Archivio tag: ursula le guin

Hideaki Anno

Neon Genesis Evangelion

Giappone, 1995-1996
avatar

Postato da
il

Le persone non sono in grado di comprendere appieno il proprio prossimo. Ciascuno di noi è in parte oscuro persino a se stesso. Riuscire a comprendersi al cento per cento è sempre impossibile. È per questo che le persone si sforzano costantemente nel tentativo di conoscere se stessi e gli altri. Ed è proprio questo a rendere la vita tanto interessante.

Shinji è uno dei ragazzi prescelti per guidare i giganteschi mecha denominati Eva, l’unico strumento di difesa dell’umanità contro gli Angeli, entità comparse in seguito ad un evento catastrofico che ha quasi causato la distruzione del mondo.

A guidare il progetto Eva c’è proprio il padre di Shinji che, però, non dimostra alcun affetto o alcuna stima per il figlio, nemmeno quando questi affronta pericoli potenzialmente mortali a bordo del suo Eva. La sua nuova famiglia diventano, quindi, la sua tutrice il Capitano Misato Katsuragi e, soprattutto, gli altri due piloti con cui condivide l’onere di guidare gli Eva: Rei Ayanami e Asuka Sōryū Langley.

I tre protagonisti sono giovani eroi del tutto reali nel loro desiderio di autoconservazione e nella loro paura di fallire.

Al di là dell’intreccio della trama, la serie è ricca di riferimenti filosofici e religiosi e riflessioni sull’io, sul ruolo che l’individuo ha nella società e sulle tendenze autodistruttive che sembrano indissolubilmente legate alla natura umana.

Su Neon Genesis Evangelion è stato detto tutto e il contrario di tutto. Non si può negare che la serie sia tanto articolata e complessa da dare vita a numerose interpretazioni. Certamente un ruolo chiave viene giocato dalla sofferta ricerca del proprio io che i diversi personaggi affrontano, ciascuno a suo modo, nel corso degli episodi.

Ti è piaciuta questa serie? Allora guarda anche…
The Voices of a Distant Star- Shinkai Makoto
L’attacco dei giganti- Tetsuro Araki
Rogue One. A Star Wars Story- Gareth Edwards

…leggi anche…
Il gioco di Ender- Orson Scott Card
I doni- Ursula LeGuin
Il domani che verrà- John Marsden

neon-genesis-evangelion

Regia: Hideaki Anno- Kazuya Tsurumaki
Fotografia: Yoichi Kuroda- Yoichi Kurato
Direzione artistica della serie: Hiroshi Kato
Musiche: Shiro Sagisu
Durata: 26 edpisodi

Leggi tutto ►

James Mangold

Logan. The Wolverine

USA, 2017
avatar

Postato da
il

Quando ti ho trovato tu stavi intraprendendo una carriera di lottatore in una gabbia, là eri al culmine di una vita da assassino strafatto di barbiturici… Eri un animale! Ma noi ti abbiamo accolto. E io ti ho dato una famiglia.

I mutanti convivono da sempre con la minaccia della loro imminente estinzione. Nell’epoca raccontata in Logan- The Wolverine, l’ipotesi della scomparsa di chiunque possieda super poteri è diventata realtà.

Logan, invecchiato a causa di un avvelenamento da adamantio che riduce il suo potere rigenerante, si trascina in una vita miserevole con il solo obbiettivo di riuscire a comprare uno yacht sul quale mettere in salvo Charles Xavier. Questi è stato colpito da una malattia degenerativa a causa della quale ha involontariamente causato la morte di numerosi mutanti.

Logan viene avvicinato da Gabriela, infermiera della Essex Corp, che gli rivela come la compagnia stia cercando di creare soldati partendo dal bagaglio genetico di alcuni mutanti.

Gabriela ed altre infermiere della compagnia sono riuscite a far fuggire i bambini nati da questi esperimenti, che dovranno nascondersi in un posto sicuro da loro chiamato Eden. Tra loro, una sola bambina è riuscita a scappare con la donna. Si tratta di Laura, nata partendo proprio da un campione di DNA di Logan.

