Archivio tag: School of Rock

Barry Levinson

Rock The Kasbah

USA, 2015
avatar

Postato da
il

E’ tutta la vita che cerco una voce.

Richie Lanz è un talent scout sull’orlo del fallimento. Come estremo tentativo di far conoscere la sua ultima scoperta, Ronnie, accetta di organizzare un tour destinato ai soldati americani in Afghanistan.
Arrivati a Kabul, Ronnie è talmente terrorizzata dall’idea di trovarsi in una situazione palesemente pericolosa, da fuggire con i soldi e i documenti di Richie.

Rimasto solo, senza passaporto e senza denaro, Richie decide di accettare la proposta di due trafficanti d’armi americani: consegnare un carico di munizioni in uno sperduto villaggio. Qui, scopre Salima che, dotata di una voce incantevole, sembra essere il talento destinato a dare una svolta alla sua carriera.

Salima è, però, una pashtun e non le è consentito cantare, né, tanto meno, esibirsi in pubblico. Nonostante questo, sia lei che Richie concordano sul fatto che non può restare nascosta nel deserto per sempre.

A Salima viene concesso, pur tra molte resistenze, di partecipare al talent Afghan Star. La sua esibizione non può che essere accolta con ostilità dal pubblico, che non è disposto a rischiare per dare sostegno ad una ragazza che sta infrangendo tutte le regole della sua società.

Riusciranno la magnifica voce di Salima e la passione di Richie a portarla alla finale del programma?

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…
School of Rock- Richard Linklater
I Love Radio Rock- Richard Curtis
Almost Famous (Quasi famosi)- Cameron Crowe

…leggi anche…
Alta fedeltà- Nick Hornby

… e ascolta anche…
That’s Live- Live in Cesena 2016- Rockin’ 1000
La colonna sonora del film

rock-the-kasbah

Regia: Barry Levinson
Sceneggiatura: Mitch Glazer
Musiche: Marcelo Zarvos
Durata: 100′

Interpreti e personaggi
Bill Murray: Richie Lanz
Bruce Willis: Bombay Brian
Kate Hudson: Merci
Zooey Deschanel: Ronnie
Leem Lubany: Salima

Leggi tutto ►

Motorhead

Ace of Spades

Bronze Records, 1980
avatar

Postato da
il

You know I’m born to lose
and gamblin’s for fools,
but that’s the way I like it, baby,
I don’t wanna live forever…
And don’t forget the joker!

Ci sono picche e picche.
Ad esempio, c’è il due di picche che, ahinoi, abbiamo tutti ricevuto almeno una volta.
E poi c’è l’asso di picche, Ace of Spades, album quintessenza dei Motorhead.
Classica la formazione: batteria sotto le sapienti bacchette di Phil “Philthy Animal” “Philthy Phil” Taylor, chitarra accarezzata da Edward “Fast” “Eddie” Clarke e dulcis in fundo basso e voce di Ian “Lemmy” Fraser Kilmister.
Voce che resterà scolpita nelle nostre orecchie per sempre.
Il titolo del disco è preso dalla traccia omonima: 2’e 49” di musica e parole diventati leggenda, incarnazione generazionale, splendidamente folle, di moltitudini di metallari e non.
Con altri due lavori della band inglese, Overkill e Bomber, Ace of Spades può essere considerato la base della NWOBHM con i suoi riff di chitarra impetuosi, melodie spiazzanti e travolgenti.
Lemmy, nel libro autobiografico La sottile linea bianca, dice: “Le canzoni di Ace Of Spades sono considerate dei classici dai fan dei Motörhead e, devo dire, sono davvero eccellenti. Ci divertimmo un sacco ad inciderle. Erano bei tempi; eravamo giovani e vincenti e ci credevamo davvero”.
Noi ci crediamo ancora.
Note come pugni che accarezzano i timpani, pugni gentili diventati dei classici.

