Archivio tag: serie televisiva

Lord Huron

Strange Trails

Iamsound, 2015
avatar

Postato da
il

I’m leaving this place behind
And i’m heading out on the road tonight
I’m off for the winter lands
Where i’m known to have taught you to stand
Before…

Strange Trails è il secondo album (Iamsound Records, 2015) della band americana indie-folk Lord Huron (il loro primo  l’album è Lonesome Dreams del 2012). Già a partire dalla copertina di Strange Trails, che ricorda quella di un vecchio disco, ci si immerge in una malinconica atmosfera pronti ad affrontare un viaggio attraverso terre selvagge alla ricerca di qualcosa fuori e dentro se stessi. L’album  composto da 14 tracce, narra brevi racconti di vita e d’amore che colpiscono dritto al cuore, senza inutili giri di parole, travolgendo e risvegliando i sentimenti più profondi grazie alla voce dolce e intensa, del leader della band, Ben Schneider, solitario menestrello di un libro senza tempo. Apre l’album la traccia “Love Like Ghosts” dove il cantante racconta la storia di un uomo che ha perso il suo amore ed è ossessionato dai fantasmi del suo ricordo. Ci soffermiamo poi su “Hurricane (Johnnie’s Theme)” che con la sua melodia graffiante ci riporta direttamente agli anni cinquanta. “I get a thrill outta playing with fire / ‘Cause you hold your life when you hold that flame”.
In “La Belle Fleur Sauvage“, si parla dell’amore provato per una donna bellissima e del sogno di poterla trovare al proprio fianco.
Fool for Love” si tinge di tinte più romantiche che ricordano le ballate di Bruce Springsteen con quella punta di  ottimismo che riequilibra in maniera divina il sapore malinconico del disco.
Torniamo a  farci cullare dalla malinconia con la canzone in stile vecchio West “The World Ender“.
Ci perdiamo nella selva  oscura  in ”Meet Me in the Woods, dove vengono  affrontati i demoni di un mondo sconosciuto e inquietante radicato misteriosamente dentro la nostra anima, “The truth is stranger than my own worst dreams”.

Chiude l’album la canzone “The Night We Met“, che troviamo in un episodio della famosa serie prodotta da Netflix “13 Reasons Why” perfettamente adatta al “mood” della serie tv. La canzone si apre con una chitarra lenta e una voce dolce per poi scoppiare in un ritornello disperato “I had all and then most of you, some and now none of you take me back to the night we met

Strange Trails è incantevole, ci porta in un mondo malinconico dal gusto incredibilmente “dolceamaro”, rendendolo l’album perfetto per chi ama l’avventura  fuori e dentro di sé.
Consigliato ai fan di “13” e a tutti i romantici vagabondi.

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Born to run – Bruce Springsteen
Mumford & Sons – Babel
Bon Iver, For Emma, Forever Ago

… Leggi anche
13 di Jay Asher

…Guarda anche
Thirteen Reasons Why

 

Leggi tutto ►

Hideaki Anno

Neon Genesis Evangelion

Giappone, 1995-1996
avatar

Postato da
il

Le persone non sono in grado di comprendere appieno il proprio prossimo. Ciascuno di noi è in parte oscuro persino a se stesso. Riuscire a comprendersi al cento per cento è sempre impossibile. È per questo che le persone si sforzano costantemente nel tentativo di conoscere se stessi e gli altri. Ed è proprio questo a rendere la vita tanto interessante.

Shinji è uno dei ragazzi prescelti per guidare i giganteschi mecha denominati Eva, l’unico strumento di difesa dell’umanità contro gli Angeli, entità comparse in seguito ad un evento catastrofico che ha quasi causato la distruzione del mondo.

A guidare il progetto Eva c’è proprio il padre di Shinji che, però, non dimostra alcun affetto o alcuna stima per il figlio, nemmeno quando questi affronta pericoli potenzialmente mortali a bordo del suo Eva. La sua nuova famiglia diventano, quindi, la sua tutrice il Capitano Misato Katsuragi e, soprattutto, gli altri due piloti con cui condivide l’onere di guidare gli Eva: Rei Ayanami e Asuka Sōryū Langley.

