Archivio tag: todd strasser

Stuart Beattie

Il domani che verrà- The tomorrow series

Australia, 2010
avatar

Postato da
il

L’unica nostra certezza era che, per il momento, eravamo liberi.
Ma non avevamo fatto niente per guadagnarci quella libertà.

Almeno non ancora.

Ellie e Corrie, amiche da sempre, decidono di partire con alcuni amici per un fine settimana nella selvaggia natura australiana.
Al ritorno, i ragazzi trovano le loro case abbandonate.
I genitori sono scomparsi.
La televisione, internet e le linee telefoniche sono fuori uso.
Mentre si trovavano lontani, un esercito straniero ha invaso l’Australia, nel tentativo di trovare nuove terre in cui insediare la propria popolazione.
Non resta altro da fare che cercare di trovare un rifugio sicuro, in cui fuggire agli invasori. Ma salvarsi non sembra essere sufficiente: i ragazzi decidono di combattere.
Il domani che verrà- The tomorrow series è la trasposizione cinematografica dell’ottimo omonimo romanzo di John Marsden.
Nel film, così come nel libro, il desiderio di avventura dei protagonisti sfocia nella consapevolezza di dover fare qualcosa in prima persona per riprendere le fila della propria vita.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…
Maze runner. Il labirinto- Wes Ball
Divergent- Neil Burger

…leggi anche…
Immagina di essere in guerra- Janne Teller
Hunger games- Suzanne Collins
La bomba- Todd Strasser
YA- Roberto Recchioni
Berlin- Fabio Geda e Marco Magnone

…e ascolta anche…
The Pretender- Foo Fighters
Muse- Uprising

Il domani che verrà- Stuart Beattie

Regia: Stuart Beattie
Soggetto: John Marsden
Sceneggiatura: Stuart Beattie
Durata: 100′

Interpreti e personaggi
Caitlin Stasey: Ellie Linton
Rachel Hurd-Wood: Corrie Mackenzie
Lincoln Lewis: Kevin Holmes
Deniz Akdeniz: Homer Yannos
Phoebe Tonkin: Fiona Maxwell
Chris Pang: Lee Takkam
Ashleigh Cummings: Robyn Mathers

Leggi tutto ►

Janne Teller

Immagina di essere in guerra

2014, Feltrinelli, 61 p.
avatar

Postato da
il

Se oggi in Italia ci fosse la guerra… tu dove andresti?
Se le bombe avessero distrutto quasi tutto il paese, quasi tutta la città?
Se nell’appartamento in cui vivi con la tua famiglia le pareti fossero piene di buchi, le finestre rotte, i balconi strappati via? Sta arrivando l’inverno, il riscaldamento non funziona e piove dentro casa. L’unica stanza abitabile è la cucina. Tua madre ha la bronchite e forse cova un’altra polmonite. Tuo fratello maggiore ha già perso tre dita nello scoppio di una mina e sostiene la Milizia contro il volere dei tuoi genitori. Tua sorella più piccola è stata ferita alla tesa dalle schegge di una granata ed è ricoverata in un ospedale privo di attrezzature.

Tu sei ancora tutto intero, ma hai paura.

Le opere dell’autrice danese Janne Teller non lasciano mai indifferenti. Non si può negare la sua capacità di parlare di temi complessi, in modo estremamente diretto, senza tralasciare nemmeno gli aspetti più cupi.
Immagina di essere in guerra è un libro piccolo ma prezioso, nel suo raccontare una guerra immaginata ma, allo stesso tempo, così vicina a quelle di cui sentiamo parlare quotidianamente.
L’idea da cui prende vita sta già tutta nel titolo: la scrittrice immagina un’Italia coinvolta in un conflitto. Parla di come la vita di un ragazzo qualunque possa cambiare per la semplice ragione di vivere in un posto in cui la pace è solo un vago ricordo.
La narrazione dell’autrice, semplice e diretta ma allo stesso tempo coinvolgente, accompagna la famiglia del protagonista nella ricerca di un modo per sopravvivere, nella decisione di abbandonare la propria casa per cercare un luogo più sicuro dove stabilirsi.
A colpire, più di tutto, è la progressiva perdita dei sogni e delle speranze che segue l’allontanamento dagli affetti e da tutte quelle comodità ed abitudini che si danno troppo spesso per scontate.
Il racconto è reso ancora più coinvolgente dalle bellissime immagini realizzate da Helle Vibeke Jensen.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Tutta la luce che non vediamo- Anthony Doerr
Be safe- Xavier- Laurent Petit
La bomba- Todd Strasser
Il domani che verrà- John Marsden
Niente- Janne Teller

