Archivio tag: romantico

Clovis Cornillac

Un po’, tanto, ciecamente

Francia, 2015
avatar

Postato da
il

ci siamo divisi da separati

Una giovane e talentuosa pianista francese (Mèlanie Bernier) che si sta preparando per un’importante audizione si trasferisce nel nuovo appartamento confinante con quello di un burbero misantropo (Clovis Cornillac, regista e protagonista) inventore di puzzle e rompicapi, amante del silenzio e della solitudine. Per un difetto nella costruzione delle case, la parete divisoria è talmente sottile da far percepire ad entrambi i “vicini” ogni rumore e suono emesso dall’altro come se abitassero praticamente in un unico appartamento. Dopo i primi momenti, davvero molto divertenti, dove i due vicini di casa si disturbano a vicenda di proposito, inizieranno una relazione insolita “al buio” senza mai incontrarsi faccia a faccia ma parlandosi e conoscendosi solo attraverso questa sottile parete che li separa. In questo rapporto di coppia bizzarro si inseriscono altri due personaggi fondamentali: la sorella di lei Charlotte (Lian Fogli) e Artus (Philippe Duquesne) miglior amico di lui che cercheranno di spingere i due ad incontrasi davvero e porre fine a questa relazione fatta solo di ascolti e conversazioni a distanza ma spingerli oltre al muro. Sulle bellissime note di Chopin i due vicini litigano, fanno pace, si innamorano, provano gelosia… fino ad una serie di eventi che porterà alla “rottura” del muro.

Un po’, tanto, ciecamente è una commedia romantica diversa dal solito, che fa sorridere e riflettere sulle complicate relazioni umane, farcita da una bella dose di brillanti dialoghi che contraddistinguono le commedie francesi. Un film leggero per chi ama le piccole fiabe del quotidiano.

Ti è piaciuto questo film?
Allora vedi anche
Ange e Gabrielle – Amore a sorpresa

E ascolta anche
Chopin – Complete Nocturnes

unpotantociecamente

Titolo originale: Un peu, beaucoup, aveuglèment
Regista: Clovis Cornillac
Durata: 90′
Genere: Commedia, romantico
Attori principali: Clovis Cornillac, Mèlanie Bernier

Leggi tutto ►

Yann Samuell

Amami se hai coraggio

Francia, 2003
avatar

Postato da
il

Gli amici sono come gli occhiali, danno un’aria intelligente, ma si rigano con facilità e poi sono faticosi. Per fortuna a volte si trovano degli occhiali veramente forti. Io ho Sophie.

Amami se hai coraggio (Jeux d’Enfants) del regista francese Yann Samuell è una commedia romantica dalle tinte grottesche e surreali, uscita nelle sale nel 2003. La storia ruota intorno alla vita dei due giovani Julien (Guillaume Canet) e Sophie (Marion Cotillard) che si incontrano quando hanno otto anni durante un periodo drammatico: la mamma di Julien è gravemente malata (morirà prestissimo) e Sophie è chiamata dai compagni di scuola “sporca Polacca” per le sue origini. Un giorno, Julien decide di difendere Sophie contro i compagni di scuola e da quel momento, i due bambini iniziano un’amicizia intensa fatta di sfide da superare ogni volta che uno dei due pronuncerà la frase “giochi o non giochi?”. Il “premio” per ogni sfida superata è una scatola di latta a forma di giostra che continuerà a passare da Julien e Sophie e viceversa incessantemente. Le sfide crescono di intensità al crescere dei protagonisti: le prove infantili, lasciano presto il posto ad azioni imbarazzanti, crudeli e pericolose in un climax ascendente sempre più inquietante e distruttivo. L’epilogo non lo sveliamo, ma è davvero molto intenso, romantico e forse crudele.
Yann Samuell racconta una favola sull’amore non convenzionale: i due protagonisti si amano e sono destinati da sempre a stare insieme, ma giocare sembra più importante di tutto, anche dell’amore.