Ascolta tre brani dell’album:
Ace Of Spades, (We Are) The Road Crew, The Chase Is Better Than the Catch

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche:
Motorhead
Tool – Lateralus
Amon Amarth – Deceiver of the Gods

… e leggi anche:
La sottile linea bianca : autobiografia – Lemmy Kilmister (con Janiss Garza)
Io sono Ozzy – Ozzy Osbourne (con Chris Ayres)
Tolkien rocks : viaggio musicale nella Terra di Mezzo – Fabrizio Giosuè

… e guarda anche:
Richard Linklater – The School of Rock
Richard Curtis – I Love Radio Rock
Suroosh Alvi & Eddy Moretti – Heavy Metal in Baghdad

Leggi tutto ►

Ozzy Osbourne (con Chris Ayres)

Io sono Ozzy

Arcana, 2010, 319 pg
avatar

Postato da
il

Dicevano che non avrei mai scritto questo libro.
Che si fottano. Eccolo qui, il libro.
Devo solo scavare fra i ricordi …
… …
… cazzate. Non mi ricordo niente.

Ironica ai massimi livelli e raggelante come non mai: definire così quest’autobiografia è definire John Michael “Ozzy” Osbourne. Che sia il lato oscuro della musica? Non è questo l’importante: sappiamo di camminare sul ciglio di un burrone, al limite di tutto e di tutti.
Si parte da Birmingham, città sonnacchiosa che promette futuri già scritti e serate a tracannare birra come alienati nei pub… ma alt!: non pensate che Ozzy si vanti di essere fuggito da quella monotonia e aver fatto il grano ed essere diventato famoso con i Black Sabbath. No, a dispetto di quanto possa sembrare strano, la famiglia e altri sentimenti “buoni” hanno sempre avuto un notevole peso nella sua vita. E dobbiamo ringraziare la moglie Sharon se il nostro eroe è ancora tra noi. Lo stesso può dirsi del suo gruppo: non solo artisti, ma amici con cui condividere tutto (veramente tutto…), un insieme di forza emotiva e un fiume in piena di idee.
Certo, senza dimenticare un piccolo particolare ovvero l’aver inventato l’heavy metal.
Ozzy è questo e anche di più: un ragazzo di 66 anni pieno di sostanza(e), arrivato al limite molte volte, che è caduto e si è rialzato ed è consapevole che passerà alla storia come quello che (…forse?…probabilmente?) ha staccato a morsi la testa ad un pipistrello.
O per dirla con le sue parole: “Sono solo John Osbourne: un ragazzino della classe operaia di Aston che ha lasciato il lavoro in fabbrica e ha cercato di spassarsela ”.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Black Sabbath. Neon Knights. Testi commentati – Eduardo Vitolo
HM : Il grande libro dell’Heavy MetaL – Gianni Della Cioppa

… e ascolta anche
Black Sabbath – Iron Man
Black Sabbath – Black Sabbath
Black Sabbath – Paranoid

… e guarda anche
God Bless Ozzy Osbourne – Mike Fleiss & Mike Piscitelli
Rock of Ages – Adam Shankman
The School of Rock – Richard Linklater 

Leggi tutto ►

John Landis

The Blues Brothers

USA, 1980
avatar

Postato da
il

Sono 126 miglia per Chicago. Abbiamo un serbatoio pieno, mezzo pacchetto di sigarette, è buio e portiamo gli occhiali da sole…

Non ci prenderanno: siamo in missione per conto di Dio.

Bisogna rimettere insieme la band.
Elwood Blues non ci pensa due volte: insieme al fratello Jake e a bordo della Bluesmobile setaccia tutto lo stato dell’Illinois in cerca degli ex-musicisti.
Bisogna rimettere insieme la band.
Solo così potranno esibirsi e mettere insieme 5.000$ per salvare l’orfanotrofio nel quale sono cresciuti e che rischia la chiusura per un debito fiscale. Il blues può evitarlo.
Ma tra il dire e il suonare c’è di mezzo … di tutto! Inseguimenti della polizia, attacchi con un bazooka, raduni di fantomatici nazisti dell’Illinois, fidanzate armate di M-16, e ancora roboanti inseguimenti … Che dire? Una commedia musicale che ha fatto ed è storia del cinema, una marea di frasi e citazioni indimenticabili, un cast da pelle d’oca: un film intriso di amicizia, ingenuità, banalità (eh sì, la vita sa essere stupendamente banale), genialità, semplicità e di una comicità assurda e sbalorditiva che fa vibrare.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Blues Brothers – il mito continua di John Landis
Animal house di John Landis 
The School of Rock di Richard Linklater