… guarda anche
Storia di una ladra di libri- Brian Percival

Leggi tutto ►

Kevin Brooks

Bunker Diary

Piemme, 2015, 277 p.
avatar

Postato da
il

E’ quasi mezzanotte. Sono qui da quasi quaranta ore. Giusto? Credo. Comunque, sono qui da un bel po’ e non è successo niente. Sono ancora qui, ancora vivo, ancora a guardare i muri. A scrivere queste parole. A pensare.
Per la testa mi sono passate mille domande.
Dove sono?
Dov’è il cieco?
Chi è?
Cosa vuole?
Cosa vuole farmi?
Cosa posso fare io?
Non lo so.

Sei persone rinchiuse in un bunker, senza possibilità di avere contatti con l’esterno e del tutto dipendenti dalla volontà dell’uomo che li ha catturati.
Questa la storia agghiacciante raccontata in Bunker Diary dall’autore inglese Kevin Brooks.

A narrare la paura e l’ansia dei protagonisti è Linus, sedicenne scappato di casa, rapito dopo mesi passati per strada.
Con lui, un insieme di individui scelti in modo apparentemente casuale. Ad accomunarli è la rabbia, nata dalla consapevolezza di essere pedine di un gioco sadico e privo di senso.

A partire dalla splendida immagine di copertina, Bunker Diary racconta cosa possa significare non essere più padroni del proprio destino e ci parla delle meschinità e dei piccoli gesti eroici che possono essere compiuti in situazioni estreme.

Linus esprime tutta la sua rabbia e la sua frustrazione per non poter far nulla per rendere meno penosa la situazione dei suoi compagni di prigionia. Sono le stesse sensazioni di chi legge: ad ogni pagina si spera che l’insensata sofferenza dei protagonisti venga in qualche modo alleviata da un evento inaspettato.

Bunker Diary è una travolgente e crudele discesa all’inferno. Un libro prezioso ed essenziale proprio per il suo modo di mostrare la crudeltà dell’animo umano.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Il rifugio- S.A. Bodeen
La bomba- Todd Strasser
Un gioco da bambini- J.G. Ballard

…e guarda anche
Cube- Vincenzo Natali
Maze Runner- Il labirinto- Wes Ball

Leggi tutto ►

Todd Strasser

La bomba

Rizzoli, 2014, 262 p.
avatar

Postato da
il

Non c’è modo di sfuggire alle grida disperate delle persone che sono state lasciate fuori. Con lo stomaco sottsopra e il cuore che batte forte, cerco di trattenere le lacrime e desidero con tutto il cuore che il fracasso sparisca.
E poi un nuovo rumore, più distante… sempre più forte, come una serie di tuoni. Poi un boato, e un ultimo orribile grido subito soffocato dal suono assordante di vetri infranti e pareti crollate.

Nel 1962, con la crisi dei missili di Cuba, la popolazione degli Stati Uniti deve affrontare la minaccia di un attacco nucleare sovietico. Scott vede entrare nella sua quotidianità esercitazioni antiaeree, l’ingombrante rifugio antiatomico che suo padre, unico nel quartiere, decide di costruire e, soprattutto,la paura della morte e la consapevolezza che la sua vita potrebbe cambiare radicalmente da un momento all’altro.
A differenza di quanto avvenuto nella realtà, nel racconto di Todd Strasser, gli Stati Uniti vengono attaccati. Nella notte in cui la bomba esplode, i vicini di Scott entrano con la forza nel rifugio, pensato per quattro persone e che ora ne deve contenere una decina.
Todd Strasser ci racconta due storie parallele: da una parte la serena vita di Scott prima della bomba e dall’altra la paura, la fame e la vergogna per la mancanza di intimità del rifugio.
Come già aveva fatto nel suo precedente bellissimo romanzo L’Onda, l’autore racconta le reazioni di persone normali in situazioni eccezionali. La rabbia, la paura e la disperazione possono rendere spietato chiunque, anche il più caro amico.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
L’onda- Todd Strasser
In trappola- Michael Northrop
Il rifugio- S.A. Bodeen

Prendi in prestito questo libro su MediaLibraryOnLine e, se non sai di cosa stiamo parlando, corri nella biblioteca più vicina a casa tua per scoprirlo!

Leggi tutto ►