Archivio tag: tony molina

Weezer

Everything Will Be Alright In The End

Republic, 2014
avatar

Postato da
il

so open your arms
and let me come in

Già la copertina – tenera e terribile, da vero fumettone – e il titolo del nono disco dei Weezer hanno il sapore del ritorno a casa. Alla fine Rivers Cuomo e compagni hanno ripreso a fare quel che gli riusciva meglio, un power-pop adolescenziale che alla metà degli anni ’90 li aveva portati a pubblicare almeno un paio di album – l’omonimo con la copertina blu e Pinkerton – indimenticabili per chiunque abbia avuto almeno una volta sedici anni.
Nelle tredici canzoni di Everything Will Be Alright In The End c’è davvero tutto quel che dovrebbe esserci: le chitarre che pescano tanto dall’indie-rock quanto dagli anni ’70 più tamarri; le melodie assassine, i crescendo piazzati dove fanno più male, i ritornelli e i cori perfetti; i testi che invariabilmente si concentrano su sfighe amorose e rapporti problematici, filtrati dagli occhiali di nerd quarantenni per cui il tempo sembra non passare mai.
E così, dall’apertura strepitosa di Ain’t Got Nobody e Back To The Shack, passando per il fantastico singolo Lonely Girl – provate a non cantarle con il sorriso stampato in faccia, se ci riuscite – e il malinconico ballo a due voci Go Away, con Bethany Cosentino dei Best Coast, il disco va a spegnersi sulla speranza di Foolish Father e l’ambiziosa suite in tre parti che in otto minuti racchiude tutto l’universo Weezer, tra chitarre scintillanti e una gioia evidente nell’esecuzione.
Everything Will Be Alright In The End, insomma, non cambierà di una virgola il mondo musicale di oggi né quello di domani, ma grazie a canzoni belle e bellissime è un conforto per chiunque si senta solo al mondo e stia cercando qualcuno da abbracciare. Male che vada, qui troverà una melodia.

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Almost Ready – Dinosaur Jr.
Breakin’ Up – Tony Molina
Jesus Of Suburbia – Green Day
Cannonball – The Breeders

Leggi tutto ►

Tony Molina

Dissed And Dismissed

Slumberland, 2014
avatar

Postato da
il

I’ve got to leave this town
’cause all my friends
they like me more
when I am not around

Dodici pezzi in undici minuti, ritornelli e melodie perfette che non raggiungono mai i cento secondi di durata e si fermano sempre un attimo prima di aggiungere qualcosa di troppo. Less is more come motto e stile di vita, insomma.
Uscito un anno fa per la piccola etichetta Melters, Dissed And Dismissed, esordio solista dell’iperprolifico Tony Molina, viene ristampato oggi da Slumberland e si capisce bene perché: l’album è una vera gioia per tutti gli amanti dell’indie-rock più rumoroso e del pop chitarristico che non ha paura di sporcarsi le mani con i suoni grossi dell’hard rock.
Da Nowhere To Go, con una progressione melodica micidiale replicata nelle gemelle Tear Me Down, See Me Through e The Way Things Are, fino all’epica chiusura di Walk Away, solare e malinconica insieme, i pezzi sono un puro concentrato di Guided By Voices e Weezer, Dinosaur Jr. e Teenage Fanclub, proiettato attraverso la lente deformante del talento di Molina. Ne escono brani autografi di gran valore come Change My Ways e Nothing I Can Do, una fedelissima cover acustica di Wondering Boy Poet e, soprattutto, due piccoli capolavori power-pop quali Can’t Believe e Don’t Come Back.
Disco perfetto per quelle giornate primaverili indecise tra pigrizia ed euforia, Dissed And Dismissed riempie un angolo di cuore con meravigliose canzoni pop in miniatura, di quelle che fanno venir voglia di premere il tasto play a ripetizione.

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Everything’s The Same – Ovens
Game Of Pricks – Guided By Voices
Why Bother? – Weezer
Almost Ready – Dinosaur Jr.
Radio – Teenage Fanclub
Sugarcube – Yo La Tengo

Scaricatelo gratis e legalmente da MediaLibraryOnLine e, se non sapete di cosa stiamo parlando, correte nella biblioteca più vicina a casa vostra per scoprirlo.

Leggi tutto ►