La esperienze vissute da questa figlia/non figlia evocano tanto profondamente il drammatico passato di Wolverine da convincerlo ad aiutarla.
Laura è uno specchio di quanto Logan ha cercato di lasciarsi alle spalle: la violenza e la rabbia che hanno segnato tutta la sua vita.

Logan- The Wolverine è l’ultimo film della serie dedicata al super eroe dagli artigli di adamantio, impersonato da Hugh Jackman. Questo affascinante personaggio, creato negli anni ’70 da Len Wein e Herb Trimpe, è indissolubilmente legato all’aura animalesca che lo caratterizza, rendendolo una figura anomala nel panorama dei super eroi.

Ti è piaciuto questo film? Allora leggi anche…
I doni- Ursula LeGuin
Half Bad- Sally Green

…e guarda anche..
Spider- Man. Homecoming- Jon Watts
X-Men- Brian Singer
Wolverine. L’immortale- James Mangold

logan-the-wolverine-james-mangold

Regia: James Mangold
Sceneggiatura: Scott Frank, Michael Green, James Mangold
Musiche: Marco Beltrami
Fotografia: John Mathieson
Durata: 137′

Interpreti e personaggi
Hugh Jackman- Logan
Patrick Stewart- Charles
Dafne Keen- Laura
Stephen Merchant- Calibano
Richard E. Grant- Dr. Rice
Boyd Holbrook- Donald Pierce

Leggi tutto ►

Alwyn Hamilton

Rebel. Il deserto in fiamme

Giunti, 2015, 270 p.
avatar

Postato da
il

I Primi Esseri guardarono questa creatura mortale cui avevano dato la vita e, pieni di stupore, videro che non temeva la morte. Lottava, e osava farlo perché il suo destino era morire. E se la Devastatrice di Mondi aveva creato la paura, il Primo Mortale aveva il coraggio per affrontarla. A differenza dei mortali, gli immortali non ne avevano mai avuto bisogno prima di allora.
Pertanto i Primi Esseri crearono un altro mortale e poi un altro ancora.

Dustwalk è un villaggio di frontiera, circondato dal deserto. E’ un luogo povero e inospitale, da cui non si può far altro che fuggire.

Qui vive Amani, rimasta orfana dopo la condanna a morte della madre, colpevole di aver ucciso suo marito.
Amani non si accontenta di vivere come i suoi zii e la sua comunità vorrebbero che facesse. Di notte, si nasconde dietro all’identità del Bandito dagli Occhi Blu, infallibile tiratore, noto per la sua imbattibilità nelle sfide con la pistola che si svolgono nelle più malfamate bische della zona.

Quando una serie di incredibili circostanze le permette di lasciare Dustwalk, scoprirà che la sua seconda identità non è il solo segreto che la coinvolge. C’è un mistero ancor più grande che riguarda le sue origini e che ha spinto sua madre a mentirle sul nome del suo vero padre.

Rebel. Il deserto in fiamme è il primo volume di una trilogia, scritta dall’autrice canadese Alwyn Hamilton. Originale per la sua ambientazione che ricorda il vicino Oriente, il racconto piacerà certamente a chi ha amato le grandi eroine del fantasy contemporaneo (delle serie come Hunger Games a Divergent, passando per le meno note ma sempre coinvolgenti Graceling e La corporazione dei maghi).

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Il trono di ghiaccio- Sarah J. Maas
Regina rossa- Victoria Aveyard
La leggenda di Earthsea- Ursula Le Guin
La corporazione dei maghi- Trudi Canavan

…e guarda anche…
I racconti di Terramare- Goro Miyazaki

Leggi tutto ►

Jon Favreau

Iron Man

USA, 2008
avatar

Postato da
il

È meglio essere temuti o rispettati? Io dico: è troppo chiedere entrambe le cose?