I tre protagonisti sono giovani eroi del tutto reali nel loro desiderio di autoconservazione e nella loro paura di fallire.

Al di là dell’intreccio della trama, la serie è ricca di riferimenti filosofici e religiosi e riflessioni sull’io, sul ruolo che l’individuo ha nella società e sulle tendenze autodistruttive che sembrano indissolubilmente legate alla natura umana.

Su Neon Genesis Evangelion è stato detto tutto e il contrario di tutto. Non si può negare che la serie sia tanto articolata e complessa da dare vita a numerose interpretazioni. Certamente un ruolo chiave viene giocato dalla sofferta ricerca del proprio io che i diversi personaggi affrontano, ciascuno a suo modo, nel corso degli episodi.

Ti è piaciuta questa serie? Allora guarda anche…
The Voices of a Distant Star- Shinkai Makoto
L’attacco dei giganti- Tetsuro Araki
Rogue One. A Star Wars Story- Gareth Edwards

…leggi anche…
Il gioco di Ender- Orson Scott Card
I doni- Ursula LeGuin
Il domani che verrà- John Marsden

neon-genesis-evangelion

Regia: Hideaki Anno- Kazuya Tsurumaki
Fotografia: Yoichi Kuroda- Yoichi Kurato
Direzione artistica della serie: Hiroshi Kato
Musiche: Shiro Sagisu
Durata: 26 edpisodi

Leggi tutto ►

Carlo Lucarelli

Nikita

EL, 1997, 60 pg
avatar

Postato da
il

“Perchè non li hai fermati?” chiede Nikita, pallida come uno straccio lavato in candeggina.
“Perchè erano armati” dico io.
“E allora? Eri armato anche tu”
“Si, ma quelli di più. Come dice Clint Eastwood in Per un pugno di dollari, bestiale: quando uno uomo con la pistola incontro un uomo con il fucile, l’uomo con la pistola è un uomo morto”
Figurarsi due col mitra.

Una delle cose che si pretende (o quantomeno si auspica) scegliendo di leggere un determinato libro è che abbia una scrittura coinvolgente, vibrante e faccia figurare davanti a noi quello che racconta.
Decisamente è quello che accade leggendo questo racconto di Carlo Lucarelli: si sente l’odore sgangherato di una Bologna immersa nel clima estivo, l’altalenante vociare delle persone, i rumori… E poi un’immagine ti si schiaffa davanti: Nikita.
Non puoi non riconoscerla: slanciata, una minigonna che nulla lascia all’immaginazione.
Indossa delicati anfibi.
È il suo, bellissimo, modo di essere punk.
Sid, suo amico, ha finito col lasciarci la pellaccia per una brutta faccenda: lei, il Vopo, il Gà devono trovare i colpevoli.
Non sono però soli in questa ricerca: con loro c’è l’ispettore Cogliandro … scusate Coliandro: è che la g a volte proprio se la merita.
Coliandro è un tipo bravissimo nel complicare storie semplici, parlare a sproposito, svenire quando non serve, citare le frasi di Clint Eastwood che ritiene essere suo ispiratore di vita.
Nikita e Coliandro si intrufoleranno nel vostro cervello e vi spappoleranno lo stomaco con le loro avventure, un guazzabuglio d’indagini miste a humor nero di ottima qualità che vi farà pentire di non averli incontrati prima.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Carlo Lucarelli for Y.A.
Carlo Lucarelli – L’Ispettore Coliandro
Elisabetta Bacchereti – Carlo Lucarelli

…e ascolta anche
Pivio e Aldo de scalzi – Wolf Tune
Punkreas – Tutto Vero
Neffa – Quando finisce così

… e guarda anche
L’Ispettore Coliandro
Il ritorno del Monnezza – Carlo Vanzina
Sulle mie labbra – Jacques Audiard

Leggi tutto ►

Steven Moffat- Mark Gatiss

Sherlock

2010- BBC
avatar

Postato da
il

Siete tutti così distratti, è bello non essere me. Deve essere rilassante.

