Archivio tag: scrittore

Joel Dicker

Il libro dei Baltimore

Nave di Teseo, 2016
avatar

Postato da
il

La mia unica risposta alla vita era il mio libro. Grazie ai libri, tutto era cancellato. Tutto era dimenticato. Tutto era perdonato. Tutto era riparato.

Il giovane scrittore Marcus Goldman, già protagonista de La verità sul caso Harry Quebert, torna in questo romanzo di Joel Dicker, coinvolgente ancor più del precedente.
Attraverso il racconto del profondo legame con il cugino Hillel e gli inseparabili amici Woody e Alexandra, Marcus ricostruisce la storia della propria famiglia, divisa nei due rami dei Goldman di Monclair (appartenenti alla classe media) e dei Goldman di Baltimore (ricchissimi, influenti, socialmente perfetti).
Sullo sfondo del racconto aleggia la Tragedia, cui spesso si accenna: un misterioso evento che ha rotto equilibri e status altrimenti destinati a durare per sempre.

Bravissimo Joel Dicker a delineare la psicologia dei personaggi ed il contesto degli eventi: un ottima lettura, avvincente!

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche
La verità sul caso Harry Quebert – Joel Dicker
Dio di illusioni – Donna Tartt

Leggi tutto ►

Deborah Levi - Bertherat

I viaggi di Daniel Ascher

Einaudi, 2017
avatar

Postato da
il

Cara Hélène, spero che tu ti sia sistemata bene in rue Vavin. Qui è magnifico. Ti racconterò, ma solo se insisti…
Con tutto il mio affetto. Daniel H.R.

La storia irrompe spesso nelle vite deformandone il corso, senza preavviso, senza chiedere il permesso. In questi casi reagire agli eventi e ricostruirsi una quotidianità non è facile. Può aiutare il ricorso alla finzione, all’inganno: verso se stessi e verso gli altri.

Hélène ha vent’anni ed una passione per l’archeologia. Frequenta l’università a Parigi, dove vive in un appartamento messole a disposizione dal prozio, Daniel Ascher, personaggio enigmatico, un po’ sopra le righe, scherzoso con i bambini, schivo con gli adulti.
Noto scrittore di romanzi di avventura per ragazzi – pubblicati sotto lo pseudonimo di H.R. Sanders – Daniel è spesso lontano da casa, impegnato in lunghi viaggi per il mondo, dai quali invia alla nipote cartoline illustrate.
Hélène non lo vede spesso né è mai parsa interessata ai suoi libri, finchè non conosce Guillame, di cui si innamora e che invece conosce a memoria ogni romanzo della serie. Con curiosità e leggerezza, ma non senza coinvolgimento, Hélène inizia a scavare nelle memoria e nei ricordi della propria famiglia: una delicata ricerca nel passato che la porterà a scoprire la dirompente verità.

Ti è piaciuto questo libro?
Allora leggi anche Robinson Crusoe – Daniel Defoe
Moby Dick – Herman Melville

e vedi anche Scoprendo Forrester – Gus Van Sant
Molto forte incredibilmente vicino – Stephen Daldry

Leggi tutto ►

John Fante

Chiedi alla polvere

Einaudi, 2004, pag. 209
avatar

Postato da
il

Così l’ho intitolato Chiedi alla polvere, perchè in quelle strade c’è la polvere dell’Est e del Middle West, ed è una polvere da cui non cresce nulla, una cultura senza radici, una frenetica ricerca di un riparo, la furia cieca di un popolo perso e senza speranza alle prese con la ricerca affannosa di una pace che non potrà mai raggiungere. E c’è una ragazza ingannata dall’idea che felici fossero quelli che si affannavano, e voleva essere dei loro.

Chiedi alla polvere è il romanzo autobiografico più famoso di John Fante, pubblicato nel 1939 racconta delle vicende di Arturo Bandini aspirante scrittore di origini italiane, che si trova ad affrontare le sue prime esperienze nella polverosa Los Angeles. Vive in un hotel a Bunker Hill e i pochi soldi che riesce a guadagnare dalle saltuarie pubblicazioni dei suoi racconti, li sperpera inutilmente con un castrante senso di colpa. La vicenda principare ruota intorno alla sua storia d’amore molto contrastata con Camilla, una cameriera messicana che conosce un pomeriggio in un caffè nelle vicinanze.

Un amore non ricambiato e una continua sfida e ricerca delle sue abilità di scrittore lo trascinano per le “polverose” strade di Los Angeles; ma questa California descritta da Fante non è ancora nulla, o meglio è un niente in un paese che non è ancora niente. Identità, storia e cultura. L’America ancora non li conosce, si sta formando, li sta cercando.

Così c’è tutta questa polvere che non si è ancora accumulata in un monumento, che non ha ancora creato qualcosa che resterà, ma vola via sempre pronta a cambiare i confini e a far perdere il senso dell’orientamento. Entra nei polmoni dei personaggi e li fa diventare affannosi e li inganna di frenesia. Come si è formata questa identità? Come sono i personaggi di questo libro? Vicini, senza dubbio a quello che poi più avanti leggeremo in Kerouac e in Bukowski, chiedete alla polvere.

Se vi è piaciuto questo libro leggete anche… Sulla strada di Jack Kerouac e le altre opere di John Fante.

Guarda anche… Chiedi alla polvere di Robert Towne

Leggi tutto ►

Joel Dicker

La verità sul caso Harry Quebert

Bompiani, 2013, 779 p.
avatar

Postato da
il

- Scrivere romanzi non è una cosa da niente: tutti sanno scrivere, ma non tutti sono scrittori
- E come si fa a sapere di essere uno scrittore, Harry?
- Nessuno sa di essere uno scrittore, Marcus. Glielo dicono gli altri.

Marcus Goldman e’ reduce dall’enorme successo del suo primo libro ed in piena crisi perche’ privo di ispirazioni per la sua prossima opera letteraria, attesa ormai da pubblico ed editore. Decide di andare a trovare il professor Harry Quebert, celebre scrittore e suo professore all’università, al quale e’ molto affezionato e dal quale riceve importanti consigli per la stesura del nuovo romanzo. Proprio durante la permanenza di Marcus nella lussuosa villa di Quebert in riva all’oceano,  la vita della tranquilla cittadina americana viene sconvolta dal ritrovamento del cadavere di Nola, una quindicenne scomparsa trent’anni prima. Harry Quebert e’ il principale indiziato ed il giovane  Marcus decide di indagare per scagionarlo. Un bel romanzo giallo, scritto con stile scorrevole, che mantiene lungo tutte le sue oltre settecento pagine un ritmo serrato ed un’atmosfera tesa. Sicuramente l’ideale per un’appassionante lettura estiva, ma perfetto anche per le sere d’inverno, da godersi tutto d’un fiato davanti al camino.

Ti è piaciuto questo film? Allora leggi anche …
The Ghostwriter – Robert Harris

e vedi anche I segreti di Twin Peaks – David Lynch

Leggi tutto ►