… e leggi anche …
John Belushi – Boo Williams 

… e ascolta anche …
The Blues Brothers – Peter Gunn Theme
Can’t Turn You Loose – Otis Redding 
Everybody Needs Somebody To Love – The Blues Brothers

Locandina del film The Blues Brothers

Regia: John Landis
Sceneggiatura: John Landis – Dan Aykroyd
Musiche: Ray CharlesAretha FranklinJames BrownCab CallowayJohn Lee HookerThe Blues Brothers
Fotografia: Stephen M. Katz
Durata: 133′

Interpreti e personaggi principali:
Aretha Franklin : la padrona del ristorante
Cab Calloway : Curtis
Carrie Fisher : la fidanzata di Jake Blues
Charles Napier : Tucker McElroy
Dan Aykroyd : Elwood Blues
Henry Gibson : il capo dei nazisti dell’Illinois
James Brown : il reverendo Cleophus James
John Belushi : Jake “Joliet” Blues
John Candy : comandante di polizia Burton Mercer
John Landis : il poliziotto a cavallo Trooper La Fong
John Lee Hooker : Slim, il cantante di strada
Kathleen Freeman : sorella Mary Stigmata (la Pinguina)
Ray Charles : il proprietario del negozio di strumenti musicali
Steven Spielberg : impiegato dell’ufficio della tasse

Leggi tutto ►

Richard Linklater

The School of Rock

USA, 2004
avatar

Postato da
il

Dio del rock, grazie per questa occasione per spaccare, siamo i tuoi umili servitori. Ti prego, dacci il potere di mozzar loro il fiato con il nostro energetico rock. Nel tuo nome preghiamo. Amen

 

Non siamo qui per vincere, ma per fare un grande show.

 

E ora andiamo a pettinargli i capelli!!!!

 

Ehi voi! Si, dico proprio a voi, che guardate  film impegnati: School of Rock vi farà impazzire!
Jack Black è un chitarrista-sognatore-casinista che, escluso dalla sua band e perennemente a corto di soldi, si spaccia per un amico insegnante finendo a fare il supplente in un’esclusiva e boriosa scuola elementare privata. Qui insegna l’unica materia che conosce, il rock’n’roll, e apre un mondo di novità alla sua classe, portandola perfino a gareggiare in un torneo di band emergenti. Gli studenti si scoprono talenti musicali e si trasformano in eversivi profeti della musica ribelle formato mignon, finalmente appagati, scombinati e contenti di esserlo.
Senza freni che lo possano arrestare, sempre sulla rampa di lancio di montagna russe sbullonate è un film che spinge a non fermarsi mai, a non mollare e a credere in se stessi. Sempre.
E se ci scappa del rock, ancora meglio.

 

Regia: Richard Linklater
Sceneggiatura: Mike White
Fotografia: Rogier Stoffers
Musiche: Craig Wedren
Durata: 108′

 

Interpreti e personaggi principali:
Jack Black : Dewey Finn
Joan Cusack : Rosalie Mullins
Joey Gaydos Jr. : Zack Mooneyham
Kevin Alexander Clark : Freddy Jones
Mike White : Ned Schneebly
Sarah Silverman : Patty

school of rock

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche:
Scott Pilgrim Vs The World di  Edgar Wright

 

… e ascolta anche …
AC/DC – It’s a long way to the top
Black Sabbath – Iron man 
Led Zeppelin – Immigrant song
The School of Rock – School of Rock Song

 

… e leggi anche …
Storia segreta del rock – Christopher Knowles

Leggi tutto ►