Archivio tag: Sharon Cameron

Jean-Marc Valeé

The Young Victoria

Gran Bretagna, 2009
avatar

Postato da
il

Mia cara Victoria, saranno giorni colmi di tristezza, immagino quanto il Re vi stia a cuore. Mi permettete di offrirvi il mio conforto, sebbene a distanza?

Un film imperdibile per chi ama biografie, romanticismo ed accurate ricostruzioni storiche.
“Young Victoria” racconta la prima parte della vita della giovane principessa Victoria, erede al trono d’Inghilterra, dall’infanzia all’incoronazione avvenuta nel 1837.
Educata fin da piccola alla vita di corte, isolata dal mondo ed iper-protetta in nome della ragione di stato, Victoria sviluppa nonostante tutto una forte personalità e la convinzione di essere adatta a divenire regina. Nonostante gli sfrontati e violenti tentativi di Sir John Conroy – amministratore della residenza di Kensington Palace – di spingerla a rinunciare al trono in favore della madre, Victoria saprà mantenersi salda nel proprio ruolo, anche grazie alla vicinanza del suo futuro amatissimo marito, il principe Alberto di Sassonia.
Il regno di Victoria durerà per ben 63 anni, secondo solo a quello dell’attuale regina Elisabetta II.

Ti è piaciuto questo film?
Allora vedi anche
Elizabeth – Shekhar Kapur
Elisabeth The golden age – Shekhar Kapur

e leggi anche
Miss Charity – Marie Aude Murail
La fabbrica delle meraviglie – Sharon Cameron
La duchessa di Milano – Michael Ennis
Pirate – Celia Rees

victoria

Regista: Jean-Marc Valeé
Durata: 100′
Costumi: Sandy Powell

Personaggi ed interpreti:
La giovane Victoria – Emily Blunt
Principe Albert – Rupert Friend
Duchessa del Kent – Miranda Richardson

Leggi tutto ►

Sharon Cameron

La fabbrica delle meraviglie

2015, Mondadori, 309 pagine
avatar

Postato da
il

“La vita è come un orologio.
Non è mai troppo tardi per avere la tua occasione.
Basta portare indietro le lancette”

Katharine ha diciassette anni, suo padre è morto senza lasciarle nessuna eredità e costringendola a dipendere dalla cinica dalla zia Alice che vuole impossessarsi del patrimonio del capo famiglia.
Katharine viene quindi costretta a recarsi nell’antica dimora di famiglia, una villa vittoriana piena di stanze segrete, strani rumori e misteri, per dimostrare la pazzia dello zio e permettere così che venga internato. Dal vecchio zio Tully, con cui la nipote entrerà subito in sintonia, però dipende anche il destino di un’intera comunità, che nella sua tenuta vive e lavora. Katharine si accorda con Lane, l’assistente del vecchio zio, per prendere tempo e trovare una soluzione. Ma qualcun’altro trama nell’ombra per impossessarsi delle geniali idee che stanno alla base dei giocattoli dello zio Tully.
La storia, frutto di fantasia, si ispira alla tenuta di Welbeck Abbey, in Inghilterra, proprietà del Duca di Portland.

 

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche:
Marie-Aude Murail, Miss Charity
Garth Stein, Una Luce improvvisa
Edward Carey, I segreti di Heap House

e guarda:
Martin Scorsese, Hugo Cabret

e ascolta:
Gwen Stefani,  What You Waiting For? (contenuto nell’album Love. Angel. Music. Baby.)
Spice Girls, Viva Forever  (contenuto nell’album Spiceworld)

Leggi tutto ►