce che il sentimento che li lega non è solo amicizia e decide di riconquistarla, anche se lei ormai esce con un ragazzo belloccio di nome Chris.
Ma il nonno si ammala e Kevin è costretto a prendere una decisione che gli cambierà la vita.

Finalmente viene pubblicato in Italia il primo libro scritto da Aidan Chambers nel 1968, che, come l’autore stesso ci spiega in una nota, è stato pensato e scritto appositamente per i suoi studenti, perché imparassero ad amare la lettura.

Ti è piaciuto questo libro?
Allora leggi anche:
Aidan Chambers, Breaktime
Simona Binni, Silverwood lake

E ascolta anche:
Robbie Williams, Lazy days

 

 

Leggi tutto ►