Archivio tag: sergio castellitto

Valerio Attanasio

Il tuttofare

Italia, 2018
avatar

Postato da
il

Se in passato l’avvocato era considerato parte di un’elite economica e sociale, oggi è un lavoro come un altro, sottopagato e decisamente inflazionato!

Antonio Bonocore si è da poco laureato in giurisprudenza e per avviarsi alla carriera forense accetta di svolgere praticantato presso lo studio dell’avvocato Salvatore Toti Bellastella, principe del foro romano e stimatissimo insegnante di Diritto Penale.

Antonio si è meritato questa opportunità, senza raccomandazioni, solo grazie alle proprie capacità.
Affiancare l’avvocato potrebbe costituire per lui un importante trampolino di lancio, un’esperienza formativa con radiosi sbocchi professionali.

In realtà il tirocinio – magramente retribuito – si rivela quanto di più degradante possa immaginarsi per un giovane brillante laureato. Antonio si trova nei fatti a fungere da cameriere, svolgendo per il Bellastella compiti che con la professione legale hanno ben poco a che fare: gli viene chiesto infatti di pensare alla spesa, di cucinare, di fare da autista, fino alla richiesta più pazzesca, che cambierà la sua vita.

Grazie alla straordinaria interpretazione di Sergio Castellitto nel ruolo dell’avvocato Bellastella (che riesce a renderci un personaggio esilarante ed insopportabile al tempo stesso), il film diverte in molte occasioni, ma offre al contempo uno sconfortante spaccato di realtà.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Tutta la vita davanti – Paolo Virzì
Startup – Alessandro D’Alatri

locandina-tuttofare

Regia: Valerio Attanasio
Durata: 96′

Personaggi ed interpreti:
Avvocato Salvatore Toti Bellastella – Sergio Castellitto
Antonio Bonocore – Guglielmo Poggi
Titti Mandorlini – Elena Sofia Ricci

Leggi tutto ►

Paolo Virzì

Caterina va in città

Italia, 2003
avatar

Postato da
il

Ho trovato una spiegazione a tutto questo, in un documentario scientifico visto alla tv. Diceva che al contrario dei pesci, che coi loro occhi guardano di lato, e delle mosche, che invece guardano dappertutto, noi umani possiamo solo guardare avanti.

Una famiglia normale: madre casalinga, padre insegnante di ragioneria, figlia tredicenne amante del canto. Alla ricerca di nuove opportunita’, la famiglia si trasferisce da una cittadina di provincia (Montalto di Castro) a Roma.
Non e’ facile per la giovane Caterina l’inserimento nella nuova scuola, ne’ per il padre abituarsi al nuovo incarico di insegnante.  La madre pare assente e persa in una realta’ del tutto propria.

Personaggi profondamente umani quelli delineati da Virzi’ in questo bel film: incastonati in una storia che con tratto delicato – ma esplicito – delinea contrasti, sogni irrealizzati ed insicurezze di una generazione (quella degli adulti) prigioniera di un mondo di storture.
Ed offre una fotografia lucida ed implacabile sulla generazione dei figli, abbandonati a se stessi e per questo costantemente esposti al rischio di perdersi.

Grande interpretazione di Sergio Castellitto.

Ti è piaciuto questo film? Allora vedi anche
I nostri ragazzi – Ivano De Matteo
Il rosso e il blu – Giuseppe Piccioni
L’ora di religione – Marco Bellocchio

e leggi anche
Un giorno questo dolore ti sarà utile – Peter Cameron
Ho ucciso Bambi – Carla Cucchiarelli

 

catwerina va in citta

Regia: Paolo Virzì
Durata:90′
Sceneggiatura: Francesco Bruni
Fotografia: Arnaldo Catinari
Musiche: Carlo Virzì
Montaggio: Federico Minetti, Cecilia Zanuso

Interpreti e personaggi:
Sergio Castellito: Giancarlo Iacovoni
Alice Teghil: Caterina Iacovoni
Margherita Buy: Agata Iacovoni
Claudio Amendola: Manlio Germano

 

Leggi tutto ►