Sociopatico, del tutto indifferente a cosa accade intorno a lui, esasperante nel suo egocentrismo, arrogante, con una inguaribile dipendenza dalla nicotina, Sherlock Holmes è un uomo perennemente annoiato e sempre alla ricerca di un caso abbastanza interessante da catturare la sua attenzione. Il Dottor Watson, reduce dalla guerra in Afghanistan, si trova a condividere con lui sia la casa che le indagini in cui viene coinvolto.

Sherlock Holmes è un personaggio iconico, sul quale è stato scritto e detto tanto. Questa nuova, brillante versione è stata ideata per la BBC da Steven Moffat e Mark Gatiss, entrambi autori di Doctor Who, altra geniale serie televisiva inglese.

Gli episodi, ambientati nella Londra dei nostri giorni, riprendono tanto le caratteristiche dei personaggi quanto le idee alla base di alcuni dei racconti originali, senza snaturare per nulla quanto pensato, a suo tempo, da Arthur Conan Doyle.
Arricchisce la narrazione anche l’ottima scelta degli interpreti, tutti perfetti nel proprio ruolo.

Ti è piaciuta questa serie? Allora guarda anche…
Sherlock Holmes- Guy Ritchie
Piramide di paura- Barry Levinson
Doctor Who (Serie televisiva)
Elementary (Serie televisiva)

…leggi anche
Un gioco da bambini- J.G. Ballard
I libri di Arthur Conan Doyle

Sherlock- Steven Moffat e Mark Gatiss

Ideatori: Steven Moffat- Mark Gatiss

Interpreti e personaggi:
Benedict Cumberbatch: Sherlock Holmes
Martin Freeman: John Watson
Una Stubbs: Mrs. Hudson
Rupert Graves: Lestrade
Mark Gatiss: Mycroft Holmes
Andrew Scott: Jim Moriarty

Leggi tutto ►

Tru Calling

Usa, 2003 - 2005
avatar

Postato da
il

Per una volta, per una sola volta, vorrei andare in un posto dove tutti restano vivi.

<<Aiutami>>

Diciamocelo: non tutti sono soddisfatti del proprio lavoro.
Si attende qualcosa che faccia voltare pagina, che vivacizzi tutto.
Ed è quello che spera Tru Davies: ha trovato lavoro in un obitorio e aspetta che la situazione si animi.
Oh. Succederà. Letteralmente.
<<Aiutami>> sente provenire una notte dalla parte di obitorio dove vengono portati i cadaveri in attesa di autopsia, ma non c’è nessuno…di vivo. Scoprendo il corpo da dove sembra provenire la voce, il cadavere apre gli occhi e girandosi verso di lei dice <<Aiutami>>.
A questo punto Tru rivive le ultime 24 ore dove, in tutti i modi, cerca di impedire la morte di questa persona, intervenendo in luogo del Destino: si rende conto di avere un dono enorme, scoprendo di averlo ereditato dalla madre.
Un potere ha però due facce: l’altra è Jack, anche lui agente del destino e anche lui rivive le giornate, ma si batte affinché gli eventi scorrano come stabilito e non vengano cambiati o alterati in alcun modo.
In definitiva chi è destinato a morire deve, in effetti, morire.
Sia Tru che Jack dipendono dallo stesso potere che assicura una stabilità al mondo, talvolta in modo subdolo e capriccioso: Jack asseconda gli eventi, Tru si ribella, interferisce e dovrà prima o poi risponderne…
…ma allora Tru fa parte dei buoni o è una dei cattivi inconsapevoli?

