Archivio tag: the prestige

P. J. Harvey

To Bring You My Love

Island, 1995
avatar

Postato da
il

Climbed over mountains
Travelled the sea
Cast down off heaven
Cast down on my knees
I’ve laid with the devil
Cursed god above
Forsaken heaven
To bring you my love

Se state leggendo questa frase, vi siete già resi conto, qualche riga più su, dell’artista di cui si parlerà adesso.
E state già sorridendo.
Semplicemente: è impossibile non aver mai ascoltato, anche solo di sfuggita, To bring you my love dell’incommensurabile Polly Jean Harvey: brani che ad ogni ascolto disvelano nuovi turbamenti emozionali, gli stessi provati durante la lavorazione dell’album.
Difatti, c’è una continua ricerca di sonorità, una ricerca terribilmente affascinante fra musica e parole. Ogni canzone è un pezzo dell’unicum musicale e umano di Polly, reso dalla sua voce che definire sognante, sofferta, ispirata e sexy è dire poco. Il primo singolo estratto, Down by the water, è l’emblema del connubio note-testo, della luce tenebrosa che poco a poco si eclissa lasciando spazio agli echi ammaliatori di Working for the man. Una forma di malinconia soffusa impera in tutte le canzoni, forse più evidente nelle prime tracce, ma non c’è assolutamente tristezza: c’è la voglia grezza di resistere alle intemperie del vivere, il torbido splendore che attornia la Harvey.
Come se da un deserto fattosi foglio si leggesse la vita.
“So long day, so long night/Oh Lord, be near me tonight/Is he near ? is he far ?/Bring peace to my black and empty heart”

Ascolta quattro brani tratti dall’album:
To Bring You My Love, Down By The Water, Meet Ze Monsta, Working For The Man

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche:
Mourn – Mourn
Heike Has The Giggles – Crowd Surfing
Sleater-Kinney – The Woods

… e leggi anche
PJ Harvey : la sirena del rock – Elisa Manisco
The Hollow of the Hand – P.J. Harvey

… e guarda anche
Moon – Duncan Jones
The Prestige – Christopher Nolan

Leggi tutto ►

Duncan Jones

Moon

UK, 2009
avatar

Postato da
il

Chi l’avrebbe mai pensato? Tutta l’energia di cui avevamo bisogno, proprio sopra le nostre teste. L’energia della Luna. L’energia del nostro futuro.

In un futuro ricostruito come un passato prossimo, la Lunar Industries ha trovato il modo di reperire una fonte di energia alternativa, sfruttando il suolo lunare per dare nuove opportunità alla Terra.
Sam Bell è l’unico dipendente dell’unica base, un contratto di lavoro della durata di tre anni.
Tre anni passati in solitudine, con la sola compagnia di un’intelligenza artificiale, GERTY (di volta in volta glaciale e amichevole), e dei videomessaggi della moglie Tess.
A due settimane dal rientro, Sam comincia ad avvertire seri disturbi, confuso da forti mal di testa e allucinazioni, finchè un giorno non rimane coinvolto in un grave incidente.
Si sveglierà solo dopo tempo, ristabilito eccetto una lieve amnesia, e uscirà dalla base in cerca di risposte: giunto sul luogo dell’incidente, però, si troverà di fronte a qualcosa di imprevisto e terribile.
Esordio che, con il tempo, è diventato un piccolo classico contemporaneo, Moon svela il gran talento del figlio d’arte Duncan Jones.
La passione per i grandi capolavori della science fiction degli anni Settanta e Ottanta è riversata in una pellicola preziosa, che racconta con straordinario coinvolgimento emotivo l’uomo di fronte a sé stesso, il suo rapporto con la macchina, la solitudine, la distanza.
Merito della commovente interpretazione di Sam Rockwell e di scelte di regia secche ed essenziali, che consentono di aggirare i limiti imposti da un budget risicatissimo.
Un impianto narrativo solido e convincente, dalla tensione costante, costruita scena dopo scena con una gestione magistrale delle ombre, dei vuoti e dei silenzi dello spazio. Dove nessuno può sentirti urlare.
 
Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Source Code – Duncan Jones
Blade Runner – Ridley Scott
2001: Odissea Nello Spazio – Stanley Kubrick
Alien – Ridley Scott
The Prestige – Christopher Nolan
 
…e ascolta anche
Space Oddity – David Bowie
Staràlfur – Sigur Rós
Moon – Clint Mansell (Full OST)
 
Locandina di Moon, esordio alla regia di Duncan Jones
Regia: Duncan Jones
Soggetto: Duncan Jones
Sceneggiatura: Nathan Parker
Fotografia: Gary Shaw
Musiche: Clint Mansell
Durata: 93′
 
Interpreti e personaggi
Sam Rockwell: Sam Bell
Robin Chalk: Sam Bell (clone)
Dominique McElligott: Tess Bell
Kaya Scodelario: Eve Bell

Leggi tutto ►

Erin Morgenstern

Il circo della notte

Rizzoli, 2012, 460 p.
avatar

Postato da
il

Il circo arriva inaspettato.
Nessun annuncio lo precede, niente volantini né affissioni o cartelloni, nessuna menzione sui giornali. Spunta così, semplicemente, dove ieri non c’era.
I tendoni svettano a strisce bianche e nere, niente oro né cremisi. Nessun colore, eccetto quello degli alberi e dell’erba dei campi intorno. Strisce bianche e nere contro il cielo grigio.

Due maghi che si affrontano mettendo l’uno contro l’altro i propri allievi e un circo che diventa inconsapevole terreno di sfida. Così Celia e Marco contrappongono la propria abilità con la magia in un crescendo di attrazioni sempre più complesse. Fino a quando la competizione lascia il posto alla stima per le capacità dell’altro. Un fantasy insolito, prima opera di Erin Morgenstern, in cui la magia viene tenuta nascosta agli occhi dello spettatore, come se non fosse altro che un semplice trucco da illusionista.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
La corporazione dei maghi- Trudi Canavan

…e guarda anche
The Prestige- Christopher Nolan

Leggi tutto ►

Christopher Nolan

The Prestige

USA - Regno Unito 2006 (130')
avatar

Postato da
il

“Perché per far sparire qualcosa, non è abbastanza farla sparire: bisogna riportarla. Ecco perché ogni trucco di magia ha un terzo atto, la parte più difficile, la parte che noi chiamiamo ‘The Prestige’.

“Non è la magia che conta, ma il trucco che c’è dietro di questa”.

Londra, fine ’800. Robert Angier, la sua amata moglie Julia McCullough  ed Alfred Borden sono amici e collaboratori di un mago. Quando Julia muore accidentalmente durante una performance di magia, Robert incolpa Alfred: ne nasce una profonda inimicizia. “Il grande Danton” e “Il professore”, come amano farsi chiamare rispettivamente Angier e Borden, diventano maghi famosi e rivali, che non perdono occasione per sabotarsi vicendevolmente le prestazioni sul palco, fino ad oltrepassare ogni limite…

Ti è piaciuto questo film? Allora leggi anche
Il Maestro e Margherita – Bulgakov Michail (prima edizione 1966)

…e guarda anche…
Il Cavaliere Oscuro – Christopher Nolan

…e ascolta anche
The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars – David Bowie

 

locandina prestige

Regia:  Christopher Nolan
Sceneggiatura: Christopher e Jonathan Nolan
Musiche: W. Davies

Interpreti e personaggi
Christian Bale – Alfred Borden
Michael Caine – Cutter
Hugh Jackman – Robert Angier
Scarlett Johansson – Olivia Wenscombe

 

Leggi tutto ►