Il film si rivolge agli amanti del “Favoloso mondo di Amelie“, ma dai toni più cupi: le tinte acquerello e le sfumature da fiaba rimangono ma sono in contrasto con le personalità dei due protagonisti, ben lontani dal paese delle meraviglie di Amelie, nonostante la romantica canzone francese la Vie En Rose, di Edith Piaf, tema musicale presente per tutta la durata del film.

Se ti è piaciuto guarda anche:
Il favoloso mondo di Amelie

Leggi anche:
Gabriel Garcia Marquez – L’amore ai tempi del colera
C’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo – Efraim Medina Reyes
Un giorno – David Nicholls

Ascolta anche:
Edith Piaf – La vie en rose

amami

Genere: Commedia, Drammatico, Sentimentale
Regia: Yann Samuell
Durata: 93′
Cast: Guillaume Canet, Marion Cotillard, Thibault Verhaeghe, Josephine Lebas Joly, Emmanuelle Grönvold

Leggi tutto ►

Richard LaGravenese

Beautiful Creature – La sedicesima luna

Usa, 2013
avatar

Postato da
il

Lo stesso sogno, ogni notte, da mesi. Non riesco mai a vedere il suo viso, eppure la conosco, come se la conoscessi da sempre. E sento che accadrà qualcosa di terribile quando la raggiungerò. Allo stesso tempo, però, non ho nessuna paura. Io voglio lei, qualunque cosa succeda. Ma non la raggiungo mai e poi… muoio. All’inizio temevo che stessi perdendo la ragione e che ho capito che non sarebbe stata una gran perdita. Domani comincio il terzo anno, perciò… la pazzia è inevitabile. La cosa peggiore è svegliarsi ogni notte, desiderando qualcuna che non ho mai incontrato. Amando una ragazza che non esiste…

L’unico desiderio di Ethan Wate è andaresene il più lontano possibile da Gatlin, la cittadina bigotta e soffocante in cui è nato. La scelta del college potrebbe dargli la giusta occasione di fuga, ma non è questo il vero motivo per cui Ethan perde il sonno: ogni notte infatti sogna una ragazza sconosciuta.
Finalmente Ethan la incontrerà inspiegabilmente sui banchi di scuola, Lena Duchannes, la nipote del misterioso Macon Ravenhood, magnate della città e potente mago delle tenebre, che si è votato alla magia della luce per i bene dell’amata nipote.
I due ragazzi si innamorano, ma Lena è una ragazza piena di segreti: non solo è una potente maga, ma quando sorgerà la luna del suo sedicesimo anno Lena sarà reclamata o dalla magia della luce o da quella delle tenebre. Ma su Lena e sulle maghe della famiglia Duchannes grava anche una maledizione risalente alla Guerra Civile, quando la sua antenata, per amore, cercò di riportare in vita un mortale. L’insicurezza di Lena aumenta man mano che la data del suo compleanno si avvicina, grazie anche all’influenza di sua cugina Ridley e di sua madre Seraphine, entrambe potenti maghe delle tenebre.

La trasposizione cinematografica mantiene il clima dark  dei romanzi. I personaggi sono avvolti da misteri e insicurezze, ma trovano la forza per reagire al loro destino.

 

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Tim Burton, La sposa cadavere
Rupert Sanders, Biancaneve e il cacciatore
Robert Stromberg, Maleficient

… e leggi anche …
Holly Black, Doll bones
Licia Troisi,Pandora

… e ascolta anche …
The war on drugs, Lost in a dream
Foo Fighters, One by one One by one

beautiful-creatures-la-locandina-italiana-del-film-260285

Regia :Richard LaGravenese
Sceneggiatura :Richard LaGravenese
Fotografia: Philippe Rousselot
Musica: thenewno2
Durata: 2h e 4m

Interpreti e personaggi principali:
Lena Duchaness: Alice Englert
Ethan Wate: Alden Ehrenreich
Amma: Viola Davis
Ridley Duchaness: Emmy Rossum
Mrs. Lincoln: Emma Thompson
Macon Ravenwood: Jeremy Irons
Link: Thomas Mann
Larkin: Kyle Gallner
Zia Del: Margo Martindale
Savannah Snow: Tiffany Boone
Emily Asher: Zoey Deutch:

Leggi tutto ►

Woody Allen

Midnight In Paris

Gravier Productions, Mediapro, Televisió de Catalunya (TV3), Versátil Cinema, 2011
avatar

Postato da
il

Non scrivi mai bene se hai paura della morte. Io penso che l’amore vero, autentico, crei una tregua dalla morte… la vigliaccheria deriva dal non amare o dall’amare male e quando un uomo vero e coraggioso guarda la morte dritta in faccia come certi cacciatori di rinoceronti è perchè ama davvero con passione da fugare la morte dalla sua mente! (Ernest Hemingway)

Gil, scrittore di talento per commedie televisive americane, è a Parigi con la fidanzata ed i futuri suoceri, in viaggio per affari.  Gil e la sua promessa sposa si vogliono molto bene, pur essendo assai diversi.  Midnight In Paris è una fiaba romantica ambientata in una città dai mille volti, nella quale s’intrecciano umanità, realtà, epoche  e sogni diversi.  Incantevoli le scene notturne, in cui Gil vive una realtà fantastica e parallela, trascorrendo serate memorabili con illustri compagni di avventura come Francis Scott Fitzgerald, Salvador Dalì, Ernest Hemingway, Picasso, Henri Matisse, Thomas Eliot, Luis Buñuel.

locandina midnight
Regia: Woody Allen
Soggetto: Woody Allen
Sceneggiatura: Woody Allen
Musiche: Stephane Wrembel
Fotografia: Darius Khondji
Durata: 100′

Interpreti e personaggi
Owen Wilson: Gil
Rachel McAdams: Inez
Kurt Fuller: John
Mimi Kennedy: Helen
Michael Sheen: Paul
Nina Arianda: Carol
Léa Seydoux: Gabrielle
Marion Cotillard: Adriana

Ti è piaciuto questo film? Allora ascolta anche
An American In Paris – George Gershwin

…e leggi anche
La Straordinaria Invenzione di Hugo Cabret – Brian Selznick

Leggi tutto ►

Gus Van Sant

L’Amore Che Resta

Columbia Pictures, Imagine Entertainment, 360 Pictures, 2011
avatar

Postato da
il

E poi c’è questo uccello canoro che pensa di morire ogni volta che cala il sole. E la mattina quando si sveglia è così sconvolto di essere vivo che si mette a cantare la sua melodiosa canzone. Io canto ogni mattina da quando ti conosco…

Enoch ha perso i genitori in un incidente stradale e da molto tempo ormai frequenta i funerali di gente che non ha mai conosciuto; a fargli compagnia c’è uno strano e amichevole fantasma giapponese, Hiroshi, un kamikaze della Seconda Guerra Mondiale con cui si perde in interminabili partite a battaglia navale.
Proprio a uno di quei funerali incontra per caso Annabel, un sorriso splendente e radioso, una passione per le scienze naturali e pochi mesi da vivere ancora, per via di una terribile malattia.
Insieme impareranno ad amare e accettare la morte e, in questo modo, la fragile meraviglia della vita. Come un sogno a occhi aperti, da un regista che come pochi altri sa mettere in immagini il trauma dolce e terribile dell’adolescenza.
 
Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Belli e dannati – Gus Van Sant
 
…e ascolta anche
Elliott Smith – Say Yes
 
Locandina di L'amore che resta, film di Gus Van Sant
Regia: Gus Van Sant
Soggetto: Jason Lew
Sceneggiatura: Jason Lew
Musiche: Danny Elfman
Fotografia: Harris Savides
Durata: 95′
 
Interpreti e personaggi
Mia Wasikowska: Annabel Cotton
Henry Hopper: Enoch Brae
Schuyler Fisk: Elizabeth Cotton
Jane Adams: Mable Tell
Lusia Strus: Rachel
Chin Han: Dr.Lee
Ryo Kase: Hiroshi
Kyle Leatherberry: Elliot
Jesse Henderson: Alger Cofax
Colton Lasater: Ozzie

Leggi tutto ►