Archivio tag: se ti abbraccio non aver paura

Sharon M. Draper

Melody

Feltrinelli, 2016, 249 p.
avatar

Postato da
il

“Che cosa faresti se potessi volare?” mi domandò la signora V. spostando lo sguardo dall’uccellino a me.

“Avrei paura di lanciarmi” digito.

“Paura di precipitare?” mi chiede.

“No. Avrei paura che sarebbe troppo bello. Paura di volare via”

Melody ha undici anni, una spiccata intelligenza ed una grande memoria. Potrebbe vivere un’esistenza con una marcia in piu’ rispetto alla maggior parte dei coetanei. Purtroppo pero’ non e’ cosi’: la sua malattia (tetraplegia spastica) le impedisce i movimenti e la parola, imprigionandola in un corpo che non risponde ai comandi e la costringe al silenzio.

Eppure in Melody c’e’ determinazione, vitalita’, solarita’, assenza di autocommiserazione, che fanno da efficace contraltare all’inevitabile sofferenza ed alla frustrazione.
Melody vive in una famiglia che la ama incondizionatamente e si impegna per garantirle una vita piu’ serena possibile. Puo’ contare su alcuni educatori attenti e preparati (dopo una serie di disastrose esperienze) e sulla stima di chi le sta vicino. Con i compagni di classe il rapporto e’ difficile: le regalera’ gioie e dolori, ma lei si mostrera’ sempre in grado di accettarli, con spirito di adattamento ed ironia.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche
Io sono la neve – Elisabeth Laban
Wonder – R. J. Palacio
Stravaganza La città delle maschere – Mary Hoffman
Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte – Mark Haddon
L’amico immaginario – Matthew Dicks
Sono graditi visi sorridenti – Franco e Andrea Antonello
Se ti abbraccio non avere paura – Fulvio Ervas
Sirena Mezzo pesante in movimento – Barbara Garaschelli

ascolta anche
Moon River – Colazione da Tiffany

e guarda anche
The Mighty – Peter Chelsom
Touch – Tim Kring (serie tv)
Mi chiamo Sam – Jassie Nelson

Leggi tutto ►

Emilio Estevez

Il cammino per Santiago

USA, 2010
avatar

Postato da
il

- Non sarà una vita avventurosa la mia, ma è quella che ho scelto
- E’ questo il problema, papa’. La vita non va scelta, va vissuta.

Curioso quanto il significato religioso sia assolutamente secondario in un film dedicato proprio al pellegrinaggio in un luogo di fede! Tom, affermato oftalmologo statunitense, viene informato da una telefonata che il figlio Daniel è morto sui Pirenei, durante un violento temporale. Vola quindi subito in Francia per riconoscere la salma del figlio e riportarne a casa le spoglie. Scopre dalle autorità locali che Daniel aveva intrapreso il Cammino di Santiago e decide di condurne a termine l’itinerario, quale tributo alla sua memoria e postumo atto di amore. Il lungo viaggio a piedi di Tom, tra paesaggi sterminati e di intensa spiritualità, intriso di dolore, si rivelerà costellato di incontri con uomini e donne alla ricerca di se stessi, con cui condividerà questa esperienza totalizzante. Grazie anche alla grande prova di recitazione di Martin Sheen, il film, che avrebbe potuto facilmente prestarsi ad interpretazioni propagandistiche, sa rimanere sempre sul filo della spiritualità laica, regalando davvero belle emozioni.
 
Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Una storia vera – David Linch
 
…e leggi anche
Se ti abbraccio non aver paura – Fulvio Ervas
 
…e ascolta anche
Thank you – Alanis Morrisette

Locandina Il cammino per Santiago

Regia: Emilio Estevez
Sceneggiatura: Emilio Estevez
Fotografia: Juan Miguel Azpiroz
Musiche: Tyler Bates
Durata: 123′
 
Interpreti e personaggi:
Emilio Estevez: Daniel
Martin Sheen: Tom
James Nesbitt: Jack
Deborah Kara Unger: Sarah
Yorick van Wageningen: Joost

Leggi tutto ►