Archivio tag: shellac

McLusky

McLusky Do Dallas

Too Pure, 2002
avatar

Postato da
il

Quando Steve Albini mette le mani sulla produzione di un album si sa che ne verrà fuori un mostro spaventoso e memorabile. E’ il caso di Mclusky Do Dallas, opera seconda di una grande band gallese troppo spesso dimenticata, uscito dodici anni fa, quando indie era già una parola priva di senso che serviva per raccontare dischi quasi sempre insopportabilmente carini e sorridenti.
Qui dentro, invece, niente di tutto ciò: fin dai titoli, ci trovi il ghigno della cattiveria gratuita, del politicamente scorretto, dello sputo sarcastico. Quattordici canzoni formidabili, con il tiro feroce del noise-punk e una sezione ritmica mastodontica, vicina a quella del leggendario Surfer Rosa, travolte dallo scream psicotico di Andy Falkous.
A sorprendere è la qualità melodica di brani ben oltre l’orlo del collasso nervoso, sempre fuori controllo e però capaci di riportare tutto a casa grazie a una scrittura precisa e affilata come un rasoio.
A volte i ritmi rallentano e regalano melodie appiccicose: il caracollare di Collagen Rock, Day Of The Deadringers e Gareth Brown Says, il sussurro di una Fuck This Band da Pavement in una giornata storta, l’inno Alan Is A Cowboy Killer, squarciato dalle convulsioni distorte del ritornello. Ma quasi sempre i Mclusky si abbandonano al puro piacere della distruzione, con anthem che raramente superano i tre minuti, come il terrificante uno-due iniziale Lightsabre Cocksucking Blues/No New Wave No Fun e le nevrosi martellanti di To Hell With Good Intentions (anni dopo ripresa dai Japandroids), What We’ve Learned e The World Loves Us And Is Our Bitch. Per tacere delle micidiali Dethink To Survive e Whoyouknow.
Un capolavoro da disadattati, brutti, sporchi e cattivi. Vivaddio, vien da dire.

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Broken Face – Pixies
Boilermaker – Jesus Lizard
Crow – Shellac

…e guarda anche
Kick-Ass – Matthew Vaughn
Django Unchained – Quentin Tarantino

Leggi tutto ►

Converge

All We Love We Leave Behind

Epitaph, 2012
avatar

Postato da
il

Già l’assalto di Aimless Arrow non lascia scampo: la batteria ciclopica di Ben Koller a travolgere ogni cosa, come colpi menati da ogni parte in una stanza buia, e la chitarra di Kurt Ballou ad avvilupparsi mentre Jacob Bannon declama una melodia disperata prima di abbandonarsi al consueto urlo gutturale.
Poi è tutta una discesa in una spirale di ultraviolenza Slayeriana, portata al limite nei riff thrash di Trespasses, Tender Abuse e Sadness Comes Home, tanto più spaventose per precisione e controllo, quando invece Vicious Muse e Veins And Veils ingannano inizialmente con ritmi un poco più lineari, prima di esplodere ipercinetiche dalle casse.
Ma le sorprese maggiori i Converge le riservano per il gran finale, spettacolare in una Coral Blue che ascende dall’oscurità della strofa alla luce di un coro melodico e sorprendente, e in quell’abisso di pura malinconia che è Precipice (clangori ambientali, un pianoforte e una chitarra solista commoventi) che sfociano nella mastodontica All We Love We Leave Behind, ipnotica e progressiva e poi torrenziale e inarrestabile.
 
Ascolta tre brani tratti dall’album
Aimless Arrow, Trespasses, Coral Blue
…e tutto lo streaming di All We Love Can Leave Behind
 
Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Slayer – Angel Of Death
Cave In – Jupiter
At The Drive-In – Arcarsenal
Shellac – Crow
Death – Overactive Imagination

Leggi tutto ►