Ti è piaciuta questa serie televisiva? Allora guarda anche…
La sposa cadavere – Tim Burton, Mike Johnson
Buffy – L’ammazzavampiri
21 grammi – Alejandro González Iñárritu

…e leggi anche
The Restorer : La signora dei cimiteri – Amanda Stevens
Necronomicon

… e ascolta anche
Full Blown Rose – Somebody Help Me
Dido – White Flag
Sarah McLachlan – Angel
Fatboy Slim – Praise You

tru calling

Interpreti e personaggi:
Eliza Dushku : Tru Davies
Zach Galifianakis : Davis
Jason Priestley : Jack Harper
A.J. Cook : Lindsay Walker Thompson
Matt Bomer : Luc

Leggi tutto ►

Transporter: The Series

Canada - Francia - Usa - Germania, 2012 - 2014
avatar

Postato da
il

Mai cambiare il patto.
Mai fare nomi.
Mai aprire il pacco.

Siete amanti del genere tutta azione e adrenalina su quattro ruote?
Bene: tirate il freno a mano, inchiodate e fermatevi qualche istante.
Parliamo di Frank Martin: come militare delle forze speciali in congedo non se la passa benissimo, ma al volante non se cava affatto male. Anzi.
Viene ingaggiato come “trasportatore” ovvero deve portare a destinazione la merce: ovunque, a chiunque lo chieda …
… senza mai sapere cosa trasporta,
… senza mai fare domande,
… senza mai aprire i pacchi.
Queste sono le regole da cui non transigere e non sempre è possibile rispettarle. Lo aiutano amici fidati: l’ispettore Tarconi, prima nemico e ora prezioso consigliere, Carla, ex agente segreto dalle mille informazioni, Dieter, fidato meccanico/informatico che mantiene in perfetta efficienza le macchine di Frank.
Questo serial prende spunto da una serie di film prodotti da Luc BessonThe Transporter, Transporter: Extreme, Transporter 3, The Transporter: Refueled (quest’ultimo in uscita il 19 giugno prossimo) – a base di spettacolari scene di inseguimento, evoluzioni mozzafiato di cui gli spettatori sono quasi partecipi in prima persona.
Può essere che la trama non piaccia a tutti.
Bene ragazze: scansatevi dal divano e lasciate il telecomando ai maschietti.
Maschietti, questo è quanto: giù il freno a mano e sgommate.

Ti è piaciuta questa serie televisiva? Allora guarda anche…
The Transporter – Cory Yuen & Louis Leterrier
Squadra Speciale Cobra 11
I Mercenari (The Expendables) – Sylvester Stallone

…e leggi anche
L’ arte di correre sotto la pioggia – Garth Stein

… e ascolta anche
Jamie Forsyth – Working Man (Transporter: The Series Theme Song)
Deep Purple – Highway Star
Supercar (Knight Rider)

Transporter the series

Interpreti e personaggi
Chris Vance : Frank Martin
François Berléand : Ispettore Tarconi
Andrea Osvárt : Carla Valeri
Delphine Chanéac : Juliette Dubois
Charly Hübner : Dieter Hausmann
Violante Placido : Caterina ‘Cat’ Boldieu (stagione 2, 2014)

Leggi tutto ►

Frank Darabont

The Walking Dead

dal 2010, USA
avatar

Postato da
il

Noi non uccidiamo mai chi è vivo.

Il poliziotto Rick Grimes viene ferito durante uno scontro a fuoco. Quando si sveglia dal coma, l’ospedale è circondato da cadaveri, la sua famiglia è scomparsa e gli unici esseri umani che incontra sono morti viventi.
Questo l’inizio di una serie televisiva, nata nel 2010 e arrivata alla quinta stagione.
La serie parte dalle stesse premesse dei più classici film di zombie (un’epidemia che colpisce chiunque muoia e che, in breve tempo, porta all’estinzione degli uomini) ma il fulcro del racconto è il tentativo di resistere dei sopravvissuti, in cerca di un luogo sicuro in cui rifugiarsi.
La storia si basa sull’omonima serie a fumetti scritta da Robert Kirkman, anche se, rispetto a questa, introduce personaggi ed eventi differenti.

