Archivio tag: tatuaggi

Nicolai Lilin

Educazione Siberiana

Einaudi, 2009, pag. 343
avatar

Postato da
il

C’è chi si gode la vita, c’è chi la soffre, invece noi la combattiamo.

ANTICO DETTO DEGLI URCA SIBERIANI

Il protagonista di questo romanzo è l’autore stesso, chiamato Kolima dalla sua comunità siberiana. Il giovane criminale che qui parla di come si diventa adulti tra i siberiani, ci racconta la sua storia, ma anche il suo stile di vita e la cultura dell’intera comunità. Le tappe fondamentali: il cappello a otto triangoli, il primo coltello, la prima pistola, gli scontri tra criminali, la prigione, la religione, come si trattano i criminali e come ci si comporta: perchè nel modo di vivere siberiano c’è un’educazione. Superficiale è pensare che i criminali non abbiano delle regole, non abbiano personalità definite, o non abbiano tradizioni. Il giovane Kolima, vuole da grande diventare tatuatore, per raccontare le vite della gente, perchè i criminali siberiani hanno la loro storia scritta sulla pelle, con tatuaggi di significato e pregio antico. Così nella realtà occidentale Nicolai è uno scrittore, ma lo sarebbe tanto uguale se fosse un tatuatore in Siberia. Questa “Educazione siberiana” è il primo romanzo di una trilogia ispirata alla sua vita, e dal romanzo ne è stato tratto un film, con buona interpretazione, ma differente finale. Interessante è come s’impara a non assiociare ad un concetto negativo la parola criminale, perchè se stiamo parlando di un criminale che ha ricevuto una sana e completa educazione, non abbiamo davanti una persona malvagia o inaffidabile, ma solo qualcuno che per vivere compie atti illegali. La prima grande consolazione e sicurezza per un siberiano, è quella di aver ricevuto un’educazione e di saper stare al mondo.

Ti è piaciuto questo libro?

Allora leggi anche Trilogia siberiana di Nicolai Lilin

e vedi anche il film

Educazione siberiana di Gabriele Salvatores

Batman di Tim Burton

Leggi tutto ►