Tony Stark, fin da ll’infanzia, dimostra un incredibile talento nell’inventare e costruire macchinari dalla tecnologia avanzatissima. Il suo lavoro viene messo al servizio dell’azienda di famiglia che si occupa di produrre armi per l’esercito.

La sua vita, dedicata a feste, alcool e donne, prende una piega inaspettata quando viene rapito da un gruppo armato. La consapevolezza che alcune delle sue creazioni siano finite in mano ai suoi aguzzini e non siano state impiegate, come aveva sempre creduto, per proteggere il suo paese, manda in crisi le sue certezze e lo porta a stravolgere la sua vita.

Tony Stark si trasforma così, grazie ad un’armatura iper tecnologia da lui ideata, nel supereroe Iron Man.

Jon Favreau da vita ad uno dei personaggi più noti ed iconici dell’universo Marvel, in quello che sarà il primo appassionante episodio di una trilogia.

Da non dimenticare anche le apparizioni del supereroe nella serie di film dedicata agli Avengers.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…
Wolverine. L’immortale- James Mangold
X-Men- Bryan Singer
Chronicle- Josh Trank

…leggi anche
Il ragazzo dei mondi infiniti- Neil Gaiman e Michael Reaves
I doni- Ursula LeGiun

…e ascolta anche
The Pretender- Foo Fighters

Iron Man- Jon Fevrau

Regia: Jon Favreau
Sceneggiatura: Mark Fergus- Hawk Ostby- Art Marcum- Matt Holloway
Musiche: Ramin Djawadi
Durata: 126′

Interpreti e personaggi
Robert Downey Jr.: Iron Man/Tony Stark
Gwyneth Paltrow: Pepper Potts
Terrence Howard: Rhodey
Jeff Bridges: Obadiah Stane

Leggi tutto ►

Victoria Aveyard

Regina rossa

Mondadori, 2015, 430 p.
avatar

Postato da
il

Non si tratta di semplice intrattenimento per dare ai rossi un po’ di tregua dal lavoro estenuante. E’ un piano freddo e calcolato, un messaggio chiaro: solo gli argentei combattono nelle arene, perché solo un argenteo può sopravvivere. Combattono per mostrarci la loro forza, il loro potere. “Non avete speranze contro di noi. Siamo molto meglio. Siamo degli dei.” sembra gridare ogni colpo sovrumano inferto dai campioni.
Ed è assolutamente vero.

Mare Barrow sopravvive grazie a piccoli furti e al lavoro di ricamatrice della sorella minore. Il suo destino è quello, una volta arrivata ai diciotto anni, di entrare nell’esercito.
Anche per i suoi fratelli maggiori è stato così.
La loro è una famiglia di Rossi, gente comune dominata dagli Argentei, dotati di poteri eccezionali.

Mare non ha mai potuto sperare in un destino diverso, fino alla sera in cui tenta di derubare Cal.
Trascinata nel palazzo reale, non solo scopre di aver cercato di borseggiare l’erede al trono ma anche di avere, nonostante il suo sangue rosso, un potere fuori dall’ordinario.

La sua esistenza diventa una minaccia al regno e alla struttura stessa della società in cui vive. Per questo, dovrà nascondersi per tutta la vita dietro una falsa identità da Aregentea.

L’autrice Victoria Aveyard, esordisce con un fantasy coinvolgente e ben scritto che piacerà tanto agli amanti del genere distopico quanto ai fan delle saghe di Trudi Canavan.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Graceling- Kristin Cashore
I doni- Ursula Le Guin
Il signore della neve e delle ombre- Sarah Ash
Il trono di ghiaccio- Sarah J. Maas

…e guarda anche
Hunger Games- Gary Ross
Divergent- Neil Burger

Leggi tutto ►

Sally Green

Half Bad

2014, Rizzoli, 390 p.
avatar

Postato da
il

Tutto quello che posso fare è stare seduto e sperare che non trovi mai il suo Dono. E anche che nel caso in cui lo trovasse devo sperare che sia qualcosa di comune, come preparare pozioni, che è poi il Dono della nonna. O che abbia un Dono debole, come la maggior parte dei maschi. Ma lo so benissimo che non ha senso sperarci. So che avrà un Dono forte come la maggior parte delle femmine, che lei lo troverà, lo affilerà e lo eserciterà. E lo userà contro di me.