Ti è piaciuta questa serie televisiva? Allora guarda anche…
Benvenuti a Zombieland- Ruben Fleischer
World War Z- Marc Forster

…e leggi anche
Io sono leggenda- Richard Matheson

Walking Dead

Ideatori: Frank Darabont- Robert Kirkman

Interpreti e personaggi
Andrew Lincoln: Rick Grimes
Steven Yeun: Glenn Rhee
Chandler Riggs: Carl Grimes
Norman Reedus: Daryl Dixon
Melissa McBride: Carol Peletier
Sarah Wayne Callies: Lori Grimes

Leggi tutto ►

Julian Fellowes

Downton Abbey

Gran Bretagna, dal 2010
avatar

Postato da
il

La guerra ha la prerogativa di distinguere ciò che è veramente importante da ciò che non lo è.

Downton Abbey è un’antica tenuta, nella campagna inglese, di proprietà della famiglia del conte di Grantham. La protagonista dell’amata e apprezzata serie televisiva sembra essere proprio questa residenza.
Dal 15 aprile 1912, data dell’affondamento del Titanic (durante il quale scompare l’erede della tenuta) la Storia entra tanto nelle vite della famiglia del conte quanto in quelle della schiera di camerieri, maggiordomi e cuochi che risiedono ai piani bassi.
Mentre l’Europa viene sconvolta dalla Prima Guerra Mondiale, tra gli abitanti di Downton Abbey nascono amori impossibili o, a volte, felici e odi profondi che segnano la quotidianità con vendette e gesti meschini.

Ti è piaciuta questa serie televisiva? Allora guarda anche…
Gosford Park- Robert Altman

…e leggi anche
Quel che resta del giorno- Kazuo Ishiguro

Downton Abbey- Julian Fellowes

Ideatore: Julian Fellowes
Musiche: John Lunn

Interpreti e personaggi
Hugh Bonneville: Robert Crawley
Laura Carmichael: Edith Crawley
Jim Carter: Carson
Brendan Coyle: John Bates
Michelle Dockery: Mary Crawley
Joanne Froggatt: Anna Bates
Rob James- Collier: Thomas Barrow
Elizabeth McGovern: Cora Crawley
Maggie Smith: Violet Crawley
Dan Stevens: Matthew Crawley
Jessica Brown Findlay: Sybil Crawley

Leggi tutto ►

Under the dome

USA, 2013
avatar

Postato da
il

“Non è neanche la stagione delle farfalle monarca. Dovrebbero essere da tutt’altra parte in questo periodo.”
“Forse è la cupola che le ha mandate qui. Forse cerca di dirci che è solo un bozzolo e quando alla fine se ne andrà saremo tutti delle persone nuove.”

Chester’s Mill è la tipica cittadina della provincia americana, fino a quando una cupola invisibile non la isola e separa dal mondo esterno. Per gli abitanti il desiderio di sopravvivere si affianca alla necessità di scoprire da dove venga la cupola e quali siano la sua natura e il scopo. Mentre il mondo esterno sembra volerle dimenticare e annientare, le persone coinvolte saranno spinte a mostrare chi sono in realtà e i segreti più oscuri della comunità verranno svelati.
Under the dome è ispirato al romanzo The Dome di Stephen King.

Ti è piaciuta questa serie televisiva? Allora guarda anche…
Jericho – Serie televisiva
Lost – Serie televisiva

… e leggi anche
Cose preziose – Stephen King

Under the dome

Interpreti e personaggi
Mike Vogel: Dale Barbara
Rachelle Lefevre: Julia Shumway
Natalie Martinez: Linda Esquivel
Alexander Koch: Junior Rannie
Colin Ford: Joe McAlister
Mackenzie Lintz: Norrie Calvert- Hill
Britt Robertson: Angie McAlister
Dean Norris: James Rennie

Leggi tutto ►