Nel romanzo d’esordio della scrittrice inglese Sally Green, il tema centrale è quello della lotta tra Bene e Male. Da questa semplice premessa, prende vita una storia avvincente e mai scontata.
Nel protagonista, Nathan, si incontrano i due mondi della magia bianca e di quella nera: è, infatti, figlio di una maga bianca e del più temuto mago oscuro. Per questo, nessuno può sapere che tipo di poteri Nathan svilupperà una volta raggiunta l’età in cui dovrà ricevere i propri Doni.
Tormentato per tutta la vita dalla sorella che lo ritiene colpevole della morte della madre e rinchiuso in una gabbia nel tentativo di domare il suo lato oscuro, Nathan dovrà cercare di capire la propria vera essenza.
La sua vera strada sarà forse un compromesso tra i due estremi del suo essere?

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
La corporazione dei maghi- Trudi Canavan
Red- Kerstin Gier
Il trono di ghiaccio- Sarah J. Maas
I doni- Ursula LeGuin

Leggi tutto ►

Andrew Fukuda

The Hunt

2013, Il Castoro, 325 p.
avatar

Postato da
il

Una volta eravamo di più. Ne sono certo. Non abbastanza da riempire uno stadio, forse neppure un cinema, ma sicuramente più di quanti siamo oggi. La verità è che non credo rimanga nessuno. A parte me. Succede, quando sei una prelibatezza. Quando ti vogliono a tutti i costi. Finisce che ti estingui.

Il romanzo The Hunt di Andrew Fukuda non racconta l’ennesima storia di vampiri. Gli abitanti del mondo descritto sembrano essere una specie di supereroi con una smodata sete di sangue. Vivono in una società ordinata e avanzata, non hanno nome, non sono in grado di ridere o cantare ma sono, nel loro modo di fare, del tutto simili agli umani, ormai quasi del tutto estinti.
Tra di loro si nasconde Gene, sopravvissuto grazie alla sua capacità di fingere di non essere umano. Gene è oppresso dalla consapevolezza e dalla vergogna di essere diverso. La sua vita è segnata dalla solitudine che si è dovuto imporre per fare in modo che la sua natura non venga scoperta. Il suo desiderio non è quello di trovare altri suoi simili o di salvare, in qualche modo, il genere umano ma semplicemente quello di sopravvivere il più a lungo possibile.

Leggi qui i primi due capitoli del libro.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Hunger games- Suzanne Collins
Shiver- Maggie Stiefvater
I doni- Ursula Le Guin

Leggi tutto ►

Ransom Riggs

La casa per bambini speciali di Miss Peregrine

Rizzoli, 2011, 383 p.
avatar

Postato da
il

Lì, in ginocchio sul pavimento impolverato, con quelle foto in mano, rivissi la sensazione di tradimento che avevo provato il giorno in cui avevo capito che le sue storie non erano vere. Adesso mi era tutto chiarissimo: le sue ultime parole erano state un ennesimo trucco da prestigiatore e il suo ultimo gesto prima di morire era stato infestarmi con incubi e ossessioni…

Jacob è cresciuto ascoltando le storie fantastiche raccontate dal nonno sulla sua infanzia, passata in un istituto su un’isola del Galles negli anni della Seconda Guerra Mondiale. Si tratta di racconti inverosimili su bambini con poteri straordinari: Hugh che ha uno sciame di api nello stomaco, Millard che si diverte a sfruttare la propria invisibilità per spiare gli altri, la piccola Olive che deve essere legata ad una lunga corda per non volare via in cielo. Con loro molti altri bambini, cresciuti dalla direttrice dell’istituto, Miss Peregrine (capace di trasformarsi, appunto, in un falco pellegrino). In un viaggio alla scoperta delle vere cause della misteriosa morte del nonno, Jacob entrerà nel mondo parallelo in cui questi stessi bambini vivono immutati da decenni, perennemente bloccati al 3 settembre 1940, giorno in cui l’intera isola pensa siano stati uccisi da una bomba.

Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Graceling- Kristin Cashore
I doni- Ursula LeGuin
Red- Kerstin Gier

…e guarda anche
Big fish- Tim Burton
X-men- Bryan Singer

Leggi tutto ►

Patrick Rothfuss

Il nome del vento

Fanucci, 2008, 853 p.
avatar

Postato da
il

Le parole sono pallide ombre di nomi dimenticati. Come i nomi hanno potere, le parole hanno potere. Le parole possono accendere fuochi nelle menti degli uomini. Le parole possono far uscire lacrime dal più duro dei cuori. Ci sono sette parole per far innamorare di te una persona. Ci sono dieci parole per spezzare la volontà di un uomo risoluto. Ma una parola non è nient’altro che il dipinto di un fuoco. Il nome è il fuoco stesso.

 
Kvothe ha vissuto molte diverse esistenze. E’ stato un artista girovago, un bambino di strada dopo la morte dei suoi genitori, un abilissimo studente dell’Accademia, dove la magia viene studiata con rigore scientifico. Furbizia e fortuna lo portano a vivere innumerevoli esperienze fantastiche e incredibili. La sua vita diventa mito e lui si ritrova a nascondersi, diventando Kote, oste di uno sperduto villaggio minacciato dalla guerra. Sarà un cronista desideroso di conoscere la storia dietro alle leggende che parlano di lui, a spingerlo a narrare la sua storia.

 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
La corporazione dei maghi- Trudi Canavan
La leggenda di Earthsea- Ursula LeGuin
 
…e guarda anche
Il trono di spade- Serie televisiva

Leggi tutto ►

Sarah J. Maas

Il trono di ghiaccio

Mondadori, 2013, 461 p.
avatar

Postato da
il

Sapeva di poter scappare con facilità, ma sapeva anche che che sarebbe stata una pazzia. Il re l’avrebbe trovata, in un modo o nell’altro… Celaena si raddrizzò, il mento alto. Non sarebbe fuggita da loro come una criminale qualunque. Li avrebbe affrontati, avrebbe affrontato il re, e si sarebbe guadagnata la libertà con onore.

 
Dopo un anno trascorso nel terribile campo di lavoro di Endovier, a Celaena viene offerta una possibilità: riscattare il proprio passato di assassina, vincendo un torneo che le permetterà di diventare paladina del re. Il sovrano di Adarlan è un tiranno sanguinario che ha soggiogato un territorio immenso sterminando senza pietà chi si opponeva al suo comando. Tra le terre conquistate, una di quelle più duramente colpite è quella da cui proviene Celaena. Ma il desiderio di riconquistare la libertà è più forte della rabbia e dell’odio che prova. Tuttavia, se affrontare gli altri partecipanti alla sfida sembra essere semplice per lei, non lo sarà altrettanto avere a che fare con le presenze che un’antica magia ha evocato sul castello.
Il trono di ghiaccio è un ottimo fantasy che riscopre i temi e le caratteristiche tradizionali del genere e il lavoro di stesura di Sarah J. Maas, durato quasi dieci anni, non risente per nulla delle tendenze che sembrano dominare le saghe pubblicate nell’ultimo periodo.
E’ purtroppo da sottolineare l’infelice traduzione del titolo (Throne of glass in originale) che sembra voler forzatamente richiamare le Cronache del ghiaccio e del fuoco di Martin e che rende inspiegabile la presenza di un trono di ghiaccio in un palazzo costruito interamente in cristallo (e in una storia in cui il ghiaccio non compare affatto).
 
 
Ti è piaciuto questo libro? Allora leggi anche…
Le cronache del ghiaccio e del fuoco- George R.R. Martin
La corporazione dei maghi- Trudi Canavan
La leggenda di Earthsea- Ursula LeGuin

Leggi tutto ►